afNews 19 Giugno 2022 02:27

#annecy2022, tutti i vincitori: due premi ai migranti italo-francesi di Ughetto

Il Festival di Annecy chiude l’edizione 2022 annunciando per voce del Direttore di CITIA MIckael Marin la cifra di 13.248 iscritti accreditati (pari all’8% in più rispetto al 2019, già anno record), provenienti da 106 Paesi e rappresentanti di ogni categoria del mondo dell’Animazione.

Questa sera si è svolta la tradizionale serata di chiusura, orchestrata con gli usuali humour e maestria dal delegato artistico Marcel Jean (nelle foto impegnato in un’esilarante “danza della fonduta” in onore della Svizzera, paese ospiete), con l’assegnazione di ben 22 premi e menzioni speciali, da parte delle sei giurie preposte. Ricordiamo che questa edizione del Festival è stata dedicata alla memoria del professor Giannalberto Bendazzi, scomparso alla fine dello scorso anno.

Cristal du long métrage

Le Petit Nicolas – Qu’est-ce qu’on attend pour être heureux? / Amandine FREDON, Benjamin MASSOUBRE (Francia, Lussemburgo)

Prix du jury & Prix Fondation Gan à la Diffusion

Interdit aux chiens et aux Italiens / Alain UGHETTO (Francia, Italia, Svizzera)

Mention du jury

My Love Affair with Marriage / Signe BAUMANE (Lettonia, Stati Uniti, Lussemburgo)

Mention du jury

Saules aveugles, femme endormie / Pierre FOLDES (Francia, Canada, Lussemburgo, Paesi Bassi)

Prix Contrechamp

Ikuta no Kita (Pléthore de nords) / Koji YAMAMURA (Giappone, Francia)

Mention du jury Contrechamp

Chun Tae-il: A Flame That Lives On / Jun-pyo HONG (Corea del Sud)

Cristal du court métrage & Prix France TV pour un court métrage

Amok / Balázs TURAI (Ungheria, Romania)

Prix du jury

Steakhouse / Spela CADEZ (Spagna, Germania, Francia)

Mention du jury “Pour son animation superbement exécutée et cette formidable expérience physique”

Anxious Body / Yoriko MIZUSHIRI (Francia, Giappone)

Prix “Jean-Luc Xiberras” de la première œuvre

The Record / Jonathan LASKAR (Svizzera)

Prix du film “Off-Limits”

Intersect / Dirk KOY (Svizzera)

Cristal pour une production TV

My Year of Dicks (Mon année de bites)/ Sara GUNNARSDOTTIR (Stati Uniti)

Prix du jury pour une série TV

Dos pajaritos (Deux petits oiseaux) / Alejo SCHETTINI, Alfredo SODERGUIT (Argentina, Colombia, Uruguay)

Prix du jury pour un spécial TV

The House / Emma DE SWAEF, Marc James ROELS, Niki LINDROTH VON BAHR, Paloma BAEZA (Gran Bretagna, Stati Uniti)

Cristal pour un film de commande

Save Ralph / Spencer SUSSER (Gran Bretagna)

Prix du jury pour un film de commande

Aline / Wes ANDERSON (Animation : Arnau Solà, Javi Aznarez, Fernando Abaca, Libardo Bohorquez, Ellis Kayin Chan, Toni Sala, Diego Alonso Sanchez de la Barquera Estrada, Ram Tamez, Silvia Vicente, Julia Olivella, Miguel Angel Canillas) – (Francia)

Cristal du film de fin d’études

Persona / Sujin MOON (Corea del Sud)

Prix du jury

A Dog Under a Bridge (Un chien sous le pont) / Rehoo TANG (Cina)

Mention du jury

Maman, il a quoi le chien ? / Lola LEFEVRE (Francia)

Cristal de la meilleure œuvre VR

Glimpse / Benjamin CLEARY, Michael O’CONNOR (Francia, Irlanda, Gran Bretagna)

Mention du jury

Goliath: Playing With Reality / Barry Gene MURPHY, May ABDALLA (Gran Bretagna, Francia)

Al termine della stessa serata, il regista Guillermo del Toro, originario di Guadalajara, ha annunciato al pubblico che l’animazione messicana sarà al centro dell’attenzione nel 2023, alla presenza dell’ambasciatore messicano in Francia, la signora Blanca Elena Jimenez Cisneros.

­Il Messico succede dunque alla Svizzera, che quest’anno è stata oggetto di un’importante retrospettiva. Per il delegato artistico, Marcel Jean, “l’animazione messicana non è molto conosciuta e merita di essere oggetto di un grande panorama nazionale. Negli ultimi 20 anni, spettatori informati hanno scoperto le opere di registi formidabili: René Castillo, Karla Castañeda, Sofía Carrillo, Rita Basulto, Andrea Robles Jiménez, Aria Covamonas… È tempo che la comunità internazionale dei film d’animazione dia uno sguardo più da vicino al Paese, che ci ha anche regalato alcuni dei maggiori creatori di cinema contemporaneo in live action“.


­
­ ­ ­In occasione di questo omaggio, sarà un altro amico del Festival e grande personaggio dell’Animazione mondiale, Jorge R. Gutiérrez, creatore di “Maya e i 3 guerrieri” e “El Tigre: Le avventure di Manny Rivera”, a realizzareil manifesto dell’edizione 2023 del Festival.


­
­Per Véronique Encrenaz, responsabile della Mifa, “l‘onore dell’animazione messicana testimonia una lunga e intensa collaborazione con gli artisti, professionisti e studenti di questo Paese. Un grande ombrello all’interno del Mercato accoglierà la delegazione di In stretta collaborazione con tutte le attori dell’industria messicana, un programma ricco e variegato rifletterà la vitalità e la creatività dell’industria di questo paese e dei suoi artisti”.

Que Viva México, allora!

Come sempre, noi saremo lì per raccontarvelo!


Scopri di più da afNews

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Questo articolo è stato inserito da: