Premio Itala, primo round: premiati Bozzetto, Cavandoli, Altan e D’Alò

Premio Itala: I migliori film d’animazione italiani di sempre

La Fabbrica dell’Animazione celebra i migliori film animati italiani mai realizzati in oltre un secolo. Forma d’arte sempre più cara al grande pubblico, il cinema d’animazione ha la forza di ricreare un mondo di puro sogno, fatto di immagini, colori e suoni in movimento, in cui l’immaginazione non ha confini.

12928376_704102006359341_4823623919430056865_n

A più di un secolo dai primi esperimenti di Arnaldo Ginna e Bruno Corra (1911), nel nostro paese si sono susseguiti autori molto diversi per contenuti e stili: dalle atmosfere fiabesche di Giulio Gianini ed Emanuele Luzzati al cinema di poesia di Simone Massi, passando per le pubblicità del Carosello, la Linea di Osvaldo Cavandoli e i lungometraggi di Enzo d’Alò, fino ad arrivare alle più recenti serie televisive come le Winx.

Il Premio Itala è un riconoscimento dedicato ai più grandi autori del cinema d’animazione italiano e viene assegnato da una giuria coordinata dallo storico e critico Giannalberto Bendazzi e composta da specialisti del settore.

L’obiettivo di Premio Itala è quello di contribuire alla valorizzazione del patrimonio culturale italiano in questo caso celebrando una delle sue forme artistiche che hanno permeato e accompagnato le generazioni dell’ultimo secolo, costruendo e nutrendo l’immaginario collettivo di adulti e bambini.  

La competizione prende in considerazione i film realizzati in tutto l’arco della storia d’animazione italiana, dagli inizi del secolo scorso a oggi. Quattro le categorie – lungometraggi, cortometraggi, serie televisive, pubblicità e sigle televisive – a cui saranno assegnati rispettivamente l’Itala d’Oro, l’Itala d’Argento e l’Itala di Bronzo.

Il Premio Itala è anche un esperimento di cooperazione tra artisti e intellettuali, e il suo video promo è un’animazione utile a interpretare l’illustrazione della campagna di comunicazione. Il trofeo da consegnare ai premiati è invece un’opera d’artigianato creativo, ispirata all’immagine del logo.

La sigla:

Animazione: Alice Buscaldi, Enrico Sanna
Sound: Federico Tubaro
Montaggio e titoli: Federico Greco
Si ringrazia: Ornella Di Profio, Monica Maria Seksich

12963827_704101823026026_6856222789913964113_n
Alice Buscaldi e Enrico Sanna, autori delle animazioni della sigla

Il trofeo:

Trofei-premio-itala

http://bottegapartigiana.org/intervista-a-ornella-di-profio-scultrice-dei-trofei-del-premio-itala/

Il percorso della prima edizione del Premio Itala prosegue nell’immediato con altre iniziative.

Dal 12 aprile infatti inizia Passioni Animate – Scopriamo e riscopriamo gli autori, ciclo di incontri sul cinema d’animazione italiano alla Casa della Cultura di Milano. Passioni Animate è anche il titolo del volume pubblicato in collaborazione con la casa editrice indipendente CDE. Il primo Quaderno de La Fabbrica dell’Animazione è una raccolta di saggi sulla storia del cinema d’animazione italiano, con la prefazione di Giannalberto Bendazzi, che sarà presentato alla Casa della Cultura il 24 maggio, a chiusura del ciclo d’incontri.

banner-comunicato

[Grazie ad Alice Buscaldi per le foto e le informazioni]

Ieri sera, a Milano, la prima serata di premiazione:

12931011_704101229692752_8515449535724075058_n

Vincitori categoria lungometraggi:

. Itala d’oro: Allegro non troppo di Bruno Bozzetto, consegnato all’autore dall’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, che ha affermato: “Sono particolarmente lieto di porre il premio nelle mani di Bozzetto, perché tutte le opere selezionate sono parte fondante della nostra cultura, ma Allegro non troppo in special modo è particolarmente caro a me e a molti altri di tutte le generazioni” .

. Itala d’argento: West and soda di Bruno Bozzetto

. Itala di bronzo: La gabbianella e il gatto di Enzo d’Alò

Vincitori serie TV:

. Itala d’oro a La Linea di Osvaldo Cavandoli, consegnato a Sergio Cavandoli da Davide e Daniele Ratti, studenti della Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti di Milano e autori del cortometraggio Lungomare proiettato a inizio della serata.

45683_thumb1LungomareRatti2
“Lungomare”

Premio Itala infatti non solo celebra i grandi maestri, ma supporta le nuove generazioni incoraggiando la creatività e la professionalità dei giovani che si cimentano con il cinema d’animazione.

. Itala d’argento: Pimpa di Osvaldo Cavandoli ed Enzo d’Alò, il quale, non potendo partecipare di persona, ha ugualmente voluto essere presente con un video di ringraziamento.

. Itala di bronzo: Il Signor Rossi di Bruno Bozzetto (consegnato da Diana De Marchi)

Premio speciale della giuria ad Altan per Pimpa.

Il trofeo Premio Itala rappresenta una sagoma di donna realizzata da Ornella di Profio di Symbolon, poi stilizzata e reinterpretata nel logo creato da Monica Maria Seksich.
Quasi una moderna Venere Callipigia. “E proprio come l’antica Afrodite di epoca romana” ha aggiunto Giuliana Nuvoli, “la nostra Itala incarna un’ideale di femminilità e cultura sintetizzate nell’idea di Arte per antonomasia. Il seno sul capo è simbolo del nutrimento culturale necessario alla vita di ogni essere umano e dello spirito artistico che anima il Premio Itala.»

Si prosegue al Cinema Sivori di Genova, dove lunedì 11 aprile verranno premiate le categorie cortometraggi e pubblicità/sigle TV.

12987144_10209106450407939_6709519078051803891_n