L’Inedit e il fumetto per bambini

L-inedit-coverIl nostro corrispondente belga Antonio Lapone  (va bene, amico, anzitutto) ci segnala che, mentre fervono i preparativi per Angoulême, i suoi vicini di casa "La Grande Ourse asbl" (che organizzano il festival bd ad Andenne) saranno presenti allo stand nella bulle New-York con il nuovo numero dell’Inedit numero 26. Per l’occasione, Lapone ne ha fatto il restyling del logo e sarà presente nella rivista, che ospiterà anche Luca Erbetta e Thomas Frisano, affiche_pucerons_03_800mitico disegnatore delle copertine di Strange (“mensile cugino dei nostri Corno anni 70”). Il numero in stampa è sfogliabile in linea facendo click qui. Ci comunica, inoltre, che il festival di Angouleme e les editions Dupuis di Marcinelle, preparano l’expo "Puceron, toi-meme" dedicata al mondo della bande dessinée per i più piccoli. La collezione, creata da Denis Lapierre, permette ai bambini di leggere senza l’utilizzo di testi. Una mostra itinerante nelle scuole francesi, poi, illustrerà come nasce il fumetto per i piccoli. Che sia un’idea per le scuole materne italiane? Potete saperne di più facendo click qui. La locandina è stata realizzata da Virginie Vertonghen, che, per la collezione Puceron, crea anche "La Vavache", ora giunta al quinto volume, e che è stata pubblicata nel settimanale Spirou la scorsa settimana scorsa con un “mini-recit" dal titolo "Il tesoro di Marcinelle".