La Vita si nutre di Vita

La Vita si nutre di Vita. Che sia animale, vegetale o altro (per quel che ne sappiamo fin qui). Inesorabile, pare, eh? Leonardo lo esprimeva in altro modo: «facciàno [scil. facciamo] nostra vita coll’altrui morte» [Parigi, Institut de France, Ms H, f. 89 v, 1493-1494. Cfr. J. P. RICHTER, The Literary Works of Leonardo da Vinci, compiled and edited from the Original Manuscripts, London, Sampson Low – Marston – Searle & Rivington, 1883 [rist. New York, Dover, 1970], vol. II, § 845; C. PEDRETTI, The Literary Works of Leonardo da Vinci, compiled and edited from the Original Manuscripts by Jean Paul Richter. Commentary, Londra, Phaidon, 1977, vol. II, p. 114.]
E ancora: «In nella cosa morta riman vita dissensata, la quale ricongiunta alli stomaci de’ vivi, ripiglia vita sensitiva e ‘ntellettiva». Ecc. Detto sia pure nella pochezza della scienza disponibile all’epoca…
E questo, come dicevo, vale per ciò che noi chiamiamo animali (come noi stessi), vegetali e tutto il resto.
Finché utilizziamo corpi come i nostri, ci tocca farcene una ragione, sembrerebbe. Il che non toglie che è bello e buono avere rispetto per la vita che ci fa vivere, ed esserle sinceramente grati, quando ce ne nutriamo. Poi, altrettanto inesorabilmente, anche i nostri corpi saranno cibo per l’altrui vita. E’ il cerchio della vita, come ci ricorda il Re Leone… ma anche non ce lo ricordasse, mi par proprio che sarebbe così lo stesso. 

Post pubblicato 4 settimane fa alle 10:20, giovedì 27 luglio 2017.
Leggi anche le ultime notizie! Click qui.