“Lo spacciatore” di Valentina Misgur si aggiudica la “12 Ore” di Bologna

Valentina_Misgur_vincitrice__VALENTINA MISGUR VINCE LA 12 ORE DI SCRITTURA PER L’ANIMAZIONE ORGANIZZATA DA BOTTEGA FINZIONI E FUTURE FILM FESTIVAL

“Lo spacciatore di pere“, il progetto di Valentina Misgur, ha vinto la “12 ore di scrittura per l’animazione” organizzata da Bottega Finzioni nell’ambito del Future Film Festival, Festival internazionale di cinema, animazione e nuove tecnologie (Bologna, 5-10 maggio 2015).

La giuria della “12 ore di scrittura per l’animazione”, il contest, organizzato da “Bottega Finzioni” nell’ambito del “Future Film Festival”, presieduta da Mario Bellina, autore e sceneggiatore di format e fiction per bambini (Albero Azzurro, Talent High School) e serie animate (Elfoodz, Le straordinarie avventure di Jules Verne), già docente di “Bottega Finzioni” per l’Area Produzioni per Bambini e Ragazzi, ha premiato “Lo spacciatore di pere” di Valentina Misgur: “per la capacità evocativa capace di trascinare il lettore in un mondo distopico disseminato di indizi che svelano un sottotesto di possibilità, da cogliere per lo sviluppo successivo del progetto” – è la motivazione.

Valentina Misgur, classe 1970, piemontese di origine – di Alessandria – ma bolognese di adozione si occupa di narrativa, architettura e progetti culturali. Ha all’attivo alcuni importanti riconoscimenti: nel 2001 ha vinto il concorso “Il mito del viaggio”, organizzato dalla Fondazione Grinzane Cavour, da La Repubblica e dal quotidiano argentino El Clarìn. Nel 2007 è stata finalista al “Premio Calvino”. Nel 2008 ha pubblicato “Trovami un giorno”, Edizioni EL, con cui ha vinto il premio “Il gigante delle Langhe” ed è stata finalista al “Premio Insula Romana” di Bastia Umbra.
Grazie a questa nuova vittoria Valentina avrà la possibilità di  sviluppare il proprio progetto, insieme ai docenti di Bottega Finzioni, per poi presentarlo, una volta messo a punto, in un pitch realizzato con alcune delle più interessanti società d’animazione nel 2016, e magari, tra qualche tempo, sarà possibile vedere il suo cartoon in onda su uno dei principali canali della tv italiana o al prossimo Future Film Festival.
“Bottega Finzioni” è la scuola di scrittura fondata nel 2010 a Bologna da Carlo Lucarelli (Capo Bottega), Michele Cogo (Direttore), Giampiero Rigosi (Coordinatore Area Letteratura) e Beatrice Renzi (Vice Direttore) a cui dal 2013 si sono aggiunti Piero Di Domenico (Direttore Didattico) e Simone Bachini (Responsabile Sviluppo e Produzione). Come in una vera e propria bottega, gli allievi imparano il mestiere di scrivere lavorando concretamente a progetti in effettivo sviluppo, quali programmi televisivi, film, fiction, romanzi, racconti, videogiochi e fumetti, insieme a chi, da sempre, si occupa della scrittura e della sceneggiatura di storie reali o di finzione. I corsi si tengono a Bologna. Per maggiori informazioni: www.bottegafinzioni.it

Nato nel 1999 a Bologna, il “Future Film Festival” si è affermato come il primo e più importante evento in Italia dedicato alle tecnologie applicate all’animazione, al cinema, ai videogame e ai new media. Ogni anno, nel capoluogo emiliano, si danno appuntamento i più importanti registi, direttori artistici e creativi, per presentare in anteprima i propri film. Uno sguardo al futuro del cinema, ma non solo. Due anche quest’anno le sezioni competitive del Festival: il Concorso Lungometraggi, cui partecipano 10 titoli a caccia del Platinum Grand Prize e il Future Film Short riservato ai corti.
Info e programma: www.futurefilmfestival.org

banner-eat-the-future-810x350

Scrivi il tuo bel Commento, dai!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.