CotB 2015: intervista al direttore artistico Roberto Genovesi @cartoonsbay1

P1070528

Durante la prima, intensa giornata del Cartoons on the Bay di Venezia il direttore artistico Roberto Genovesi ci ha concesso questa breve intervista, che si è aperta ricordando che il festival godrà da quest’anno dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica:

“E’ la prima volta nella storia del CotB, ma dopo aver indagato presso il Quirinale, e non avendo ricevuto smentite, ritengo di poter dire che sia anche la prima volta in assoluto che esso venga concesso ad una manifestazione riguardante cartoni animati, fumetti e videogiochi. A suo modo, è un evento storico.”

P1070493
Genovesi con Maurizio Forestieri, presidente ASIFA Italia e produttore dello “studio dell’anno” Graphilm

GZ: Dall’inizio della tua gestione il Festival pare aver imboccato una direzione ben precisa sotto il segno della crossmedialità, e anche questo secondo anno nella splendida cornice veneziana parrebbe confermarlo:

“Sì, Venezia, con palazzo Labia sede Rai: il segnale vuole essere chiaramente di continuità. Crossmedialità significa anche saper leggere i nuovi linguaggi mediatici e comprendere tecnologie in continua evoluzione: poter (e sapere) fare molto anche disponendo di non ingenti risorse finanziarie. Il CotB è nato nel 1996 come vetrina per le produzioni RAI; ora vuole diventare, e sempre più si sta affermando come tale, un laboratorio per nuovi talenti e una piattaforma di scouting che permetta di far conoscere in Italia produzioni degne di nota. L’anno scorso, con la Russia paese ospite, abbiamo contribuito a portare da noi uno dei maggiori successi dell’ultima stagione, MASHA E L’ORSO, e contiamo di ripetere l’esito anche in questa edizione.”

Masha-e-Orso
Masha e l’Orso (immagine dal web)

GZ: Con Israele come “guess star”.

“La peculiarità di Israele è di essere “il paese delle start-up”, negli ultimi dieci-vent’anni hanno saputo leggere bene i tempi ottenendo progressi incredibili, e noi al festival celebreremo la loro tradizione con il premio alla carriera al grande Albert Hanan Kaminskie conosceremo le nuove leve, sempre più inserite sulla scena e sul mercato globali. 

P1070690
Albert Hanan Kaminski

“In occasione del “Giorno del ricordo della Shoah” (Yom HaShoah) in Israele, le cui celebrazioni coincidevano con l’apertura del CotB, abbiamo ritenuto doveroso proporre durante la cerimonia inaugurale il corto “Niosha” della giovane animatrice Liran Kapel come omaggio alle vittime dell’Olocausto ebraico; un cartone non basta certo a far mutare la testa di certe persone; a noi però piace pensare di poter contribuire, almeno un poco, a rendere migliore il modo di pensare dei bambini che cresceranno.

 GZ: Bene, non resta che augurarvi “in bocca al lupo”… 

“Grazie. Normalmente si userebbe rispondere “crepi il lupo”, ma ho scoperto che l’origine della frase risale all’usanza delle mamme lupo di trasportare tra le fauci i piccoli verso un luogo sicuro tenendoli per la collottola: non sarebbe dunque simpatico augurare alla genitrice una prematura dipartita, giusto?

Giusto. E ovviamente ci auguriamo che il Cartoons on the Bay continui a traghettare l’animazione italiana verso scenari sempre più prestigiosi e importanti. 

1643