Il romanzo di Vasco. A fumetti.

vasco-rossi-ho-fatto-un-sogno Non avere il nome sulla copertina di un fumetto dopo averlo disegnato non è il massimo. Di solito, anzi, ciò è visto come un affronto, una mortificazione della propria professionalità, una violazione di legge rispetto al proprio diritto morale… In effetti, sulla copertina di Ho fatto un sogno, che vedete qui accanto, l’unico nome che appare, come novello Disney che ha fatto tutto lui, testi, disegni ecc., è quello di Vasco. Rossi, naturalmente. E il Luca Genovese di cui si è vociferato? Apparirà nel colophon, nelle pagine interne? Ha disegnato lui il romanzo, o i disegni si sono autoprodotti? O li ha fatti Vasco? O qualcuno che non osa firmare? E la sceneggiatura? Mica è uno scherzo improvvisarsi sceneggiatore di fumetti… Ma allora?… Ormai basta andare in libreria per svelare l’arcano. Una trovata, evidentemente? Comunque ecco i dati tanto a lungo tenuti nascosti: “… la direzione artistica della graphic novel [sic] è stata affidata ad Arturo Bertusi mentre Barbara Roganti ha curato i dialoghi, il soggetto e la sceneggiatura insieme a Francesco Merini, Rosanna Mezzanotte è la responsabile del design e delle chine insieme a Luca Genovese. La realizzazione è di Chiaroscuro srl” No, non ha fatto tutto Vasco. Che, a dirla tutta, fa già benissimo altro.