Annecy 2018. Mirai, il nuovo film di Mamoru Hosada

Tra i film in concordso a Annecy 2018 nella categoria Lungometraggi si trova anche il nuovo film di Mamoru Hosada. Regista giapponese di film d`animazione famosi Come “Summerwars”“Wolf child”. Film che mischiano la storia di affetti o vicende familiari con un imprevisto fantastico (o fantascientifico) che per quanto importante nella storia non é mai l’argomento principale, che rimangono i personaggi, la loro crescita umana, i loro sentimenti e le relazioni che intrecciano, soprattutto come nucleo famigliare.

La presenza di Mamoru Hosada é accolta con entusiasmo dal pubblico.

Inizia a parlare del film che presenta sera, ha per protagonista un bambino di quattro anni e parla della famiglia. Pensa che sia in continuità con la sua filmografia.

Gli chiedono perché ha fatto un film con protagonista un bambino di quattro anni e se é un film che ha pensato solo per i bambini. Hosada risponde, con grande cortesia, che ci sono molti film con protagonisti bambini di quattro anni. Nel caso del suo é un film fatto pensando ai bambini ma per piacere anche agli adulti.

Un tema universale che accade in Giappone come in ogni altra parte del mondo. Più precisamente la sua speranza e che chi veda il film possa ricordare la sua infanzia e cosa volesse dire essere piccoli.

Il film parla dell’arrivo in una casa della nuova nata di una giovane coppia. Kun, che ha quattro anni, é da subito meravigliato dalla sorellina e le si affeziona all’istante. Ma inevitabilmente si trova a provare la sensazione d’abbandono dovuta all’attenzione per la nuova nata e a sentirsi geloso. In questi momenti di capricci il mondo di Kun cambia facendolo ritrovare in posti diversi e incontrare personaggi dal passato o dal futuro legati alla sua famiglia che l’aiuteranno a capire cosa sta provando e come poterlo superare.

Non si capisce quanto questi incontri siano fantasia o veri viaggi nel tempo fatti dal protagonista. Ma l’importanza della famiglia, dello stare insieme di genitori e figli é centrale.

Un film gioioso, divertente, con parti di profonde riflessioni e scene sulla paura dell’abbandono, che diventano capricci infantili o incubi paurosi. Scene commoventi senza esagerazioni e con un grande senso di realtà in cui potersi ritrovare.

Fa davvero ricordare parti della propria infanzia.

Scrivi il tuo bel Commento, dai!

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.