Un originale da 3 milioni, ma di chi é, davvero?

Il mondo del collezionismo (in questo caso, di originali di fumetti) muove, nella francofonia, cifre notevolissime. Ricorderai il caso della bozza colorata per la copertina dell’avventura cinese di Tintin, che è stato piazzato all’asta per 3.125.000 (spese comprese). Mica noccioline.
Eppure, anche in questo specifico caso, nonostante la vendita sia andata a buon fine, il problema di fondo non è stato formalmente risolto: chi era il vero legittimo proprietario di quel disegno?
Affronta il delicato tema il super esperto tintinologo ufficiale Philippe Goddin sul numero 71 della rivista dell’associazione degli amici di Hergé (cui mi onoro di appartenere). La famiglia Casterman sostiene che il disegno (scartato in favore di un altro, per la copertina) fu “regalato” (ma senza firma, senza dedica, senza niente, piegato in 6 parti, e infilato in una busta abbandonata in un cassetto insieme a una lettera di Hergé datata 12 febbraio 1936) a Jean-Pierre Casterman (fratello dell’editore Louis-Robert Casterman), responsabile della sezione stampa. In effetti il disegno, con relativa lettera che tratta proprio di quella ipotesi di copertina, salta fuori dalla corrispondenza tra Hergé e il suo editore nel 1979, nel corso delle ricerche per i 50 anni di Tintin.
Va detto  che Hergé si fidava del proprio editore e gran parte dei suoi disegni erano in effetti a Tournai, sede della tipografia, e sapeva che Louis-Robert li avrebbe restituiti tutti.
Succo del discorso, di questo disegno da 3 milioni di euro, abbandonato per decenni in un cassetto si è probabilmente “indebitamente appropriato” Jean-Pierre, quando venne casualmente fuori. E, in tal caso, sarebbe persino difficile parlare di “acquisizione per usucapione“, visto che il sedicente proprietario non aveva nemmeno idea che fosse in quel cassetto…
Di tutto ciò tratta Philippe. Ma è chiaramente una questione da Tribunale, visto che l’erede legittima dell’opera omnia di Hergé e la società che ne tutela i diritti hanno, a quanto pare, tutta l’intenzione di recuperare quel disegno e metterlo dove dovrebbero stare certe cose, come diceva Indiana Jones: il Museo.
Di questo e molto altro si parla su Les Amis de Hergé numero 71.

Copyright immagini di sua competenza: Hergé/Moulinsart ovviamente.
Info e iscrizioni: https://www.lesamisdeherge.com/

Old News sull’argomento:

L’universo del creatore di Tintin – Asta Artcurial (quella da milioni di euro)

Chi è il proprietario del disegno del Loto Blu da 3 milioni di euro?

“Le Lotus Bleu” o le tribolazioni della copertina che vale 3 milioni

Asta Artcurial Tintin Lotus Bleu