Rilanci di Notizie da altre fonti

Nota Tecnica sui Rilanci di Notizie da altre fonti

9 maggio 2014

Se non stai scrivendo un tuo pezzo completamente originale, ma stai rilanciando una notizia da un’altra fonte, anzitutto ricorda che è bene cercare le Fonti Primarie e lavorare con quelle. Se alle fonti primarie sono già arrivati colleghi di altre testate, e ne hanno ricavato un bel pezzo utile e interessante pubblicato sui loro siti, è inutile (e anche sgradevole nei loro confronti) rifare il pezzo (pur non copiato, ma “rielaborato”). Lo so che alcuni blogger lo fanno e non se ne preoccupano punto, ma noi preferiamo (e lo troviamo assai più cortese e corretto) citare solo un paio di righe virgolettate del pezzo ben fatto dai colleghi e inserire di seguito il link col rilancio diretto al loro pezzo nel loro sito. In questo modo i nostri lettori verranno correttamente stimolati dal nostro titolo e dalle poche righe citate, e invitati ad andare alla fonte vera del pezzo completo, dove potranno leggerselo in originale. Va anche detto che copiare un pezzo integralmente non è solo scorretto dal punto di vista deontologico, ma anche una violazione di legge.

Alcuni blogger non usano questa cortesia e (copiando integralmente o “rielaborando” il pezzo originale, rendendo quindi inutile il link alla fonte, perché ormai hanno già scritto tutto nel proprio blog) trattengono i propri lettori chiusi nel proprio sito, forse per paura di perderli. A noi non interessa punto un comportamento del genere: a noi fa piacere che i lettori possano trovare le fonti dirette e magari scoprire nuovi siti, allargare le proprie conoscenze e aumentare la condivisione.

Inoltre considera che ogni sito ha un proprio bacino di lettori che solo in parte si sovrappone a quello di altri siti: ogni lettore sceglie alcuni posti che preferisce, per cercare notizie ecc., sulla base dei propri gusti personali, del modo in cui i contenuti vengono esposti, dell’estetica complessiva ecc. Nella filosofia di afNews, è bene favorire la circolazione delle fonti. Non abbiamo alcun interesse a trattenere i lettori confinati nel nostro perimetro (per giunta, non ospitando pubblicità, non abbiamo nemmeno interesse a far lievitare i “numeri” degli accessi o della fidelizzazione): noi offriamo condivisione e circolazione della conoscenza. E divertimento, ovviamente! :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.