Da non lasciare in ombra – Carl Barks e l’utilizzo delle silhouette

Una silhouette è la rappresentazione di un qualcosa tramite i suoi contorni esterni. Sebbene esistano esempi di raffigurazioni di questo tipo anche nell’arte antica egizia e greca, la silhouette intesa in senso moderno si diffonde nella seconda metà del 1700 e prende il nome dall’allora ministro delle finanze francese Étienne de Silhouette, famoso per la sua politica amministrativa essenziale e improntata all’estrema parsimonia (questo non ci ricorda qualcuno?). Originariamente utilizzata solo per realizzare miniature di profili, la silhouette diventò molto popolare per un centinaio di anni prima di essere lasciata in ombra(!) dalla fotografia…

Leggi l’interessante articolo completo di Paolo Castagno su: Da non lasciare in ombra – Carl Barks e l’utilizzo delle silhouette Papersera

Una risposta a “Da non lasciare in ombra – Carl Barks e l’utilizzo delle silhouette”

  1. Da un testo liceale di Monica sul linguaggio del medium fumetto.

    Se c’è un principe della sagoma nera nella storia dei fumetti, se c’è un campione della sintesi di linguaggio iconico a strisce, se c’è un maestro capace di fondere insieme la brutale essenzialità del bianco nero con la poesia evocativa del racconto, se c’è, o meglio c’era, un disegnatore siffatto allora non può che chiamarsi Roberto Raviola, detto Magnus. I vecchi disegnatori che l’hanno conosciuto e che gli sono stati contemporanei, ma soprattutto che hanno interagito con la sua intensa vita produttiva ci raccontano quale è stata la logica genesi di un liguaggio artistico, di una grammatica che ha fatto anche proseliti, praticamente la fretta. La necessità produttiva, il tempo sempre più stretto spesso ha portato molti stanchi disegnatori a cedere buona parte della propria capacità, sacrificando la qualità e avvicinandoli molto al rischio del graffito, cioè del segno che va oltre lo sporco, che si perde nel mare della mancanza di senso. Per un raffinato artista come Magnus le maglie strette di tale necessità non lo hanno sconfitto ma sono state pretesto per la virtù di un salto di qualità espressivo. Siamo nel periodo arcaico ma il termine non appaia come una diminutio rispetto al più popolare e ufficialmente riconosciuto magnus classico, rispetto al quale ritroviamo la piena maturità del controllo della forma plastica e privo della successiva espansione manieristica.

    Il percorso di eliminazione del superfluo, sia attraverso l’abilità del taglio e della zoomata sul focus dinamico della scena, sia con la sistematizzazione espressiva dei dati naturalistici e perfino anatomici ( una per tutte la geniale semplificazione dell’allineamento falangeo), ha trovato il felice traguardo stilemico nel l’invenzione della “sagoma magnusiana”. E’ stilema e dato di linguaggio perché non rientra nella casualità contingenziale dei controluce e degli abbagli ambientali ma archetipo di struttura narrativa.

I commenti sono chiusi.