18 Dicembre 2015 12:00

Una maratona “da favola” per riscoprire il mondo dei Grimm

GRIMMaratona 2015/2016:

scoprire il mondo sconosciuto delle fiabe dei Fratelli Grimm

Urliburlebù

Quando i fratelli Grimm pubblicarono per la prima volta i loro 2 volumi di Fiabe, tra il 1812 e il 1815, col titolo di Kinder- und Hausmärchen, non avevano idea che storie come Cappuccetto Rosso o Biancaneve, Il principe ranocchio o Raperonzolo, Hansel e Gretel o Tremotino, sarebbero diventate le più famose al mondo. Eppure ancora oggi quasi nessuno conosce le fiabe contenute in quei due volumi, poiché nei successivi quarant’anni i due fratelli diedero vita a un cantiere che sfornò altre sei edizioni, ognuna diversa per contenuti e stile.

A distanza di due secoli, dunque, è giunto il tempo di scoprire da dove tutto è cominciato – e le sorprese non mancheranno, poiché si scoprirà che non tutte le fiabe a noi più familiari erano realmente così come noi le conosciamo – qualcuna era più avvincente (Raperonzolo per esempio), qualcun’altra più crudele (come Biancaneve), e qualche altra meravigliosa ma poi scivolata nei cassetti dei Grimm e mai più ripubblicata.

Per scoprire questo tesoro sconosciuto, il Goethe-Institut di Roma, la Donzelli editore e l’Università la Sapienza di Roma lanciano, nell’autunno che chiude il bicentenario di celebrazione dei Grimm, una vera e propria maratona di attività attorno alle fiabe che si prolungherà fino al Carnevale 2016 e che sarà dedicata ai ragazzi delle scuole superiori in collaborazione con gli studenti universitari del biennio della magistrale.

A partire dalla prima edizione integrale italiana di queste originarie Fiabe dei Grimm, che la casa editrice Donzelli pubblicherà in ottobre nella traduzione della germanista Camilla Miglio docente della Sapienza, il Goethe-Institut di Roma coordinerà una serie di attività presso una rete di scuole italiane, volte alla conoscenza del patrimonio grimmiano e, attraverso questo, della lingua tedesca e del rapporto tra la tradizione orale e la letteratura fiabesca.

Fiaba_-Cappuccetto-rosso

Grazie a una innovativa scelta didattica, il progetto svilupperà una stretta collaborazione tra scuola e università, e si avvarrà degli studenti del Corso di laurea magistrale nella veste di tutor delle attività nelle classi superiori. Nei mesi da settembre a novembre, gli allievi della professoressa Camilla Miglio seguiranno gli appositi workshop di formazione (traduzione; oralità e scrittura; differenze di registri; fiaba popolare e fiaba colta; criteri di raccolta, scrittura e riscrittura delle fiabe; ecc.), in vista del lavoro di tutoring che li vedrà impegnati in uno stage nelle scuole tra dicembre e febbraio, a diretto contatto con gli studenti delle superiori. Questi ultimi avranno così la possibilità di accostarsi per la prima volta alle versioni sconosciute delle fiabe più note, e di sperimentarsi nella lettura ad alta voce e nell’ascolto, nella riscrittura, e nell’adattamento multimediale di una fiaba di loro scelta.

A chiudere la Maratona, sarà il Carnevale delle fiabe il 9 febbraio 2016 presso il Goethe-Institut di Roma, durante il quale le classi partecipanti al progetto metteranno in scena dei “tableaux vivants” delle fiabe preferite, anche seguendo l’ispirazione dell’apparato di illustrazioni che l’artista Fabian Negrin creerà per l’edizione Donzelli.

A ulteriore completamento del progetto, la GRIMMaratona vedrà anche due momenti di coinvolgimento di un pubblico più ampio e degli abituali frequentatori e amici del Goethe-Institut di Roma: il 18 novembre 2015 con la presentazione dell’edizione Donzelli di Tutte le fiabe sconosciute dei Grimm, e il 3 dicembre 2015 con una Giornata delle fiabe rivolta agli studenti delle scuole inferiori e alle famiglie.

GRIMMaratona (PDF, 1 MB)

Grimm