6 Gennaio 2022 10:00

AfNews media partner del corto “Breath” di Giacomo Mora: il prode cuore di Francesco contro l’Ombra della malattia

“BREATH” è il titolo di un nuovo progetto di cortometraggio in animazione CG/3D ispirato alla vera storia di un bambino venuto al mondo con una malformazione cardiaca e che prende la decisione, compiuti i 12 anni, di prendere in mano il proprio destino affrontando la sua paura più grande: una vita priva di senso, condizionata dalla malattia.

L’arma più potente contro le avversità? L’immaginazione.

Il progetto è nato per ricordare Francesco Brutti, scomparso il 27 novembre del 2009, a soli 20 anni, a seguito delle complicazioni sopraggiunte durante l’ennesima operazione al cuore cui si era sottoposto; quella che – nelle sue speranze – avrebbe dovuto finalmente concedergli la possibilità di vivere una vita “normale”, come ogni altro ragazzo della sua età.

“Non avere paura. Se ti fai dominare da essa, sarai tu a perderci.”

La forza e la tenacia di Francesco nell’affrontare la malattia sono state fonte d’ispirazione per alcuni dei suoi amici nell’ideare una storia che sapesse trasmettere un potente messaggio di coraggio e di speranza, e soprattutto costituire un invito collettivo a vivere appieno ogni istante, dando un senso adeguato all’esistenza stessa.

“Quando io e Francesco eravamo bambini, avevamo un tacito accordo: io sarei stato il “corpo” e lui il “cervello. Avrei corso con lui seduto sulle mie spalle, o lo avrei portato tra le mie braccia davanti a troppe scale da salire. Credo che l’amicizia funzioni così” – così racconta Giacomo Mora, sceneggiatore e regista di questo progetto, in una testimonianza che ci ricorda fortemente il rapporto tra Kevin e Max, i due protagonisti del bellissimo romanzo “Freak the Mighty” di Rodman Philbrick, da cui l’altrettanto emozionante pellicola “Basta guardare il cielo” di Peter Chelsom (1998).

Perché – insegnano entrambe le storie – divisi cadiamo, uniti ci si trasforma nel Cavaliere Invincibile.

“BREATH” intende celebrare l’amicizia, nel suo più intimo significato di comunione e solidarietà tra persone che non possono, per cause di forza maggiore, condividere una quotidianità, ma che fanno di tutto per non spezzare il loro legame. Ma si prefigge anche di promuovere il genio artistico e creativo del nostro Paese. E’ purtroppo ormai una tradizione consolidata (e forse data per scontata) che la maggior parte dei giovani talenti italiani sia di fatto costretta – spesso subito dopo il termine del proprio percorso formativo – a trasferirsi all’estero per la cronica mancanza in patria di progetti e di autentiche opportunità lavorative a lungo termine, salutando famigliari e contesto per poter perseguire legittime ambizioni professionali. “BREATH” si propone di richiamarne “a casa” almeno una parte, al contempo provando a sensibilizzare il mercato nazionale dimostrando coi fatti che il cinema d’animazione deve essere considerato – è il mercato globale a dimostrarlo – una fonte di investimento da sfruttare appieno e non solo marginalmente.

Le vicende di Francesco si svolgono nei luoghi della sua città natale, il borgo marchigiano di Cupra Marittima, in provincia di Ascoli Piceno, che per la prima volta nella sua Storia diventerà la location di un cartoon. Colori, storia e architettura avranno fondamentale rilevanza nel film, anche per esaltare come merita il magnifico territorio marchigiano, spesso ingiustamente trascurato.

“BREATH” è un invito a respirare a fondo quella vita che, per abitudine o ignavia, tendiamo a dare per scontata, un sussurro all’orecchio che ci incoraggia ad andare avanti ed ad affrontare i problemi con coraggio. Proprio come Francesco ha deciso di fare, malgrado le difficoltà.

Il sito web del film è già on line con diversi interessanti materiali a disposizione, come questi:

INTERVISTE E COME NASCE UN FILM D’ANIMAZIONE:
https://www.breathshortfilm.com/it/il-film.html

LA CREW DI “BREATH”:
https://www.breathshortfilm.com/it/crew.html

“BREATH” nasce come progetto indipendente e si regge, almeno per ora, su campagne di autofinanziamento rivolte a singoli e istituzioni che vorranno credere in questa iniziativa.

Per sostenere BREATH e ricevere aggiornamenti sul progetto:
https://www.breathshortfilm.com/it/crowdfunding.html

Il regista del film, Giacomo Mora, è stato ospite nel 2020 del prestigioso VIEW Fest di Torino, manifestazione gemella del simposio internazionale VIEW Conference, dove ha presentato il progetto ospite del cinema Massimo.

L’associazione “Dare vita ad un’idea – ODV” è la culla in cui “BREATH“, e molti altri progetti, hanno trovato la possibilità di svilupparsi. ODV nasce per organizzare e gestire attività locali culturali, artistiche o ricreative di interesse sociale, allo scopo di dare rilievo e visibilità al magnifico territorio marchigiano e, nello specifico, alla città di Cupra Marittima.

Per saperne di più: https://www.darevitadunideaodv.com/

Noi di AfNews siamo lieti e onorati di poter dare un suo infinitesimale contributo a questo progetto in veste di media partner, sostenendone l’evoluzione anzitutto a livello di comunicazione e diffusione, e augurandogli la medesima fortuna di un altro film d’animazione, “MILA” di Cinzia Angelini, che abbiamo accompagnato con grande emozione fino al suo debutto e al successivo trionfale esito ai festival (è di ieri l’ultimo riconoscimento ottenuto dal Berlin Internatonal Short Film Festival ). Il fatto che Giacomo Mora (QUI una nostra intervista) sia proprio un membro della “ciurma” di capitan Angelini, in quanto Lead Animator di “MILA”, suonerebbe anche come un ulteriore favorevole auspicio…

Vento alle vele, dunque… Un bel respiro… e che il viaggio abbia inizio!

Questo articolo è stato inserito da:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *