Media et al. su Topolino 3075

 3075cover

Lasciando come sempre le recensioni specialistiche ai fissat… er… ai super esperti, ci limitiamo a segnalarvi quel che ci ha colpito in Topolino 3075, solo in base al nostro gusto personale e alla nostra sensibilità individuale. Notiamo quindi che stavolta ben due storie si occupano di media. La prima è di Casty che, sempre ricordandoci, ma a suo modo, il Topolino dei tempi d’oro (periodo Floyd Gottfredson, giusto per capirci) e quello di Romano Scarpa, fa della intelligente satira di costume sul mondo della televisione. La seconda, di Macchetto e Panaro, punta il dito sul vizio di voler imitare i modelli cinematografici.
Non c’entra nulla coi media, invece, il nuovo misteriosamente divertente episodio di Fantomius, realizzato da Gervasio, di piacevole ambientazione veneziana. Qui cogliamo fra le tante, ad usum allievi delle scuole elementari e medie inferiori, la frase “Mi ero accorto che fossimo seguiti” a pagina 79. Ragazzi, discutetene con la vostra prof di Lettere. Avreste preferito “Mi ero accorto che ci seguivano” oppure “Sospettavo fossimo seguiti”? Quale sottile differenza c’è fra l’uso di un “fossimo” e quello di un “eravamo”? Parlatene in classe: potrete così fare esercitazione di Italiano con Topolino. Buona lettura.