4 Agosto 2010 01:07

Genocidi a fumetti

bullescarrees Il contributo alla memoria degli orrori umani passa anche attraverso la letteratura disegnata. Ogni linguaggio (che sia cinema e documentario, letteratura scritta o pittura ecc.) offre Memoria usando le proprie specificità. Il Fumetto è ormai maturo da molto tempo e i suoi autori si sono dimostrati ampiamente in grado di utilizzarlo anche a questo scopo. Dalla Shoah alla Cambogia, dalla Yugoslavia al Rwanda, dagli Armeni ai Gitani… Un intervento di Laureline Karaboudjan passa in rassegna fumetti di autori (tra cui l’italiano Paolo Cossi) che hanno avuto il fegato di riempirsi gli occhi di orrore per trasformarlo in racconti della memoria tramite disegni statici. Click qui per leggerlo e ragionarci su.