Napoli celebra il suo “poeta Massimo” Troisi con una grande mostra multimediale

La mostra “Troisi poeta Massimo” ha aperto al pubblico il 7 maggio 2021 dalle ore 15.30.

DOVE: Castel dell’Ovo, Napoli

ORARIO: fino a domenica 25 luglio 2021

10.00 – 20.00 da lunedì a sabato
ultimo ingresso ore 19.00

10.00 – 18.30 Domenica
ultimo ingresso ore 17.30

A quasi trent’anni dalla morte, Napoli ospita una mostra fotografica e multimediale, ricca di oggetti, immagini e filmati, dedicata a Massimo Troisi.
L’esposizione a cura di Nevio De Pascalis e Marco Dionisi e con la supervisione di Stefano Veneruso, è ospitata presso Castel dell’Ovo.

Fuoriclasse a confronto: Troisi e Diego Armando Maradona.

Un’esposizione che registra la mancanza, all’arte e al pubblico, di un artista popolare, il cui mito si è affermato proprio in questo tempo.
Fulminea fu la sua carriera, durata vent’anni, tra una folgorante ascesa teatrale, si era fatto conoscere come comico giovanissimo con il gruppo “La smorfia”, insieme a Enzo Decaro e Lello Arenala. La fama in tv con “Non Stop”, una trasmissioni-laboratorio della RAI di Bruno Voglino e nel cinema con “Ricomincio da tre” un film del 1981 “dove c’erano” come scrisse Gianni Minà “tutti i dubbi e le disillusioni della sua generazione, ma anche tutto il suo senso della vita, la sua filosofia basata sull’arte di accontentarsi, forse anche un po’ della sua famosa pigrizia”.
Ed infine la morte quando un uomo si definisce ancora giovane, a causa di quel suo “cuore malato”, di cui “non parlava mai, al massimo ci scherzava sopra facendo il verso alle parole di una immortale canzone che talvolta intonava cercando di imitare Sergio Bruni”.

Troisi brinda con Renzo Arbore, Roberto Benigni, Maurizio Nichetti, Lello Arena e Carlo Verdone.

L’esposizione racconta il percorso umano e artistico di Troisi in sequenza cronologica. Filo conduttore è il lato più sensibile e intellettuale di Troisi, poeta senza definirsi tale, ha scritto poesie già in tenera età per ritagliarsi spazi d’intimità negati da una famiglia numerosissima e ha chiuso il cerchio con “Il Postino”, film in cui la poesia non è solo testo, ma anche e soprattutto un modo di vivere, di vivere poeticamente.

Dietro quella di Troisi l’immortale “maschera” di Pulcinella, nell’omaggio dell’animatore e regista Marino Guarnieri.

La mostra è promossa e organizzata da Istituto Luce – Cinecittà con l’Asessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e 30 Miles Film, con il riconoscimento di MIBACTRegione Campania, in collaborazione con Archivio Enrico Appetito, Rai Teche, Cinecittà si Mostra e Cinecittà News.

Info: https://www.coopculture.it/events.cfm?id=1683

Il Troisi-Pulcinella nel “Capitan Fracassa” di Ettore Scola