MILA si aggiudica il “Grifone” come miglior corto +10 al Giffoni: tutti i vincitori di questa edizione!

Il corto animato “MILA” di Cinzia Angelini ha trionfato al Giffoni Film Festival nella sua categoria per la sezione “Elements +10”!

Ecco tutti i vincitori, sezione per sezione:

ELEMENTS +3
Gryphon Award – Miglior Cortometraggio
FLY di Carlos Gómez-Mira Sagrado (Spagna)

ELEMENTS +6
Gryphon Award – Miglior Film
DRAGON GIRL di Katarina Launing (Norvegia, Repubblica Ceca)

Gryphon Award – Miglior Cortometraggio
THE SCIENCE OF WISHES di Michelle Bado (Libano)

ELEMENTS +10
Gryphon Award – Miglior Film
NIGHT FOREST di Andre Hörmann (Germania)

Gryphon Award – Miglior Cortometraggio
MILA di Cinzia Angelini (USA)

Premio Speciale
LETE SPECIAL AWARD
SPORT AND SOCIAL CULTURE


MICA
  di Ismaël Ferroukhi (Marocco/Francia/Qatar)
Motivazione:
Acqua Lete ha deciso di istituire lo Special Award Sport e Cultura Sociale, perché convinta che lo sport sia fenomenale incubatore di valori sociali in grado di svolgere un ruolo fondamentale nel processo di attivazione e diffusione di una cultura sociale nuova che vede Enti, Istituzioni, Federazioni e Imprese in team per favorire l’integrazione degli atleti disabili e garantire un futuro migliore alle giovani generazioni che vivono ai margini della società. Per questo motivo ha sempre accompagnato le innumerevoli attività di sponsorizzazioni sportive a progetti di responsabilità sociale in collaborazione con Federazioni sportive e club di cui è Partner. Il Giffoni rappresenta la più bella opportunità per anticipare un importante progetto che ci vedrà protagonisti nella realizzazione di infrastrutture sociali in aree periferiche del nostro paese.

Premio Speciale
PREMIO CLEAR CHANNEL AWARD
CREATIVITA’ ED INNOVAZIONE


NIGHT FOREST
  di Andre Hörmann (Germania)
Motivazione:
Al regista che nella realizzazione del suo lavoro si è distinto per il ricorso ad un linguaggio cinematografico innovativo e per la cifra stilistica spiccatamente creativa.

GENERATOR +13
Gryphon Award – Miglior Film
I DON’T WANNA DANCE di Flynn von Kleist (Paesi Bassi)

Premio Speciale
ENI SPECIAL AWARD


BULADÓ
  di Eché Janga (Curaçao – Caribbean Island)
Motivazione:
Per la sua capacità di affrontare il tema della specificità dei singoli e della difficoltà che spesso esiste nel dialogo tra generazioni differenti. Il film riesce a sintetizzare il valore dell’inclusione come strumento di superamento dei limiti personali a favore di una mediazione tra culture e interpretazioni differenti della realtà, rendendole una leva di arricchimento e di crescita.

Premio Speciale
PREMIO CGS (Cinecircoli Giovanili Socioculturali)
“Percorsi Creativi 2021”


VACARME
  di Neegan Trudel (Canada)
Motivazione:
Perché mette in luce l’impossibilità di crescere serenamente in un ambiente familiare problematico e senza affetto, con una madre vittima della propria insoddisfazione e della solitudine, che non riesce a contenere la rabbia della protagonista, la tredicenne Emilie. Il film, utilizzando un linguaggio classico, enfatizza, attraverso frequenti primi piani e dettagli su oggetti significativi, l’importanza della scoperta della chitarra, alla quale la protagonista si aggrappa nei momenti di maggiore tensione, unica via di uscita e possibilità di riscatto. La presenza costante della neve sembra voler coprire disagi e conflitti, in un racconto fluido e significativo per la tematica a carattere educativo.

GENERATOR +16
Gryphon Award – Miglior Film
THE SHORT HISTORY OF THE LONG ROAD di Ani Simon-Kennedy (USA)

Premio Speciale
PREMIO CGS (Cinecircoli Giovanili Socioculturali)
“Percorsi Creativi 2021”


THE FAM
  di Fred Baillif (Svizzera)
Motivazione:
Perché offre un punto di vista non solo realistico e problematico sulla MIF, ma anche ricco di opportunità di costruire relazioni basate sulla scelta del prendersi cura dell’altro, al di là dei legami di sangue. Il complesso lavoro di regia, che ha scelto una struttura narrativa in prevalenza non lineare, con capitoli ”ad incastro”, consente al racconto di gestire in modo originale i piani temporali, svelando allo spettatore in maniera graduale le fragilità dei protagonisti. L’ibridazione tra Fiction e Documentario è valorizzata dal coinvolgimento delle ragazze, che restituiscono reali storie di vita ben costruite nella sceneggiatura del regista.

GENERATOR +18
Gryphon Award – Miglior Film
NINJABABY di Yngvild Sve Flikke (Norvegia)

Premio Speciale
PREMIO CGS (Cinecircoli Giovanili Socioculturali)
“Percorsi Creativi 2021”


NINJABABY
  di Yngvild Sve Flikke (Norvegia)
Motivazione:
Perché tocca tematiche attuali e giovanili, affrontando un tema delicato con profondità e leggerezza, senza cadere in giudizi morali, esaltando l’individualità dei personaggi e il loro modo di misurarsi con le scelte cruciali della vita. La narrazione è resa fresca e originale dall’uso dell’animazione, elemento caratterizzante dell’opera, attraverso cui emergono i conflitti e l’interiorità creativa della protagonista. Ciò permette di coinvolgere un pubblico eterogeneo, favorendo l’immedesimazione dello spettatore. L’uso sapiente delle inquadrature e della fotografia, della scenografia, dei costumi e della colonna sonora scandisce il percorso di crescita di Rakel e l’evoluzione dei personaggi.

GEX DOC
Gryphon Award – Miglior Film
I HAVE BEEN WAITING FOR YOU di Stéphanie Pillonca (Francia)

PARENTAL EXPERIENCE
Gryphon Award – Miglior Cortometraggio
JUST JOHNNY di Terry Loane (Ireland)

Premio Speciale
PREMIO CIAL (Consorzio Imballaggio Alluminio)
PER L’AMBIENTE


THE RECYCLING MAN
  di Carlo Ballauri (Italia)
Motivazione:
Il Premio CIAL per l’Ambiente quest’anno viene assegnato ad un cortometraggio crudo e coraggioso che racconta di un mondo dove bambini robot vengono assemblati e poi riciclati per rinascere a nuova vita. Nonostante il tema del riciclo dei materiali, in particolare dei metalli, venga presentato in maniera drammatica e, a tratti, anche spaventosa, il film racconta una speranza di vita eterna che è propria dell’economia circolare, che invita a riflettere sulle possibili conseguenze dei comportamenti umani.

Da sinistra: Antonello Risati, Cinzia Angelini con la figlia Sofia, e Flavio Gargano.