I prigionieri del Pianeta Blu – incipit 1

fotoGoria - Cos'è? Click per scoprirlo
I prigionieri del Pianeta Blu – racconto di Gianfranco Goria – incipit 1 – estratto
– Smettila di guardarmi in quel modo!
– Come?…
– Smettila di guardarm…
– Ho capito. Dico: in che modo ti starei guardando?
– Lo sai bene! Mi guardi come se fosse la prima volta che guido un’astronave!
– Eh?… No, ti sbagli.
– Non mi sbaglio: si vede bene come mi guardi.
– Non è possibile.
– Invece sì.
– Non insistere inutilmente: sai che non è così e continui solo per darmi fastidio, e anche questo è inutile, capito, ragazza?
Quel termine le dava davvero fastidio. Lo sapeva benissimo che era molto più in gamba delle sue coetanee dodicenni, ma la chiamava così apposta, per darle fastidio, per chiudere la conversazione.
Fine delle trasmissioni. Comunicazioni chiuse.
I motori fisionici erano ormai al massimo della potenza e questo bloccava inesorabilmente ogni tipo di comunicazione.
– Vedrai che un giorno risolveremo anche questo problema – diceva lei ogni volta che succedeva
– Quando capiterà noi non ci saremo più da un pezzo.
– Forse no, forse sì, chissà. Hai la palla di vetro, furbacchione?
– Palla di?… Ah. Non è questione di vedere il futuro. E’ statistica scientifica.
– E’ mancanza di fantasia… ehheheh!
E anche questa frase chiudeva le comunicazioni, almeno per un po’.