Mordillo passed away

Un’altra di quelle notizie che odiamo dover postare.

Si è spento ieri, nella sua casa di Maiorca, nelle isole Baleari, il fumettista, illustratore e disegnatore per cartoons Guillermo Mordillo, ai più noto semplicemente come Mordillo.

Avrebbe compiuto 87 anni il prossimo 4 agosto.

Argentino, nato a  Villa Pueyrredon (Buenos Aires) da una famiglia di origini spagnole, iniziò precocemente la sua attività di disegnatore, dando vita appena adolescente, con la collaborazione di Enrique Lipszyc (poi ideatore della Escuela panamericana de arte) ad un foglio scolastico incentrato sulle attività artistiche.

Nessuno della generazione di chi scrive, ma credo anche della precedente e delle successive, penso possa dire di non aver mai acquistato, o anche solo visto, una delle sue iconiche invenzioni grafiche a base di omini e donnine tondeggianti, spesso raffinatissime nel tratto, talvolta maliziose, e sempre esilaranti.

Mordillo iniziò come illustratore per l’infanzia a 18 anni, interessandosi anche di cinema in veste di grafico pubblicitario e vignettista, attività che lo portano a trasferirsi a Lima, in Perù, prima, e poi, negli anni Sessanta, a New York.

Nella Grande Mela entrò alla Paramount come disegnatore per cortometraggi incentrati su famosi personaggi dei comics americani, quali Popeye e Litte Lulu.

Ma la vera scintilla creativa, che lo porterà a diventare uno degli autori più iconici del mondo, scocca con il trasferimento a Parigi, dove collabora con Paris Match, Lui, e – a distanza –  anche con la tv e i periodici tedeschi.

Conosciutissimo anche in Italia, una delle sue ultime apparizioni pubbliche era stata in occasione del Cartoons on the Bay veneziano del 2014, dove – insieme a Bruno Bozzetto – era stato presidente di giuria del concorso Pitch Me!

Ed è proprio così, in una foto insieme al suo altrettanto illustre e caro amico che vogliamo ricordarlo, ringraziandolo – una volta di più – per tutte le emozioni e il divertimento regalatoci.

Hasta pronto, Senor Mordillo!

3 risposte a “Mordillo passed away”

  1. Notizia amara. Avevo lettto un articolo su di lui sulle pagine di Fumo Di China ( il numero 282) pochi mesi orsono ( in occasione di una sua mostra a cremona)

  2. Potreste pubblicare un necrologio per l’animatore Disney Milton Quon, che è morto a 105 anni il 18 giugno scorso? Disney ARL e Cartoon Brew l’hanno annuciato su Twitter e suo figlio Mike su Facebook, ma a due settiamane di distanza non è comparso nemmeno un necrologio fuori dai social network. Senza una fonte ritenuta affidabile (quindi non i social network) la biografia di Milton Quon su Wikipedia non può essere aggiornata, quindi continua a riportare informazioni false (cioè che è ancora in vita) per la politica dell’enciclopedia. Un articolo da parte Vostra sarebbe ritenuto una fonte affidabile.

    Quon era l’ultimo animatore Disney pre-Seconda Guerra Mondiale in vita insieme a Ruthie Thompson. Ha lavorato a Dumbo e Fantasia. L’Imperatore Quon in “Sofia la principessa” è chiamato così in suo onore.

I commenti sono chiusi.