Genova ricorda Andrea Pazienza

A. Pazienza. Somarello che rideAndrea Pazienza (1956-1988) nel corso della sua breve ma intensa attività artistica ha creato molti personaggi, dalla A alla Z si potrebbe dire, da Astarte – il cane di Annibale protagonista dell’ultima storia rimasta incompleta per la morte del disegnatore – a Zanardi, interprete di scherzi e ribellioni scolastiche, e non solo. Ma curiosamente molti suoi personaggi hanno nomi che iniziano con la lettera P, come il suo cognome: Pentothal, Pompeo, Pertini e forse se non fosse scomparso troppo presto avrebbe dedicato una storia anche a Pantani, campione di un ciclismo troppo chiacchierato. Ha debuttato a 21 anni sulle pagine di Alter-Alter con “Le straordinarie avventure di Pentothal” e ha concluso su Comic Art, storiche riviste di una stagione di qualità. Ma ha anche pubblicato su periodici di satira e di grandi polemiche, dal Male a Frigidaire, a Cannibale, quasi a conferma del suo spirito irrequieto e del suo disagio esistenziale – comune a quella generazione e a quegli anni di piombo – che ha raccontato nelle sue storie amare, spesso disperate,A. Pazienza. Falco nel nido con personaggi le cui ribellioni non avevano sbocchi. Anche il suo disegno era aspro, scarno, caricaturale, a tratti grottesco, con pochi personaggi, quasi sempre collocati in scenari aridi, desolati, deserti. Pazienza era piaciuto molto a Guido Crepax per la sua originalità, anche se il creatore di Valentina confessava di non comprenderne sempre le storie, forse perchè troppo distanti dalla sua generazione. A 25 anni dalla sua morte Pazienza viene ricordato a Genova con una grande mostra aperta fino al 7 ottobre prossimo al Museo Luzzati. Un’occasione per (ri)scoprire l’arte di un maestro del fumetto e ripercorrere, attraverso le sue tavole anche inedite e i suoi personaggi, un periodo della nostra storia, come si propone di fare anche l’associazione Andrea Pazienza di Cremona che sta preparando varie iniziative per ricordare il disegnatore. (Carlo Scaringi).

Scrivi il tuo bel Commento, dai! Ma PRIMA leggi qui: http://www.afnews.info/wordpress/help/norme-di-comportamento-su-afnews/

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.