afNews: Tintin

Scoop: Wikileaks svela la sorte di Tintin?

Il capitano Haddock legge le ultime su Wikileaks...
Il capitano Haddock legge le ultime su Wikileaks…

Ma di solito non si occupava di rivelare questioni di importanza mondiale? Stavolta (il 16 aprile scorso) ha pubblicato un set di corrispondenza elettronica della Sony Pictures rubato da cracker, tra cui anche diversi messaggi sul film di Spielberg e Jackson con Tintin. Il contenuto, secondo il sito Timtim por Timtim, lascerebbe supporre che, essendo la Sony co-proprietaria dei diritti sui film di Tintin insieme alla Paramount, le opinioni espresse sui non sufficienti incassi statunitensi del brand potrebbero portare al taglio dei finanziamenti del progetto per i due film seguenti della trilogia. Ovviamente il tutto va verificato, ma una cosa sembra sicura: se il film non viene realizzato entro il 2017, i diritti tornano, dritti dritti, alla Moulinsart. Si attendono conferme, smentite, o i consueti “no comment”.

Post pubblicato 5 giorni fa alle 21:12, mercoledì 22 aprile 2015.
Leggi anche le ultime notizie! Click qui.

Tintin e Hergé: il nazifascismo e altri totalitarismi @torinocomics 2015

Goria presenta Hergé

Anonima Fumetti presenta una conferenza di Gianfranco Goria, direttore di afNews.info, a Torino Comics.

time – Sabato 18 aprile 2015, ore 17:00
titoloTintin e Hergé: il nazifascismo e altri totalitarismi
abstract – La serie belga delle avventure di Tintin, create da Hergé, ha attraversato il Novecento con tutti i suoi drammi e le sue tragedie. Avventure per ragazzi, ma sempre ancorate alla realtà contemporanea, quelle di Tintin hanno dovuto affrontare anche il periodo peggiore del secolo scorso, quello che ha visto nascere e tragicamente prosperare totalitarismi feroci e disumani, e una spaventosa Guerra Mondiale. Tintin è uno dei simboli stessi del Belgio e rappresenta valori positivi. Come mai il suo autore è stato in varie occasioni accusato di razzismo, colonialismo, vicinanza all’estrema destra, collaborazionismo col nemico? Quanto c’è di vero? Ci sono elementi discutibili nelle storie raccontate ai ragazzi? Di questo parlerà Gianfranco Goria, uno dei maggiori esperti italiani dell’opera di Hergé e di Tintin in particolare, che si è occupato dell’aderenza filologica della nuova edizione completa delle Avventure di Tintin, per l’occasione ritradotte in italiano, per Rizzoli Lizard.

Click qui per i libri di Tintin!81-nnPICCuL

Post pubblicato 2 settimane fa alle 11:14, martedì 14 aprile 2015.
Leggi anche le ultime notizie! Click qui.

Tutto sull’evento lirico I Gioielli della Castafiore!

 Les-Bijoux-de-la-Castafiore-visual

Qualunque cosa legata a Tintin diventa un vero evento.
Oltre le Alpi, s’intende.
Dell’opera musicale dedicata a Bianca Castafiore (personaggio assai noto della serie creata da Hergé e famosa in particolare per la sua interpretazione dell’Aria dei Gioielli dal Faust di Gounod), vi avevamo parlato per tempo (il 27 marzo scorso). Oggi offriamo agli appassionati del Bel Canto la cartella stampa completa: click qui. E click qui per le foto della presentazione ufficiale del 7 aprile scorso.
Il libretto di Francois de Carpetries è un adattamento dell’albo di  d’Hergé,  Les Bijoux  de  la  Castafiore, costruito attorno alle più celebri arie d’Opera: click qui per l’elenco completo.

Non è tutto. Se andate in questi giorni nel sito dedicato a questa rappresentazione lirica (http://www.070.be/opera/, dove potete anche prenotare il vostro posto per la prossima esibizione) verrete accolti dalla famosa aria dei gioielli del Faust di Gounod, il brano prediletto della nota cantante milanese, e troverete ogni informazione possibile!

Tintin2In effetti Bianca è rappresentata come una cantante notevole e, nell’albo I Gioielli della Castafiore, all’apice del suo successo internazionale. Ma, in precedenza, l’Usignolo Milanese aveva provocato, in Tintin e Haddock, una reazione che qualcuno sostiene essere stata più vicina all’ascolto della famosa Florence Foster Jenkins, la cantante lirica più stonata del mondo, che potete ascoltare qui di seguito:

Terrificante, vero? Pensate che c’era gente che pagava il biglietto solo per riderle dietro, vigliacconi… Mh? Ah, sì, stessa cosa dell’odierno karaoke? Eh, più o meno.

Noi, tornando al punto, riteniamo, invece, che i due fossero solo colpiti dalla potenza vocale (e che Hergé si sia limitato, come in altre occasioni, solo a fare una normale gag sulla lirica, giacché, si sa, non era un fan di questo genere musicale) e che la Castafiore, senz’ombra di dubbio, cantasse benissimo almeno quanto la seguente collega. Ecco a voi, per consolazione, dopo le stecche precedenti, lo stesso brano di Mozart interpretato Patricia Petibon (apprezzerete la differenza):

Ah! Bellissimo! Brava! Bis!

Ed ora a voi l’Aria dei Gioielli nell’interpretazione del grande Soprano Renata Tebaldi (in italiano):

E la versione in francese secondo Renée Fleming:

E se ora volete fare del Karaoke insieme a Bianca Castafiore…

 

CP 20

Post pubblicato 2 settimane fa alle 7:58, lunedì 13 aprile 2015.
Leggi anche le ultime notizie! Click qui.

Allora un tizio si mette a cantare

tintin loto 3

Il buon Claude Garitte ci ricorda che nell’album della serie Tintin di Hergé “Il Loto Blu”, a pagina 3, penultima vignetta, il signore giapponese ferito dalla freccetta al veleno radjaïdjah (“il veleno che rende folli”), si mette cantare “Toung Si Nán Peï”.
Lo sapete cosa significano queste parole?
Sono, in Cinese, i quattro punti cardinali :  Dōng = Est , Xī  = Ovest , Nan = Sud e Běi = Nord, ma in Marollien, il dialetto mezzo francese-mezzo fiammingo di Bruxelles  (anche chiamato “Le Brusseleir”) che Hergé conosceva per via della nonna che lo parlava, è esattamente l’equivalente fonetico di  “toen zingt nen peï”, cioé “allora un tizio si mette a cantare”.
Divertente, eh? Pensate che persino in Belgio, ci dice Claude, ci sono molti Tintinofili che ancora non lo sanno!
Questa avventura la trovate in questo volume:

Post pubblicato 3 settimane fa alle 7:58, mercoledì 8 aprile 2015.
Leggi anche le ultime notizie! Click qui.

1980: Tintin nel Tibet secondo Taiwan

Tibet Taïwan

Claude Garitte ci segnala una curiosità. C’è una edizione di “Tintin in Tibet” pubblicata a Taïwan (Epoch Publications Agency o Epoch Publicity Agency, 1980), che, a pagina 62, nell’ultima vignetta, contiene un testo aggiuntivo che non appare in nessuna altra versione al mondo e men che meno in quella della Cina continentale. Il testo (come vedete qui di seguito) recita (secondo quanto inviatoci da Claude):  “Benché Tintin abbia potuto salvare il suo amico Tchang nel Tibet, i Tibetani sono sfortunatamente sempre nelle mani dei diavoli comunisti. ” E ci sembra chiuda con un qualcosa di simile a “E’ veramente triste.”.
Vecchio esempio di propaganda Taiwanese contro la Cina comunista (ma non di propaganda a favore dell’indipendenza del Tibet) inserita di straforo e senza alcuna autorizzazione in un albo per ragazzi.
Tibet Taïwan  texte  p.62
Per la cronaca, la stessa avventura veniva pubblicata in Cina continentale nel secolo scorso col titolo Tintin nel Tibet cinese… Vecchio esempio di propaganda Cinese contro l’indipendenza del Tibet. Dal 2002 (dopo le proteste di Moulinsart e il seguente accordo editoriale), il titolo è tornato all’originale Tintin in Tibet.
 
631_001
Tintin nel Tibet Cinese
81lxIbzwblL
Tintin in Tibet
Post pubblicato 3 settimane fa alle 9:47, martedì 7 aprile 2015.
Leggi anche le ultime notizie! Click qui.

Nell’uovo: foto da mostre con Tintin!

20150328_140916

Il gentile Claude Garitte ha portato alla nostra attenzione di tintinofili tintinologi alcune fotografie di Vincent Deschoenmaeker, scattate recentemente durante la sua visita al Museo Immaginario di Tintin, da condividere con voi. Li ringraziamo entrambi calorosamente!

Ne trovate anche altre, scattate in occasione di mostre tintinesche (Tintin till sjöss, Château de Moulinsart – Cheverny, Tintin et Hergé à la mer), facendo click qui, qui e qui.

Post pubblicato 3 settimane fa alle 9:33, domenica 5 aprile 2015.
Leggi anche le ultime notizie! Click qui.