Il Giornalino presenta il Pinocchio di Enzo D’Alò

GI_CP28pIVpIil Giornalino si unisce ai festeggiamenti per i 130 anni di Pinocchio con servizi sulla storia dell’opera, gli illustratori e le diverse edizioni del famoso burattino. Inoltre lo mette in copertina usando, “in anteprima (e in esclusiva per i lettori)” due immagini di "Pinocchio, il film", nei cinema la prossima primavera, corredate da intervista al regista e sceneggiatore Enzo D’Alò (La gabbianella e il gatto, Momo ecc.). Vi si parla anche i alcuni dettagli del progetto: “…una realizzazione di circa 200 mila immagini per una coproduzione internazionale ha visto al lavoro 120 persone, tra i quali Lorenzo Mattotti, autore delle illustrazioni del nuovo Pinocchio e Lucio Dalla, per le sette canzoni che si inseriscono nel corso del racconto…” Di seguito un estratto dall’intervista de il Giornalino a Enzo d’Alò, che potete leggere integralmente su www.G-web.it. Enzo d’Alò racconta il suo Pinocchio – Strano che il personaggio della letteratura per ragazzi più celebre al mondo venga associato, a distanza di oltre sessanta anni dalla sua realizzazione, al film di animazione di dalo_250_14263Walt Disney. Strano perché quel Pinocchio aveva conservato assai poco della storia originaria di Collodi, era ambientato nel Tirolo e non in Toscana, tralasciava moltissimi episodi e introduceva personaggi che non esistevano nel libro. E per molti bambini di tutto il mondo quello di Disney rimane l’unico Pinocchio che conoscono. A colmare la lacuna ci sta pensando Enzo d’Alò, il regista italiano che ha firmato successi come La freccia azzurra, La gabbanella e il gatto, Momo, Opopomoz, e che per la tv ha diretto tanti episodi della Pimpa e di recente la bella serie Pipì, Pupù e Rosmarina. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente in Lussemburgo, dove con un’équipe di 60 animatori, sta lavorando alle fasi conclusive del … Click qui per l’intervista completa.