Adventure Time. Un finale che resta nel cuore.

Lunedì 3 settembre negli Stati Uniti è stato trasmesso l’ultimo episodio di Adventure Time.

L’episodio finale, della durata di oltre quaranta minuti, ha chiuso una serie animata iniziata nel 2010 e durata dieci stagioni.

Per chiudere dando il giusto rispetto alla serie Cartoon Network ha dedicata la programmazione dell’intera giornata, negli USA festa nazionale del Labor Day, alla serie mandando repliche di alcuni degli episodi più celebri.

 

Una maratona che mostra quanto la serie sia stata importante per il canale. Fu infatti Adventure Time a spalancare le porte a un nuovo tipo di serie animata televisiva trasportando Cartoon Network sulla cresta della quarta età dell’oro dell’animazione.

Nuovi argomenti e nuovi modi di raccontare. Uno stile artistico moderno, riconoscibile ma originale più musiche sperimentali, canzoni dal taglio realistico e il coraggio di parlare e analizzare problemi, sentimenti e paure sono stati le parti scatenanti di una vera rivoluzione visuale, artistica e narrativa.

Si può dire che Adventure Time sia stata una serie incentrata sull’avventura di crescere, accettare se stessi e gli altri, insomma. Diventare adulti.

Ambientata in un mondo fantastico dove esseri mitici e fantascienza venivano mischiati con genio ha raccontato la storia di Finn Mertens, protagonista che all’inizio della storia aveva dodici anni. Episodio dopo episodio Finn è cresciuto e con lui la storia, sia la sua che quella degli altri personaggi, diventando sempre più complessa e profonda anche senza perdere mai la vena di comicità demenziale degli inizi.

Il racconto ha iniziato a mostrare i dubbi di uno spirito in crescita e di personaggi che lottavano contro un mondo ostile chiudendosi in se e mostrando caratteri forti, utili a sembrare indifferenti ai problemi. Creatori di una loro sicurezza che durante la serie si è dimostrata, in tutti i casi, retta dall’egoismo e capace solo di rendere la vita sempre più problematica.

Con questo finale non sono state chiuse tutte le storie ne mostrati tutte le centinaia di personaggi comparsi. Moltissime domande rimangono senza risposta, ma i personaggi sono cambiati. Hanno potuto confrontarsi con loro stessi. Le loro paure sono state affrontate, discusse e superate.

Questo finale lascia dei personaggi felici, soddisfatti della loro vita e maturi abbastanza per accettare e manifestare i propri sentimenti verso se stessi e gli altri.

Per questo, nonostante il finale lasci detto che le avventure non finiranno mai, si può dire che questa storia sia davvero conclusa.

Adventure Time lascia un grande vuoto che si spera verrà riempito da nuove serie della stessa qualità. Ma, come per Regular Show, è chiaro che resterà insuperata e abbia un posto d’onore tra le serie che hanno fatto avanzare l’animazione.

Adesso gli autori continueranno a raccontare del mondo di Ooo e i suoi personaggi tramite la serie a fumetti. Si dice già che in questo modo verrà fatta un’undicesima stagione. Oltre a questo sono anni che si parla di un lungometraggio senza sapere se verrà fatto o meno. Ma questa è un’altra storia.

Grazie Pendleton Ward per questa storia, grazie Adam Muto. Grazie a tutte le centinaia di persone che hanno contribuito a realizzare questa serie in tutti questi anni.

L’avventura non finirà mai.

Scrivi il tuo bel Commento, dai!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.