Lucca Comics, ultimo giorno: quota 135.000

Nel penultimo giorno del festival, Lucca Comics & Games raggiunge 135mila presenze. Il record sui quattro giorni, quindi, non è stato battuto. Ma non è difficile prevedere che oggi, dopo il bilancio definitivo nel quale saranno conteggiate anche le prevendite (finora escluse dai calcoli), si supererà abbondantemente la partecipazione massima fin qui registrata (cioè le 145mila presenze del 2009). Quest'anno, fra l'altro, si riscontra una tendenza nuova. Se da una parte è aumentato il numero delle casse – cui dobbiamo aggiungere il nuovo metodo di prevendita on-line che consentiva l'indicazione del giorno di presenza – dall'altra occorre segnalare che in molti, in questa edizione 2011, hanno acquistato il biglietto la sera precedente alla visita. Un modo per evitare le code, ovvio. Ma questo ha creato un ritardo nella chiusura quotidiana delle biglietterie e di conseguenza la comunicazione ufficiale delle presenze giornaliere.

La giornata di ieri, caratterizzata ancora dal bel tempo, ha favorito un equa distribuzione dei visitatori nelle aree coperte e in quelle scoperte. Affollatissimi i concerti del Music & Comics (ben 10mila i presenti domenica sera allo spettacolo di Cristina D'Avena, MIWA e Giorgio Vanni). Mentre stasera, in chiusura (ore 19), è in programma il live-show dei "Cartoon Heroes". Ma ieri è stato anche il momento della contaminazione fra sport e fumetto con il torneo di calcetto "Holly e Benjii" e dell'anteprima della nuova serie di American Horror Story, che andrà in onda su Fox Channels a partire dall'8 novembre. A introdurre la proiezione è stato Luca Valtorta, direttore di XL di Repubblica, che ha lanciato una legittima provocazione. "E' incredibile che i media nazionali non si interessino a una manifestazione come questa. Per giorni – ha detto – qua è presente un volume incredibile di persone". L'assenza è soprattutto riscontrabile nei media televisivi. Fatta eccezioni per le emittenti locali, in pochi si interessano a Lucca Comics & Games. "Sarà perché non hanno i mezzi culturali per capire l'importanza di un festival così fatto", aggiunge Valtorta. A prescindere dall'approccio culturale, il festival propone personaggi, prodotti e iniziative che passano dal popolare all'elitario, dalla massa alla nicchia. L'opportunità di realizzare servizi fatti di belle immagini e di contenuti 'pop' – basta citare il premio Oscar Scott Farrar (Transformers), i gemelli Weasley di Harry Potter o il noto "Sberla" dell'A-Team anni ottanta – certo non mancano.

Inoltre ieri si sono conclusi gli appuntamenti col Press Cafè. Alla colazione che mette a confronto autori e giornalisti ha partecipato Federico Bertolucci, premio speciale della giuria ai Gran Guinigi 2011 per "Love. La tigre" (scritto da Frédéric Brrémaud e edito da BD). Una conversazione ricca e piacevole documentata nel video che segue. Dopo di lui avrebbe dovuto partecipare Jeff Smith. Ma l'autore di Bone – colpito da una tendinite nei giorni scorsi a causa dei troppi disegni – ha disertato l'appuntamento. Pare infatti sia sia perso nella fiera. Il fato che sia saltato l'incontro con Smith non toglie niente a un'iniziativa interessante che, dicono, si ripeterà anche nelle prossime edizioni.

Un capitolo a parte merita invece il Museo del fumetto. Fuori dal programma di Lucca Comics, il Muf ha proposto un percorso indipendente. Ma la sovrapposizione con tantissimi altri eventi ha fatto andare quasi deserte le inaugurazione delle due mostre (ad esempio quelle di Fantomas e Aldo Di Gennaro, le cui aperture sono state collocate in contemporanea ai Press Cafè) e alcuni degli appuntamenti culturali più interessanti. E' il caso del confronto sul diritto d'autore. L'appuntamento è stato anticipato di un giorno a causa di un lutto che ha colpito Ivo Milazzo. Nonostante questo è stato deciso che nel gennaio 2012 si terrà a Lucca un convegno nazionale su questo tema. La questione del diritto d'autore non sarà affrontata solamente per quel che riguarda l'editoria a fumetti, ma sarà estesa anche al cinema e all'animazione. Non a caso all'incontro erano presenti, fra gli altri, Enzo D'Alò (La freccia azzurra, La gabbianella e il gatto e Opopomoz), lo stesso Milazzo, Luca Boschi, Paolo Ongaro, Alfredo Castelli, Gianni Bono, Angelo Nencetti e Casarotti. L'idea è poi quella di organizzare un secondo confronto ad Angoulême per cercare un confrontare anche con la realtà francese. L'iniziativa sarà promossa dall'Associazione illustratori e dal Comitato per i 100 anni del fumetto, ovviamente in collaborazione col Museo del fumetto di Lucca.

In conclusione, ecco qualche interessante segnalazione. A partire dal coinvolgimenti dei bambini nei laboratori del padiglione Lucca Junior (per un totale di 46 classi e 900 alunni nei giorni di venerdì, sabato e lunedì). Si passa poi all'area Games, dove oggi è in programma l'asta di beneficenza di illustrazioni originali il cui ricavato sarà devoluto all'ospedale Campo di Marte di Lucca, e all'animazione: in programma l'anteprima nazionale di "Lego Star Wars – La minaccia di Padawan" firmata Lego e LucasFilm.

(Foto e video di Flavia Costantino e Gianluca Testa)