Riminicomix 2020 cancellata, Comicon e Lucca Comics 2020, in forse

L’organizzazione del Riminicomix ha gettato la spugna. La manifestazione che avrebbe dovuto svolgersi dal 16 al 19 luglio prossimi è stata ufficialmente cancellata. La decisione, dopo che sono state rese note le linne guida del decreto della Regione Emilia-Romagna n.98 del 6 giugno 2020, sulla riaperture delle attività aperte al pubblico, musei, cinema circhi fiere etc, era nell’aria ed è arrivata ieri sera con un lungo post sulla pagina Facebook dedicata all’evento.

Care Amiche e cari Amici, sulla base del decreto della regione Emilia Romagna, num. 98 del 06/06/2020, allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, considerando tutte le peculiarità che presenta il salone del Fumetto, RIMINICOMIX programmata dal 16 al 19 Luglio 2020, abbiamo definito che non ci è possibile allestirla nelle norme del protocollo di sicurezza indicato dalla regione.

Questo salvaguardia principalmente le decine di migliaia di visitatori ogni anno presenti (170.000 nel 2019), e verso il pubblico, tutti gli ospiti e gli espositori che da sempre ci seguono, dichiariamo che per noi, non è possibile, vista la stima e la correttezza di gestione che nei vostri confronti ci contraddistingue, dovere ridurre le vostre presenze a un 40% ca. sulla stessa superficie disponibile, dovendo applicare le normative indicate nel protocollo di sicurezza di cui sopra.

La manifestazione è stata sospesa.

Ci scusiamo, inoltre, con coloro che scrivendoci su tutti i social disponibili, non hanno ricevuto immediate risposte. L’unico motivo, era per noi la mancanza di informazioni utili, e certe da parte delle istituzioni per potere procedere.
Continuate comunque a seguirci sul sito www.riminicomix.it e sulla pagina ufficiale facebook di RIMINICOMIX
Promuoveremo nuove iniziative per rimanere sempre in contatto.

Nella discussione che ne è scaturita è intervenuto  personalmente il direttore del Riminicomix che ha ribadito, anzitutto, i ringraziamenti a quanti  sono intervenuti sui vari social a rispondere all’annuncio ed ha specificato ulteriormente la natura squisitamente tecnica – e non meramente estemporanea -della decisione.

Posso dichiarare che è stato molto più difficile doverci rinunciare che organizzarla nella sua fatica fisica e tecnica. La rinuncia è stata sofferta, lungamente ponderata, ed eseguita quando dopo lunghi ragionamenti e approfondimenti su come potevamo agire, per essere in linea anche con gli emendamenti del protocollo di sicurezza indicati dal governo, i risultati ci hanno risposo da vari punti, che non era possibile. Rammarico.
Restiamo comunque in contatto qui e presto su altri social.
Un caro augurio a tutti Voi di felicità e buona salute.

E’ da sottolineare in questa occasione i numeri imporanti della Kermesse Adriatica, che ha superati, nell’edizione 2019, fra  ospiti, espositori e visitatorile 170 mila presenze!

Una decisione che ci addolora e che pone serie ipoteche anche su altri eventi, in primo luogo l’annunciata “Summer Edition” del Napoli Comicon, ed ovviamente Lucca Comics,. Per l’evento toscano è attesa una decisione   a fine giugno. In una recente intervista al Foglio, nata sull’onda del recente “Manifesto – Appello“,lanciato dagli organizzatori di Eventi fumettistici in Italia, gli organizzatori del Comicon hanno ribadito di star lavorando in contatto con le autorità amministrative per la realizzazione della manifestazione partenopea, ma senza sciogliere le riserve.. Emanuele Vietina, attuale direttore di Lucca Comics, è apparso deciso a portare a termine la mission dell’edizione 2020, ma in quali forme. ? In che modi ?? (  segnaliamo  comunque che sono state attivate alcune iniziative legate a concorsi ed eventi che si svolgeranno a Lucca in autunno.)

L’incertezza regna ancora.

Fonte Consultata:@riminicomix