Eccetto Topolino: sconvolta la storia del fumetto?!

ETcover1Il saggio “Eccetto Topolino”, scritto da Fabio Gadducci, Leonardo Gori e Sergio Lama ed edito da NPE, di cui abbiamo già dato ampie anticipazioni, pare sconvolga la storia del Fumetto in Italia durante i seminali anni Trenta e Quaranta, almeno come è stata finora tramandata da generazioni di studiosi. In attesa di leggere le inevitabili discussioni che susciteranno le tante piccole e grandi scoperte, specie quelle sul rapporto tra cultura, potere ed editoria, Lucca Comics dedica a “Eccetto Topolino” addirittura un convegno di studi, piccolo ma affollato di personalità, che si svolgerà nella Sala Incontri di Palazzo Ducale, Venerdì 28 ottobre, dalle ore 15.15 fino alle 17 circa, con il supporto della proiezione di immagini inedite. “Eccetto Topolino”: perché? 1932-1945 Le misteriose dinamiche del Fumetto in Italia durante il Fascismo e la nascita del fumetto avventuroso italiano. Seminario realizzato in collaborazione con Nicola Pesce Editore, a cura di Pier Luigi Gaspa (Lucca Comics & Games) e di Andrea Mazzotta (Nicola Pesce Editore). La scaletta degli interventi di Alberto pedrocchimanifestiBecattini, Luigi F. Bona, Alfredo Castelli, Pier Luigi Gaspa, Juri Meda e Mimmo Franzinelli è pubblicata sul sito di Lucca Comics, sul blog ufficiale di “Eccetto Topolino” e altrove, in rete. “Eccetto Topolino”, da quanto si desume dal comunicato stampa, è stato realizzato sulla base del ritrovamento di una serie di documenti appartenenti all’archivio di Guglielmo Emanuel, agente italiano del King Features Syndicate, conservato dalla Fondazione Franco Fossati, e a quello di Federico Pedrocchi, “padre storico” del Fumetto italiano. Il volume getta una nuova luce sul rapporto tra Fascismo e fumetti e sull’embargo nei confronti del fumetto ‘straniero’ (di marca prettamente anglosassone) da parte del regime fascista, instaurato nel settembre del 1938, e di fatto riscrive la storia del Fumetto in Italia. Una parte certo non secondaria dei contenuti inediti del volume è costituita dall’apparato iconografico. Si tratta della riproduzione di documenti ufficiali, di lettere private tra i protagonisti del mondo editoriale, di fotografie di straordinario impatto, anche emotivo, alcune delle quali vi presentiamo in anteprima: ombre da un lontano passato, alla base del Fumetto “moderno”, e che riannodano una imprescindibile memoria storica.

DSCN3661-trasformazione-ManDSCN3965-telegramma-ultimatFotomontaggio-Pedrocchi-GenPaperino-relazione