afNews 7 Luglio 2022 19:06

The Disney Revolt: La grande guerra sindacale dell’era d’oro dell’Animazione

Te ne ho parlato più e più volte su afNews, ma, in effetti, non ne avrai sentito parlare un granché altrove. Ora questo libro cerca di colmare il vuoto di informazione su questo evento storico, con ulteriore documentazione.

Un pezzo essenziale della storia Disney che non è stato riportato per ottant’anni.

Subito dopo la nascita di Topolino, un animatore ha sollevato lo studio Disney ben oltre le aspettative di Walt. Quell’animatore ha anche guidato una guerra sindacale che l’ha quasi distrutta. Art Babbitt ha animato per lo studio Disney negli anni ’30 e fino al 1941, anni in cui lui e Walt sono stati spinti insieme a elevare l’animazione come forma d’arte, fino a Biancaneve, Pinocchio e Fantasia.

Ma mentre l’America si preparava alla seconda guerra mondiale, i sindacati si sono diffusi in tutta Hollywood. La Disney ha combattuto i sindacati mentre Babbitt li ha abbracciati. Presto, i personaggi dei cartoni animati Disney arrabbiati hanno abbellito i picchetti mentre centinaia di artisti dell’animazione hanno scioperato. Ad aggiungere benzina sul fuoco c’era Willie Bioff, uno degli “uomini d’onore” di Al Capone, che puntava a prendere il controllo dei lavoratori di Hollywood e gareggiava per controllare il sindacato degli animatori.

Utilizzando ricerche mai viste prima da documenti persi in precedenza, comprese trascrizioni di conversazioni all’interno delle mura dello studio, l’autore e storico Jake S. Friedman rivela i dettagli dietro la disputa di lavoro che ha cambiato per sempre l’animazione e Hollywood.

The Disney Revolt è una storia americana di industria e di sfavoriti, l’età d’oro dei cartoni animati nello studio più famoso del mondo.

Questo articolo è stato inserito da: