Paolo Castaldi presenta Zlatan Un viaggio dove comincia il mito

“Puoi togliere il ragazzo dal ghetto, ma non il ghetto dal ragazzo”.

Paolo Castaldi, è autore ben noto oramai agli appassionati di fumetti italiani, stà per tornare in libreria con un nuovo Graphic Novel, questa volta per la linea Feltrinelli Comics. Ancora una volta è tornato ad  occuparsi della vita di un grande campione dello sport e del calcio. Dopo il successo rivelazione del Graphic Novel dedicato a Diego Maradona ( edito da Becco Giallo), si è, dedicato alla vita di una personalità altrettanto unica: Zlatan Ibrahimovic

Fra i maggiori giocatori del mondo, amato e odiato, l’atleta nato a Malmo, in Svezia, da genitori Jugoslavi, è un personaggio autentico la cui storia personale ed umana è la dimostrazione vivente che nessuna vita è davvero condizionata dal luogo in cui sei nato ed hai vissuto, nè dalle tue origini.

C’era una volta un ragazzino di origini slave, introverso e irrequieto, che abitava a Rosengård, al quarto piano del 5C di Cronmansvag, e inseguiva il suo pezzetto di destino. Il suo nome era Zlatan Ibrahimovic´. Per la gente di lì, semplicemente “Zlatan”. Rosengård è uno dei pochissimi quartieri-ghetto della Svezia. A detta di alcuni, il più pericoloso. Turchi, arabi, polacchi, maghrebini. C’è tutto il “vecchio continente”, tutto il Mediterraneo, lì. Migliaia di persone hanno cercato un futuro possibile lungo Amiralsgatan, la principale arteria stradale del quartiere di Malmö. Un futuro per sé e per i propri cari.
Paolo Castaldi disegna su carta gli anni giovanili del fuoriclasse che tutti oggi conosciamo, quelli che ne hanno formato il carattere spigoloso e ribelle.

 

Il lavoro di Paolo Castaldi è un viaggio-reportage tra le vie di Rosengård che mostra il giovane Ibrahimovic´ in cerca della sua chance, del suo riscatto da una vita difficile passata fra i campetti del quartiere e la casa del padre, dove il frigorifero è troppo vuoto e la guerra in Jugoslavia troppo presente. E racconta come nasce un grande campione, capace di entrare prepotentemente nel mito. “Io sono Zlatan. E voi chi cazzo siete?

Dal 25 ottobre vi faremo conoscere come nasce un campione, come cresce un ragazzo e come si diventa uomo.

Fonti Consultate: @PaoloCastaldi,feltrinellieditore

 

Scrivi il tuo bel Commento, dai!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.