Il Fumetto è in ottima salute. I fumettisti no

Per lo meno questa, in estrema sintesi, è la situazione denunciata nella francofonia in occasione del grande festival. Stando a quel che si può leggere dalle fonti citate qui di seguito, il 36% dei fumettisti vive sotto la soglia di povertà, il 56% lavora anche nel fine settimana almeno tre volte al mese, il 53% guadagna meno del salario minimo e quello del fumettista è considerato un lavoro precario. Lamentano anche di non essere correttamente retribuiti per quel che il lavoro rende e di essere sfruttati durante i festival…
Fa impressione leggere dati di questo tipo qui in Italia, dove di dati proprio non se ne parla per niente.

Fonte 0: http://www.actuabd.com/En-2017-le-marche-de-la-bande-dessinee-fait-son-plus-gros-score-depuis-10-ans

Fonte 1: https://www.actualitte.com/article/bd-manga-comics/l-excellente-sante-economique-de-la-bd-cache-la-precarite-de-ses-auteurs/86937

Fonte 2: http://www.liberation.fr/debats/2018/01/23/auteurs-de-bd-en-danger_1624621

Fonte 3: https://collectifartistesauteurs.tumblr.com/


Puoi tradurre l’articolo con Google Traduttore.


afNews preferisce proporti direttamente la fonte originale della notizia. Tuttavia, se dopo aver letto la traduzione di Google Traduttore hai ancora qualche dubbio, puoi scrivere in Redazione e chiedere aiuto.


Se l’articolo ti piace, non essere egoista: condividine il link sui tuoi social o dove preferisci! Puoi usare gli appositi pulsanti qui di seguito.