Black-Hole & Boito

Oggi sono in vena di considerazioni cosmogoniche-filosofiche non-rassicuranti ! Spero apprezzerete quindi questi simpatici ed ottimistici versi dalla poesia “Dualismo” di quel fantastico allegrone scapigliato di Arrigo Boito

O creature fragili
Dal genio onnipossente!
Forse noi siam l’homunculus
D’un chimico demente,
Forse di fango e foco
Per ozïoso gioco
Un buio Iddio ci fé

E ci scagliò sull’umida
Gleba che c’incatena,
Poi dal suo ciel guatandoci
Rise alla pazza scena,
E un dì a distrar la noia
Della sua lunga gioia
Ci schiaccerà col piè.

L’Editoriale a Fumetti di oggi si ispira a
Questa Notizia