19 Settembre 2022 07:57

Video Musica e Fumetto: Pogo non sale sul treno del sugo!

Parecchie vecchie canzoni western a me danno l’impressione di essere state composte… proprio a cavallo. A ritmo di trotto, o di galoppo, per dire. Normale, no? Lì a correre per ore e ore, ci sta che ti venga da canticchiare seguendo gli zoccoli del tuo fidato amico. Il ritmo di tanti nostri brani segue il battito del cuore, la sequenza dei nostri passi, o altri rumori  ripetitivi, come il canto degli uccelli… o il treno, certo, che ci forniscono la base ritmica su cui far uscire spontaneamente il nostro canto.
Poi ci sono anche brani che ostentano la provenienza della propria base ritmica, come questo bellissimo Gravy Train di Mark Knopfler, con il fenomenale slide guitarist Sonny Landreth e amici, qui di seguito tratto dal concerto live “A Night In London” registrato nella sede della BBC nell’aprile 1996. Questa versione dal vivo, a differenza del brano inciso che si chiude con uno sfumato, ha nel finale addirittura l’arrivo del treno in stazione. Eh, è bello fare musica insieme. Si suona e ci si diverte. E magari si canta qualcosa su cui pensare.

Ah, “gravy train” è un’espressione che ha un particolare significato, in effetti… Ma non voglio toglierti il piacere di cercare il testo completo e scoprirlo da te. Giusto un indizio? Cosa sarà mai questo “treno del sugo“? E che sugo è?
Bè, è un brano duro, tagliente, una critica sferzante verso chi salta sul treno del sugo (e chi ti consiglia di farlo)… Insomma, un testo che fa riflettere tristemente e anche arrabbiare, su una musica molto divertente.

Parimenti ci sono fumetti dall’aspetto gradevolissimo, ricchi di gustose gag, che stimolano nei lettori anche riflessioni tutt’altro che divertenti, per quanto assai utili. Tipo Pogo di Walt Kelly, per dire. Serie che, tra l’altro, ha un rapporto frequente con la musica.
Fra i tantissimi esempi, ti propongo questa parodia di un famoso brano natalizio, di cui ti mostro lo spartito completo:

Questa parodia non sense è stata eseguita davvero:

Video dallo spazio YouTube di Arnie Gubins: The audio track was extracted from a YouTube video done by Roger May on Xmas Eve 2010 using an audio cassette recorded in San Francisco in 1981 by the “Walt Kelly Memorial Choir”. The images are from various sources on the web and from the 1963 Simon & Schuster paperback “Deck Us All With Boston Charlie”. **from the YouTube video** “Uploaded on Dec 24, 2010 While I was a DJ in the ’80s my friends in San Francisco were in a choir, so I asked them for help recording this arcane ditty, which I played on every Xmas show I did thereafter. From audio cassette to GarageBand, import to My iMovie, add Google for visuals, mix and serve in about 3 hours. This is completely unique, never before heard outside of Nevada County CA, just in time for the current Xmas Holiday, please Enjoy Pogo, WaltKelly, BostonCharlie, Choir, Xmas”

E qui di seguito, di nuovo lo spartito ma semplificato, in una versione graficamente diversa:

Ovviamente in rete dovresti poter trovare diversi libri sia su Pogo sia su Walt Kelly:

Vuoi sentire la canzone originale (Deck the Halls) di cui Kelly ha fatto la parodia? Eccola qui in una divertente versione moderna a cappella:

Ma, come accennavo, in Pogo la musica è stata spesso presente, in svariate situazioni e modi, perché nella palude in cui vive coi suoi amici, si suona, si canta e si balla spesso! Peraltro… non c’è molto altro da fare in una palude, forse…

Insomma, robe da palude… Alcune canzoni sono state registrate e le puoi ascoltare qui: https://amzn.to/3QV5JVc con la relativa audio prefazione del volume cartaceo (cerca il brano 24, A Word to the Fore).

I brani dovrebbero essere quelli contenuti nell’omonimo libro, ma io non ce l’ho.

Altre immagini “musicali” da Pogo:

E qui una spiegazione “storica” del brano cantato da Pogo. Ovviamente totalmente di fantasia:

Per saperne di più, segui i link dinamici disseminati in questo articolo.

Questo articolo è stato inserito da: