Italia ride! di Luca Boschi: assolutamente da leggere!

L’avventurosa epopea del fumetto comico italiano del dopoguerra. Ecco la sintesi del nuovo saggio di Luca Boschi. Un racconto che ci riporta, per mano, in quegli anni in cui il fumetto era veramente importante per gli italiani e, in particolare, quello umoristico che offriva momenti lieti anche in situazioni difficili. E magari colpiva con una satira non molto addolcita dalle piacevoli forme del disegno…
Il bel tomo di Luca lo ha pubblicato la gloriosa ANAFI e per averlo (e tu vuoi averlo!) ti basta associarti alla citata associazione. Fai click qui e segui le istruzioni.

E’ una lettura piacevole e… avventurosa, non si tratta di un noioso elenco di dati. Davvero si propone come un racconto, come sa fare Boschi, che ti trascina indietro nel tempo, ti fa scoprire quel che non sai, ti sollecita ricordi che avevi sepolto (se hai abbastanza anni, ovviamente, da aver letto qualcuno dei tanti fumetti che ti vengono mostrati), ti mostra l’inimmaginabile e ti fa capire cosa puoi scoprire dietro a quel che si legge oggi (se sei troppo giovane per averli letti, quelli di prima).

Per quelli della mia leva si legge con un piacere vagamente malinconico, che tuttavia sortisce sempre il sorriso. Solo molti anni dopo, rispetto alla mia infanzia, ho potuto conoscere personalmente, e ringraziare, alcuni dei grandi autori che tanto mi avevano dato coi loro fumetti, indelebilmente legati a ricordi di specifici momenti della mia vita. Insomma, lo consiglio vivamente.

La mia opinione potrebbe essere falsata dalla stima professionale (e umana) che ho per l’autore?… No, non inficia il mio giudizio (per quel che vale), ma per tua garanzia, ecco l’indice di un volume che ha alle spalle anni di non facili ricerche. Inoltre lo troverai interessante e dotto (questo volume si prepara a divenire un must per ricercatori e studiosi del fumetto, della comunicazione, del lavoro, della cultura, della storia italiana).

Eh? Che ne dici? Vale la pena! Oh, certo!
Lunga vita al Fumetto e a chi ne racconta la Storia!


Mostra la tua riconoscenza per queste afNews:
fai click qui!