Paolo Bacillieri firma il Manifesto del Bologna Jazz Festival 2020

Paolo Bacillieri ( Sweet Salgari, Ettore e Fernanda, Sul Pianeta Perduto )firma il Manifesto ufficiale del Bologna Jazz Festival 2020 . L’illustrazione è dedicata al grande pianista Jazz,Thelonius Monk ( 1917 – 1982)

Dal 2013 il Festival – nato alla fine degli anni Cinquanta del secolo scorso  – ha scelto di affidarsi a grandi illustratori per interpretare le immagini legate al jazz e alla rassegna. Fra gli autori dei manifesti del Manifesto troviamo, nel corso degli anni,  Altan, Lorenzo MattottiVanna Vinci, Manuel Fior, Andrea Bruno, a Filippo Scozzari.

Il Comunicato stampa di presentazione.

Bologna Jazz Festival, edizione dei ricordi e delle celebrazioni: una ricorrenza storica imprescindibile (il centenario della nascita di Charlie Parker affidato a una trinità di sax: Francesco Cafiso, Mattia Cigalini, Jesse Davis); il sentito saluto a Steve Grossman, figura imponente della storia jazzistica che ha legato indelebilmente il proprio nome alla scena musicale di Bologna; il progetto monografico di Paolo Fresu su David Bowie, stella pop che ha sempre illuminato anche le lande del jazz. Attorno a questi omaggi si svilupperà la nuova edizione della kermesse jazzistica bolognese, dal 30 ottobre al 15 novembre.

Oltre ai numerosi concerti, il programma del festival includerà importanti contenuti didattici e un’esposizione dedicata a Steve Grossman. Grazie alla collaborazione con BilBOlbul – Festival Internazionale di fumetto, è stato coinvolto il noto illustratore Paolo Bacilieri, che ha realizzato una serie di disegni originali per l’immagine del BJF 2020. Queste opere saranno anche esposte sull’Autobus del Jazz e sulle bacheche di CHEAP on board.

Il BJF 2020 sarà multilocalizzato: oltre ai teatri bolognesi che ospiteranno i concerti principali, il festival sarà di casa in numerosi altri luoghi cittadini, espandendosi anche nei comuni dell’area metropolitana e nelle province di Modena, Ferrara e Forlì.

Su questa pagina trovate l’elenco dei Concerti e dei teatri di questa edizione.

Fonte Consultata:BolognaJazzFestival