Per sfondare lo “schermo di vetro” un simposio a Los Angeles con le donne dell’Animazione

“Breaking the Glass Frame: Women and Animation, Past, Present, Future” è un simposio che riunisce studenti, insegnanti, storici, artisti indipendenti e in forza agli Studios, personalità dell’industria, esperti legali, giornalisti e curatori. L’obiettivo è analizzare ed esplorare il contributo, storico e contemporaneo, delle donne all’Animazione, sia dal punto di vista della produzione commerciale e indipendente che da quello accademico, così come di esaminare e discutere i modi in cui, in tutti i campi, la discriminazione e il pregiudizio continuano tuttora ad ostacolare le professioniste del settore.

​Tra i relatori la sceneggiatrice/regista premio Oscar Brenda Chapman (Il Principe d’Egitto, Brave-Coraggiosa e ribelle) e la produttrice e responsabile creativa Brown Johnson (Sesame Workshop, Nickelodeon).

Il simposio si svolgerà dal 5 al 7 ottobre 2018, presso l’Università della California, vicino dunque a numerosi dei principali Studios e atenei americani dedicati all’Animazione. La conferenza comprenderà presentazioni editoriali, panel moderati, proiezioni, dimostrazioni con la realtà virtuale e incontri informali dedicati al networking. Tra questi un focus sulla storia delle donne nell’Animazione con una presentazione speciale a cura di Mindy Johnson, autrice di “Ink and Paint: The Women of Walt Disney’s Animation“; non mancheranno accurate sessioni di approfondimento sugli aspetti legali della professione (con particolare attenzione al tema attualissimo delle molestie sessuali e delle disparità razziali e di genere) nell’ottica comune di individuare vie di cambiamento positivo da sperimentare ora e da trasmettere alle nuove generazioni; primo piano anche sulle sfide delle nuove tecnologie (esiste un’ottica “femminile” nel loro utilizzo? Quel che è certo è che sempre più giovani professioniste si stanno distinguendo nel loro utilizzo, in special modo nel campo degli Effetti Speciali Visivi). I programmi serali comprenderanno ricche rassegne di corti animati e la presentazione di un documentario di quest’anno incentrato sulle protagoniste della compagnia americana “full-production” Titmouse.

La logistica di “Breaking the Glass Frame” (BtGF) è a cura di UCLA Animation Workshop, CalArts, e Women in Animation (WIA). L’organizzazione dell’evento si deve alle docenti Sheila M. Sofian e Lisa Mann (USC), alla professoressa Celia Mercer (UCLA) e alla responsabile dell’Animazione Sperimentale di CalArts Maureen Furniss. Il design e le animazioni del simposio sono di Megan Simon.