La vera Storia del fumetto con Superman e Muhammad Ali

Oggi, nel commemorare la scomparsa di Muhammad Ali (Cassius Clay), ti ho mostrato le scansioni dalla mia copia dell’albo DC Comics Superman vs. Muhammad Ali, edizione italiana del luglio 1978. L’eccezionale copertina mostra, tra il pubblico, una quantità di personaggi famosi e qui, tra poco, ti darò la mappa completa. Ma, intanto, sai come mai fu fatta questa storia?

Neal Adams ha detto (come puoi vedere nel video qui di seguito) che l’idea venne a Julius Schwartz della DC comics, e tutti ne risero, tranne l’editore. Partirono quindi le trattative per l’utilizzo dell’immagine del campione.

Dennis O’Neil si occupò della storia ma dovette abbandonare prima della fine. Si tratterà di un combattimento cui i due eroi sono costretti per salvare il nostro pianeta. Me lo sono appena riletto ed è proprio un bel racconto che copre 72 paginone fitte fitte, arricchite da grandi immagini coi disegni di Neal Adams. Joe Kubert fece la prima versione della grande copertina, ma non era gioiosa come voleva l’editore.
fozpnv2uecw3zhej6pxl - afnews

Quindi se ne occupò Adams, arricchendola di cammei, tra cui:  i Presidenti Gerald Ford e Jimmy Carter, Lucille Ball, Johnny Carson, Ron Howard, Andy Warhol e tanti altri come Joe Shuster e Jerry Siegel e personaggi di fantasia come Barry Allen, Batman, Lois Lane, Lex Luther, Diane Prince. Ecco la lista completa. Alcuni, come John Wayne, non diedero il permesso all’uso del proprio volto, e Adams aggiunse un po’ di baffi qua e là…

La copertina originale USA.
La copertina originale USA.

Ali chiese solo che il suo alter ego fumettistico potesse scoprire la vera identità di Superman e si dice che abbia scritto il proprio dialogo. L’albo avrebbe dovuto uscire nell’autunno del 1977, ma ebbe un po’ di ritardo e finì nel 1978. Venne poi ristampato nel 2010.

L’adattamento del racconto di Denny O’Neal fu del disegnatore, Neal Adams, l’inchiostratura di Dick Giordano e Terry Austin, il lettering di Gaspar Saladino e il colore di Cory Adams. E l’albo entrò nella Storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *