Milo Manara: @Cartoomics Artists Award 2016

E’ il primo artista internazionale ad aver ricevuto il neonato premio Cartoomics Artists Award.

Il Maestro Milo Manara, artista italiano celebrato in tutto il mondo per la sensuale raffinatezza dell’erotismo che caratterizza l’intera sua produzione, amato e ammirato da Hugo Pratt, Enzo Biagi e Federico Fellini, è stato il protagonista del sabato di Cartoomics 2016, la grande kermesse dedicata al fumetto, ai giochi e al cinema che si tiene a FieraMilanoRho (padiglioni 16 e 20). La premiazione si è tenuta al termine di un incontro aperto al pubblico, presso lo spazio Agorà 3, durante il quale Manara ha raccontato se stesso, la sua carriera e la sua opera intervistato da Loris Cantarelli (direttore del mensile Fumo di China) e da Filippo Mazzarella (direttore artistico di Cartoomics). A conversare amabilmente con Manara, in un animato botta e risposta sull’erotismo e suoi mille significati, è stata anche l’attrice e conduttrice Elena di Cioccio, ammiratrice delle opere del Maestro.

Milo Manara è il primo artista internazionale ad aver ricevuto per conto del comitato scientifico di Cartoomics il neonato premio Cartoomics Artists Award, che consisterà ogni anno in un pezzo unico creato appositamente da un artista emergente per un artista consacrato. Ad inaugurare la prestigiosa ricorrenza è stato il giovane disegnatore e scultore milanese Davide Scianca che ha realizzato per Manara l’opera “Carny Dark Lady”, scultura di poliuretano, gesso, cotone, colla vinilica, muschio, pasta modellabile e resina. Il premio è stato consegnato da Luigi Bona, direttore di WOW Spazio Fumetto – Museo del Fumetto di Milano che per “contrappasso” ha ricevuto direttamente dalle mani del Maestro una tavola speciale da lui realizzata appositamente per l’occasione ispirata a Star Wars. Soggetto della tavola è la bella Ray, protagonista dell’ultimo episodio della saga, “Il Risveglio della Forza”, con il simpatico robottino BB8. La tavola sarà poi esposta al Museo del Fumetto, dal 19 marzo al 5 giugno, nell’ambito della mostra “Star Wars dal fumetto al cinema… e ritorno!”. Al termine dell’incontro Manara è stato scortato dai figuranti della 501st Italica Garrison e della Rebel Legion Italian Base, i due gruppi di costuming ufficiali di Star Wars.

Maurilio “Milo” Manara nasce a Luson in provincia di Bolzano il 12 settembre 1945. Seguendo le sue inclinazioni naturali, si diploma a un liceo artistico privato. Si trasferisce a Verona dove inizia a lavorare come assistente dello scultore spagnolo Miguel Berrocal e nello stesso periodo s’iscrive alla Facoltà di Architettura a Venezia. Insieme ad altri artisti, durante i movimenti del Sessantotto, contesta in maniera netta la Biennale di Venezia. Debutta alla fine degli anni Sessanta come autore di storie erotico-poliziesche sulla collana “Genius”, e subito dopo in Jolanda de Almaviva, serie sexy di grande successo. Lascia intanto gli studi universitari.

Negli anni Settanta avvia la collaborazione con il “Corriere dei Ragazzi”, dove disegna una serie di fumetti sceneggiati da Mino Milani in cui vengono processati i grandi personaggi storici. Nello stesso periodo, su testi di Alfredo Castelli e Mario Gomboli, realizza Un fascio di bombe, fumetto sulla strategia della tensione nelle stragi di Stato, da poco ripubblicato in Italia. Subito dopo, assieme a Silverio Pisu, Manara dà vita a Lo Scimmiotto ad Alessio, il borghese rivoluzionario, che segnano il suo debutto nel fumetto d’autore. Collabora con la casa editrice francese Larousse, per cui realizza alcune storie inserite nelle raccolte L’Histoire de France en bandes dessinéesLa decouverte du monde e L’Histoire de la Chine.

Nel 1978 crea il suo primo personaggio di successo e ne sceneggia anche la storia, pubblicata in prima battuta in Francia dalla rivista “(A SUIVRE)”: HP e Giuseppe Bergman, dove HP è un chiaro riferimento al suo maestro e mentore Hugo Pratt, trasformato in uno dei protagonisti del racconto; negli anni a seguire, Manara pubblica altri episodi dedicati a Giuseppe Bergman, che fisionomicamente ha le fattezze dell’autore e di Alain Delon.

Tra la fine del decennio e i primi anni Ottanta partecipa alla realizzazione della Storia d’Italia a fumetti da Enzo Biagi e crea, su commissione della rivista “Playmen”, Il gioco, storia ad alta densità erotica che dà un successo a livello mondiale, straordinario e inatteso, a Manara. Di questo periodo è anche il primo di due lavori su testi di Hugo Pratt, per il quale disegna due storie fondamentali per la sua carriera: Tutto ricominciò con un’estate indiana, pubblicata dalla rivista “Corto Maltese”, seguita da El gaucho, pubblicata da “Il grifo”. Oltre a un’altra storia importante, questa volta di ambientazione western, pubblicata ancora in Francia dalla rivista “Pilote”: L’uomo di carta. Su sceneggiatura di Castelli, Manara disegna poi L’uomo delle nevi, per la collana “Un uomo, un’avventura”, edita da Cepim, oggi Sergio Bonelli Editore. Subito dopo crea Miele, forse il suo personaggio femminile più famoso, protagonista dei volumi Il profumo dell’invisibile di sei storie brevi intitolate Candid Camera. Nel 1987 inizia la collaborazione con Federico Fellini, al quale Manara  aveva dedicato una storia breve, Senza Titolo. In seguito al loro incontro, Fellini gli chiede le illustrazioni per una sceneggiatura che pubblica sul “Corriere della Sera”. Da qui Manara, con il consenso del regista, trasforma il testo di Fellini in uno straordinario fumetto, Viaggio a Tulum, apparso su “Corto Maltese”. Il rapporto tra i due si consolida: Fellini rimette mano a uno dei suoi progetti più personali e insieme danno vita a Il viaggio di G. Mastorna detto Fernet, pubblicato da “Il grifo”. Manara realizza inoltre i manifesti dei film di Fellini Intervista La voce della luna.

All’inizio degli anni Novanta, realizza le tavole a fumetti del Cristoforo Colombo di Enzo Biagi. In questo periodo tra le tante collaborazioni internazionali illustra un libro di racconti di Pedro Almodovar, El fuego y las entrañas. Illustra anche Fantasex, raccolta di racconti di erotismo e fantascienza, cui fa seguito la trasposizione fumettistica di tre classici della letteratura: GulliverianaKamasutra L’asino d’oro. Disegna poi tre storie di carattere sociale: Ballata in si bemolle, dedicata al tema dell’usura, Rivoluzione, sull’imbarbarimento generato dalla televisione, e Tre ragazze nella rete, ispirata al mondo di Internet. Il decennio si chiude con il ritorno di Giuseppe Bergman con quella che si può considerare una delle sue storie più belle, A riveder le stelle – Le avventure metropolitane di Giuseppe Bergman, riflessione sull’arte all’inizio del nuovo millennio, attraverso il ricordo di tre grandi amici scomparsi: Andrea Pazienza, Federico Fellini, Hugo Pratt. Dopo tante pubblicazioni in Francia è la volta degli Stati Uniti, grazie ad una collaborazione con la DC Comics per la sua etichetta adulta Vertigo, per cui realizza la storia di Desiderio nel volume Sandman – Notti Eterne. Qualche anno dopo, anche la Marvel Comics commissiona un lavoro a Manara: in coppia con Chris Claremont, nasce una storia degli X-Men femminile, X-Men:Ragazze in fuga.

Realizza 46, una storia a fumetti tra sogno e realtà su Valentino Rossi, che prende il titolo dal numero della moto del campione italiano, pubblicata su “Rolling Stones” e poi in volume, mentre su sceneggiatura di Vincenzo Cerami, al suo esordio nella scrittura di un fumetto, pubblica Gli occhi di Pandora.

Dall’inizio degli anni Duemila, Manara lavora al progetto Il pittore e la modella, un viaggio nella storia dell’arte pittorica a partire dal rapporto pittore-modella. Su testi di Alejandro Jodorowsky disegna poi un fumetto sulla casata de I Borgia, in quattro puntate, tra il 2004 e il 2010.

Con l’espandersi della comunicazione multimediale, l’attività di Manara si diversifica orientandosi anche verso la realizzazione di storyboard e la consulenza per campagne pubblicitarie, come quelle per Chanel, per lo spot firmato da Luc Besson, Fastweb, Eminence, Permaflex e Yamamay, contributi e progetti realizzati per Internet e il computer, come Gulliveriana, un cd-rom su una sua storia, seguito da Il gioco del Kamasutra.

Dopo numerosi premi e riconoscimenti in Italia e all’estero, il 20 febbraio 2009 l’Accademia di Belle Arti di Macerata il titolo di Accademico Honoris Causa.