afnews.info - arabafeniceNews - ISSN 1971-1824 - since 1995 daily news from the world of graphic literature
founded & directed by Gianfranco Goria - tel/fax (+39)178.2210472

Gennaio 2009

MoisEditoriale - Spirit of the times
Spirit of the times by Moise
Il robottino Spirit si rifiuta di obbedire ai comandi che gli arrivano da Terra... Mi sa che l'amico è più intelligente del previsto e si è presa una bella, meritata vacanza sotto il rosso cielo marziano!
Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Sabato, 31/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

National Cartoonists Society new look

National Cartoonists Society at afnewsLa famosa National Cartoonists Society, l'associazione dei cartoonist statunitensi, ha fatto un bel restyling del proprio sito, per adeguarsi ai tempi, svecchiare e rinnovare. Potete vederlo passando tramite l'immagine qui accanto. E, se siete aspiranti cartoonist, fate click sulla sezione How to be a Cartoonist.

 New look for the National Cartoonists Society.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 31/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

MoisEditoriale - Marciume a fumetti
Marciume a fumetti by Moise

C'è del marcio in Danimarca si lamentava Amleto riflettendo sulla triste condizione del suo reame... Ma si direbbe che anche nel variopinto, zuzzurellone e sedicente-gioioso Reame dei Fumetti si annidano - neanche troppo nascosti - i putrescenti germi della corruzione, della sopraffazione e dell'ingiustizia! E non stiamo parlando di Pietro Gambadilegno, Lex Luthor o del perfido Ming, bensì di individui in carne (putrida) ed ossa (fetide) cui Amleto-Carlo Peroni fa riferimento nel suo PeroBlog... Sì, proprio quello stesso Carlo 'PeroGatt' Peroni che è stato, a quanto egli stesso sostiene, bruscamente scaricato dalla testata a fumettistica per cui ha ottimamente e diligentemente lavorato per più di sessant'anni! Bella sorpresona, nevvero? Non c'è che dire: se questo è l'allegro mondo del fumetto c'è davvero poco da ridere! Quando parte la prossima astronave?
Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia
Tag: Carlo Peroni, PeroGatt, fumetti, comics, BeDè, ingiustizia, corruzione, pizzo, licenziamenti.
INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Sabato, 31/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Angouleme: Milo Manara, Vittorio Giardino e altre foto

angougoumanara.jpgMilo Manara e Vittorio Giardino intercettati nella sezione foto del sito del Festival di Angouleme in corso. Fate click sull'immagine qui accanto per andare a vedere il resto.

 Milo Manara a the Festival of Angouleme. Just click the photos.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 31/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Foto

Mitici Disney in edicola
miticidisney.jpgCerto che è davvero una vigna, avere un deposito gigantesco di belle storie, da poter ristampare all'infinito senza mai dare un soldino agli autori, eh? Lo sa bene la Disney, che è di nuovo in edicola, stavolta col Corriere della Sera e la Gazzetta dello Sport, con l'ennesima selezione di belle avventure di Grandi Firme del Fumetto. I Mitici Disney, è l'ennesima trovata. Trenta volumi dedicati "monograficamente" a un personaggio alla volta (si parte, manco a dirlo, con Topolino e si chiude con Zapotec in agosto), con tanto di moneta omaggio. Fate click sull'immagine qui accanto per scoprire tutto sull'iniziativa editoriale: nelle schede trovate i titoli delle storie. Non i nomi degli Autori (che peraltro non riceveranno nemmeno il soldino di cui sopra), ma gli appassionati li riconosceranno immediatamente. In edicola dal 9 febbraio 2009.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 31/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Viedo intervista a Marcel Uderzo

La dura vita dei fratelli di pesonaggi famosi... Marcel Uderzo è il fratello di Albert Uderzo (quello di Asterix) ed è anch'egli disegnatore. La qual cosa pone dei problemi... Potete scoprire tutto nell'articolo e nella video intervista su ActuaBD, qui di seguito.

 "Marcel Uderzo est dessinateur. Il est le propre frère d’Albert Uderzo, l’auteur d’Astérix pour lequel il collabora pendant ..." Full article: ActuaBD.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 31/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Video

Supergulp: i DVD vanno fortissimo!
Guido De Maria e Salvador Dali' - photo Goria - click"La collection dei DVD di Supergulp sta avendo un successo superiore alle aspettative della stessa Gazzetta dello Sport (glielo avevamo detto noi...)! Grazie a tutti quelli che li stanno comprando (ora siamo al DVD 3). De Maria è ..." Articolo completo: giumbolando.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 31/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Cartoon Movie cambia sede
"Dopo essersi svolto per dieci anni in Germania, a Potsdam, il forum di coproduzione europea Cartoon Movie si terrà in Francia, a Lione, dal 4 al 6 marzo e riunirà 500 professionisti (produttori, distributori, investitori e rivenditori internazionali) provenienti da una trentina di ..." Articolo completo: cineuropa.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 31/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Cinema

Deposito Autori: attenzione - depositi in scadenza
SILF/SLC/CGIL comunica: Ricordiamo a tutti i nostri iscritti (settori fumetto, illustrazione e animazione) che il Deposito Inediti gestito dal SILF è legato alla regolarità della quota di iscrizione al sindacato. La quota è annuale, basata sul calendario solare: la tessera, cioé, vale dal 1 gennaio al 31 dicembre dell'anno per il quale si è pagata la quota. Alla naturale scadenza decade anche il Deposito relativo. Vi invitiamo a legger ei dettagli alla pagina del Deposito (www.silf-cgil.org/deposito/default2.htm) dove, dopo l'elenco dei depositi visibili in essere, trovate tutte le istruzioni. Per ogni comunicazione relativa ai vostri depositi, vi ricordiamo di usare esclusivamente la casella postale deposito@silf-cgil.org. Buon lavoro.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 31/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-SILF

Segnalazione Deposito Autori - Gatti, Sizar, Brocca
SILF/SLC/CGIL comunica: Il sindacato di categoria SILF segnala la ricezione e il deposito online delle seguenti opere dei seguenti autori. Il Deposito Autori SILF è online su www.silf-cgil.org opzione di menù Deposito.

 New entries in the Creators' Bin of the workers union SILF/SLC/CGIL online at
www.silf-cgil.org/deposito/default2.htm.
Walter BroccaFaro sulla scogliera, Città Fantasy, Drago Acquatico, Schizzi, Demonietto Palustre,  Spazio,  Quattro Lune, Bosco, Declining, Alchimista, Avatar del fuoco, Avatar del legno, Cavaliere12 gennaio 2009
Sizardeposito riservatoluglio 2008 - gennaio 2009
Fulvio GattiMerdabooks family - Merdabooks8 gennaio 2009

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 31/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-SILF

RAI: Cartoons on the bay onora Claude Moliterni
Claude Moliterni - photo Goria - clickCartoons on the Bay renderà omaggio a Claude Moliterni. Il festival internazionale dell'animazione televisiva e multimediale realizzato da Rai Trade che si svolgerà dal 2 al 5 aprile 2009 a Rapallo e Portofino, ricorderà il fondatore di Angouleme con una tavola rotonda organizzata attraverso la partnership con Rapalloonia. ''Un omaggio doveroso - ha detto il direttore artistico di cartoons on the Bay, Roberto Genovesi - per un amico con il quale ho avuto modo di lavorare ai tempi di Expocartoon e dal quale molti di noi hanno imparato non solo dal punto di vista professionale ma anche umano. Moliterni rappresentava quella parte disinteressata ed entusiasta del fumetto grazie alla quale la nona arte era riuscita faticosamente a raggiungere i piani alti della dignità culturale''.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 31/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Festival

Robert C. Broughton passed away

Robert Broughton, camera effects artis dalle origni della Disney, è morto il 19 gennaio 2009 all'età di 91 anni.

 "Robert C. Broughton, 91, a pioneering camera effects artist for Walt Disney productions who worked on nearly every Disney motion picture from "Snow White and the Seven Dwarfs" in 1937 to "The Black Hole" in 1979, died Jan. 19 at ..." Full article: LosAngelesTimes.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 31/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-rip

Il mercato francese: Merde! Stiamo troppo bene!
FumettiNon se n'abbiano a male gli autori (e gli editori) italiani, ma il mercato francese (quindi europeo) della letteratura disegnata (cioé il fumetto) si lamenta perché sta "troppo bene". Non è la prima volta (lo fanno da anni, ormai) e non sarà l'ultima (purtroppo, diranno i nostri amici francofoni). I dati dell'ACBD li abbiamo dati per tempo, qui su afNews, per cui non stiamo a ripeterli (li trovate nella sezione Dati di Mercato della nostra piccola agenzia quotidiana), librima al Festival di Angouleme sono stati ampiamente replicati e commentati. Il problema francese? Non nuovo: la "super-produzione". La lamentela? "Oggi è impossibile star dietro a tutto quel che esce di nuovo!" Cioé, esattamente come succede, ovunque, per il settore librario che, però, sembra aver smesso da decenni di lamentarsi della super produzione, tanto gli scarti spariscono in fretta e peggio per chi ci ha creduto. O ancora: "Tutta una frangia di autori che viveva decentemente con tirature di 10.000 copie, oggi non ce la fa più!". Ok, qui in Italia di autori "standard" di fumetti che vendano, in Italia, 10.000 copie, ce n'é davvero pochissimi... se esistono. Ma i cugini della francofonia vedono scendere la media (dei fumetti "medi", non certo i best-seller, che vanno via a centinaia di migliaia di copie a botta) a 6.000 copie, secondo i Angoulemedati ACBD: chiaro che la cosa sia proccupante per loro. D'altronde i lettori sono sempre più o meno gli stessi (numericamente - cioé infinitamente di più degli italiani, giusto per capirci, nonostante la popolazione totale italiana sia superiore a quella francese) e non possono comprarsi (nemmeno se piacesse) tutto quel che esce, ovvio. Esattamente come succede per il normale mercato librario. Insomma, i professional della francofonia si lamentano (giustamente dal loro punto di vista) perché il loro mercato è diventato "uguale" a quello dei libri non disegnati. La soluzione? Chi la sa? Solo i migliori sopravviveranno?

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 30/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Dati

C'e' del marcio nel comicdom italico?
Gianfranco Goria premia Carlo Peroni - photo Goria - clickNon è tutto oro quello che luccica, recita il titolo del nuovo intervento di Carlo Peroni nei propri blog. E quel che ne viene fuori è un rtiratto spietato, e a tratti disgustoso, del comicdom italiano, dal pagamento del pizzo (sì, proprio così), al mancato versamento dei contributi pensionistici, fino al licenziamento su due piedi di collaboratori con decenni di ineccepibile servizio alle spalle. Parte con racconti del Vittorioso, scoperchiando tombe verminose, ma arriva fino a oggi, al Giornalino ("...proprio ieri sera ho saputo ufficialmente che dopo 61 anni di collaborazione al Giornalino, sono stato cacciato via dal nuovo direttore, in malo modo anche e con me anche i nomi più grossi del fumetto italiano..."), nella sezione "commenti". Questo e altro, senza peli sulla lingua, nei due blog di Peroni: click qui per il primo - click qui per il secondo. L'articolo principale è uguale, i commenti no, quindi andate al fondo e fate click sull'apposita sezione. Da leggere con attenzione fino in fondo, per quanto possa essere spiacevole scoprire che dietro il bel lavoro dei fumettisti e l'abilità imprenditoriale degli editori, sollevando la copertina, secondo Peroni, si può trovare anche parecchio fango.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 30/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Vignette AntiBufala - UFObama
UFObama by Moise

A quanto pare, al giuramento di Barack Obama non potevano mancare quei curiosoni degli alieni!
Il DisInformatico Paolo Attivissimo ne prende atto in un gustoso 'post' QUA
Tag: UFO, USA, Obama, alieni, avvistamenti

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 30/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Concorso: Mono 6 I classici della letteratura

Mono 5 – PassioneLa casa editrice Tunué – Editori dell’immaginario ci comunica di aver indetto la seconda edizione del concorso pubblico dedicato alla rivista di punta del suo catalogo, Mono., stavolta affiancando ai professionisti affermati, anche autori esordienti. Saranno tre le tavole scelte per la pubblicazione sulla rivista. "Il tema del numero, che uscirà in occasione di Napoli Comicon 2009, è I Classici della Letteratura: sintetizzati, parodiati, re-interpretati, analizzati, criticati, sezionati, rimontati, dimenticati, edulcorati, elucubrati, condivisi, fatti a pezzi, anagrammati, osannati, confusi, denigrati oppure semplicemente vissuti in una tavola a fumetti." La scadenza per l’invio della tavole è il 9 marzo 2009. Per leggere il regolamento completo: click qui.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 30/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Concorsi

Jack Kirby: inedito da Il Prigioniero
The Prisoner by Jack Kirby"Quando Jack "The King" Kirby, co-ideatore dei Fantastici Quattro, X-Men e Hulk, ritornò alla Marvel nella seconda metò degli anni '70, uno dei progetti nel quale venne coinvolto fu l'adattamento a fumetti de Il prigioniero. Kirby scrisse e disegnò una storia di 17 pagine, che era l'adattamento del primo episodio della ..." Articolo completo: corrieredellafantascienza.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 30/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Video: i Mestieri del Fumetto
mani di Diego Ceresa - photo Goria - clickDell'iniziativa I Mestieri del Fumetto e nello specifico dell'edizione al Monte Bondone, con la consegna del Premio Luciano Bottaro al letterista Diego Ceresa, abbiamo parlato a suo tempo su afNews, cameraman - photo Goria - clickcon tanto di servizio fotografico. Ma ComixComunity, che l'organizzò, realizzò anche un lungo video che la documenta interamente. Un frammento di quel video è ora in linea nel blog dedicato ai Mestieri del Fumetto e potete vederlo facendo click qui. Se volete rivedere il foto-reportage in formato slideshow, fate click qui; il set in formato leggero potete vederlo facendo click qui.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 30/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Video

Gli scrittori non amano i fumetti
Torre di libriForse quando erano ragazzi hanno letto e amato i fumetti, ma poi - divenuti scrittori di successo, o quasi - li hanno snobbati, quasi messi al bando, giudicandoli spesso una forma di letteratura di serie B. Adesso fra i romanzieri e i fumetti c’è quasi un muro, spesso invalicabile come quello crollato vent’anni fa a Berlino. Ci spieghiamo. Non c’è, fra gli scrittori di professione, nessuno [o quasi] che sia tentato dal desiderio di scrivere un soggetto o una sceneggiatura per una storia a fumetti. Ma possiamo anche aggiungere che solitamente chi scrive fumetti, raramente si cimenta in un romanzo. Insomma, l’incomprensione, o la Un romanzo a fumetti - Le Complot : L'histoire secrète des Protocoles des Sages de Siondivisione, è reciproca. In un momento di grande sviluppo della “graphic novel”, che è il punto più alto raggiunto dal fumetto, sarebbe logico attendersi anche un incontro fra romanzieri e sceneggiatori, magari per far crescere ulteriormente il fumetto, che nel passato - grazie soprattutto alla “letteratura disegnata” delle storie di Will Eisner e di Hugo Pratt - aveva già raggiunto vette elevate. Senza andare troppo a ritroso nella storia, troviamo solo tre autori di fumetti che siano anche validi romanzieri, e cioè Tiziano Sclavi, che non ha solo ideato il ciclo di Dylan Dog, ma ha anche trasferito i suoi incubi in libri di successo, Alberto Ongaro, vincitore di premi letterari ma anche sceneggiatore di molte storie poliziesche della serie bonelliana di Nick Raider, e Mino Milani, a lungo Il nonno selvaggio - uno dei rari interventi di scrittori italiani decv nel settore del fumettocollaboratore del Corriere dei Piccoli, ma anche autore di decine di romanzi, dal ciclo di Tommy Rider a una biografia di Garibaldi, da storie di Re Artù, Robin Hood, a Davy Crockett, ecc. Milani inoltre ha ideato anche molte storie a fumetti, spesso disegnate da Mario Uggeri, dal western al poliziesco. Sono, questi e pochi altri, scrittori di indubbio spessore che si sono cimentati, con egual successo, anche nei fumetti. Certo fra la tavola disegnata e la pagina scritta c’è una certa differenza, ma le sensazioni che possono dare, per esempio, le suggestive descrizioni manzoniane, si possono ritrovare anche in qualche vignetta ben disegnata. Il libro e l’albo a fumetti sono certamente differenti fra loro, e spesso si rivolgono a pubblici diversi, ma i punti di contatto sono numerosi, per cui bisognerebbe far crescere questo patrimonio culturale, nell’interesse di entrambi i generi. Eppure, quando il fumetto italiano è diventato maggiorenne, con la nascita di Linus nel 1965, aveva avuto, oltre a Oreste del Buono, due padrini del calibro di Elio Vittorini e di Umberto Eco. [Carlo Scaringi]

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 30/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Scaringi

Niente iPod per il Tintin di Spielberg!
Nick Rodwell - click per ingrandire - photo Neuvieme Art"Félicitations!" dice, in francese, Steven Spielberg, annunciando alla stampa che le riprese di the Adventures of Tintin: secret of the unicorn sono partite. E ancora: "Siamo qui per celebrare gli 80 anni di un giovane reporter", afferma il regista, che è fan del Tintin di Hergé dall'età di 9 anni, ed era oggi alle 15:00 ad Angouleme (sia pure solo "virtualmente", cioé in un video realizzato ad hoc per l'occasione) insieme a Peter Jackson, che dirigerà il secondo episodio, simpaticamente travestiti da Dupond e Dupont, e a Nick Rodwell e Stephane click per ingrandire - Tintin the movieSperry (questi, invece, presenti fisicamente) in rappresentanza della Moulinsart che detiene i diritti del famoso personaggio. Niente Blackberry o iPod: le storie hanno una ambientazione fedele alle avventure su carta, da questo punto di vista. Nick Rodwell ha parlato dietro a uno spiritoso disegno in stile (che vedete qui accanto) con la scritta "Vietato lanciare scarpe": chiaro il riferimento al polemico lancio di scarpa a Bush, e alle continue critiche dei super fan di Hergé e Tintin che accompagnano Rodwell ovunque vada, stavolta prevenute con un po' di autoironia.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 29/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Tintin

Romanini: abbiamo un inedito di Hugo Pratt!
sandokanpratt.jpg"Sandokan di Hugo Pratt: Rizzoli pubblica un inedito del 1972. Su Linus di gennaio 2009 Michele R. Serra dedica alla casa editrice Rizzoli un ..." Articolo completo: Houseofmystery.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 29/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

FNAC: corso di fumetto a Milano
FNAC di Milano propone, a partire da martedì 17 febbraio 2009, un corso di fumetto in sei lezioni, dalle basi dell’anatomia dei personaggi fino agli standard editoriali, in collaborazione con le edizioni BD: "Dopo “le pillole” dei mesi passati e in vista di Mantova Comics and Games, Fnac propone un vero e proprio corso di fumetto curato da Diego Cajelli e Maurizio Rosenzweig: ogni martedì, per sei settimane, un ciclo di lezioni per imparare il mestiere del fumettista." Info: www.fnac.it.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 29/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Corsi

Cartoomics 2009: la Fantascienza a Milano

Cartoomics09 by Giuseppe Festino at afnewsLa fantascienza e il viaggio nel futuro sono i temi base della sedicesima edizione di Cartoomics-Salone del Fumetto, dei Cartoons, del Collezionismo e dei Games (di cui vedete qui accanto il manfiesto realizzato da Giuseppe Festino) che si terrà a Fieramilanocity dal 27 al 29 marzo 2009, organizzata da Fiera Milano Tech in collaborazione con Ludica e Fondazione Franco Fossati. Saranno tre giorni di mostre, incontri, proiezioni, presentazioni, dibattiti, giochi, tornei e sfilate, il tutto collegato ai i più famosi eroi della fantascienza "dai primi coraggiosi pionieri di fine Ottocento fino a quelli di ultima generazione, passando per il classici di sempre diventati protagonisti di serie a fumetti, disegni animati, riviste, figurine, videogiochi, giochi di ruolo e film: da Flash Gordon a Star Wars, da Eta Beta a Martin Mystère". Non mancherà anche Cosplay City con le sfilate, gli ospiti d’onore e il concorso per eleggere i migliori cosplayers 2009. Ci viene segnalato infine un "grande rinnovamento" nel settore dedicato ai giochi grazie alla collaborazione di Ludica, il festival italiano del gioco e videogioco.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 29/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Festival

GiPi a Genova con la sua vita disegnata male

"100 anni di Fumetto in ITALIA, come festeggiare un compleanno così importante?" Il CIV della Maddalena [gruppo di esercenti di Genova che promuove il quartiere della Maddalena all'interno di un processo di riqualificazione] propone una serie di incontri all'interno dell'iniziativa "FUMASCI" che già l'anno passato ha visto la presenza di importanti Autori. Il CIV della Maddalena stavolta porta a Genova GiPi, attualmente impegnato in un Tour di presentazione e di lettura di "LMVDM - La mia vita disegnata male" edito da Coconino press e Fusi Orari. L'incontro con l'autore avrà luogo il 6 febbraio 2009, alle 21:00 al Teatro Altrove in Piazzetta Cambiaso, Genova. La Lettura avrà il contributo musicale di Paolo "Peewee" Durante e Luca Giovacchini.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 29/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Conferenze

L'editor John Barber a Mantova Comics
Mantova Comics & Games (27 febbraio - 1 marzo), che ha voluto fin dall'inizio caratterizzarsi portando in Italia "gli editor migliori del mondo", per l'edizione 2009 ospita John Barber, editor di Marvel Comics e graphic designer. L'editor sarà presente tutti e tre i giorni della convention per visionare i lavori degli autori e partecipare agli eventi Marvel Comics. Ulteriori dettagli: www.mantovacomics.it.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 29/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Festival

MoisEditoriale - Totò e Peppino in Scandinavia
Oslopoli  by Moise

Dopo tante notizie truci, tragiche e orribili è consolante leggere ancora qualcosetta che ci riporta ai buoni, vecchi 'crimini' in stile Totò e Peppino... anche se per ritrovare una tale temperie comica dobbiamo trasferirci in Scandinavia.
Sembra infatti che una 'diabolica' signora svedese sia riuscita a farsi cambiare, da un cassiere danese, nientepopodimeno che i soldi del Monopoli !!!
Lo so, potrebbe essere una leggenda metropolitana o una 'notizia riempitivo' ma è troppo bella per non essere vignettata!
Già mi pare di vederli, il Principe de Curtis e il mitico Pappagone, bardati di cappottone e colbacco, chiedere al nordico cassiere: 'Schiùsmì... Nu vulevòmm savuàr dòv se cambian le sòld de le Monopòll!'.
Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia
Tag: La Banda degli onesti, Totò, Peppino de Filippo, falsari, truffe, bufale, Monopoli, Scandinavia, Danimarca, Banca, cassiere

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 28/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Enzo d'Alo' Presidente a Cartoons on the Bay 2009
cartoonsbay at afnewsRiceviamo: "Enzo d’Alò sarà Presidente della Giuria del Premio Pitch Me! alla 13° edizione di Cartoons on the Bay. Il Premio Pitch Me! è dedicato alla memoria di Pierluigi De Mas, il grande maestro dell’animazione italiana. Si rivolge ad autori, sceneggiatori, studi di realizzazione, produttori indipendenti e chiunque altro voglia lanciare un nuovo progetto italiano di animazione per un target preschool (-6), kids (7-10), tween (11 – 13) e young adults (14 – 17). La dead line per partecipare è il 6 marzo 2009. Tutte le informazioni per iscriversi sul sito www.cartoonsbay.com. Cartoons on the Bay è il Festival Internazionale dell'Animazione Televisiva e Multimediale, promosso da Rai e organizzato da Rai Trade in associazione con Rai Fiction con il contributo del Sistema Turistico Locale Terre di Portofino. L’edizione 2009 si svolgerà dal 2 al 5 aprile nei meravigliosi scenari di Rapallo, Portofino e Santa Margherita Ligure."

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 28/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Cinema

L'importanza della documentazione: ideogrammi e cover
ideogrammi at afnewsC'è anche qualche fumettista autoironico che non solo non si offende, ma addirittura non si vergogna (troppo) delle eventuali figure barbine che può fare coi propri blooper autocostruiti e si mette alla berlina da solo, prendendola con filosofia. Bravo! E' il caso di Roberto Recchioni che, nel suo blog, non esita a condividere coi suoi lettori il "caso degli ideogrammi" e il suo relativo confronto con Alfredo Castelli (che, come alcuni di noi, un po' di giapponese lo mastica, si sa). Potete leggere il suo autoironico (e autocritico) intervento facendo click sullo screenshot qui accanto, dove trovere il link al blog che contiene anche le due copertine a confronto: quella di Recchioni con le scritte "a casaccio" e quella di Castelli, e il divertente racconto relativo.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 28/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Blob

Corriere dei Piccoli: storie da leggere e copertine

coverCdP1970 di afnewsLa mostra commemorativa del Corriere dei Piccoli stimola una naturale curiosità sulla storica testata per bambini e ragazzi. Uno spazio ad hoc su Facebook offre una serie, crescente, di belle copertine, come vedete qui accanto, mentre il sito Corrierino (di cui abbiamo parlato altre volte qui su afNews) regala la possibilità di leggere un numero, crescente anch'esso, di belle storie apparse sui settimanale per bambini e ragazzi di un po' di anni fa: storieCdP di afnewsvale la pena di segnalarle ai vostri figli, non si sa mai le apprezzassero... Trovate i rispettivi link per raggiungere i siti citati, facendo click sulle immagini di questo articolo. Invece per il servizio foto video sulla mostra, potete vedere il tutto in formato slideshow (in alternanza di foto e video che si completano a vicenda) facendo click qui. Oppure potete visionarlo in formato più leggero andando al relativo set facendo click qui e scegliendo le immagini e i filmati uno ad uno.

 More and more about the Corriere dei Piccoli kids magazine. Just click the links to learn more.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 28/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Vraoum! Fumetto e Arte Contemporanea

Una mostra con Little Nemo, Yellow Kid, Tintin, Blake et Mortimer, Mickey, Superman, Astérix, Iznogoud, Blueberry, Astro Boy, Le Chat (di autori come Hergé, Winsor McCay, Edgar P. Jacobs, Albert Uderzo, Hugo Pratt, Enki Bilal, Jean Giraud Moebius, Franquin, Reiser) per mostrare quanto hanno influenzato l'arte contemporanea con artisti come Warhol, Erró, Takashi Murakami, Wim Delvoye, Gilles Barbier. Il tutto con preziose tavole originali provenienti da collezioni private, in mostra alla Maison Rouge dal 29 maggio al 27 settembre 2009. Info: MaisonRouge.

 "Vraoum ! réunira un ensemble exceptionnel de planches originales réalisées par les grands noms du 9ème Art, parmi lesquels Hergé, Winsor McCay, Edgar P. Jacobs, Albert Uderzo, Hugo Pratt, Enki Bilal, Jean Giraud, alias Moebius, Franquin, Reiser…" Full article: MaisonRouge.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 28/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Mostre

La crisi c'e': Mad diventa quadrimestrale
La crisi si sente, ovunque. Anche l'editoria statunitense soffre e persino riviste mitiche, come Mad et al., devono correre ai ripari. Ne parla Luca Boschi nel suo blog: click qui.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 28/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

John Updike passed away

Il famoso scrittore John Updike è morto il 27 gennaio 2009, all'età di 76 anni. Lo ricordiamo qui per i suoi rapporti col mondo del fumetto.

 "Before John Updike settled on writing as a career, he wanted to be a cartoonist and badgered his heroes to send him signed copies of their work. Jeet Heer recently uncovered one letter, sent to the creator of Little Orphan Annie, when Updike was 15..." Full article: Guardian.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 28/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-rip

Il film di Dylan Dog, nel 2009

Partiranno verso marzo le riprese del film di Kevin Munroe, Dead of Night, con Brandon Routh basato su Dylan Dog di Tiziano Sclavi. Ulteriori dettagli qui di seguito.

 "Writer-director Kevin Munroe dropped ShockTillYouDrop.com a line to provide us a status report on Dead of Night, a proper adaptation of Tiziano Sclavi's comic book which served as an inspiration for Cemetery Man. Since our last chat in November, Munroe says there have been some developments..." Full article: ShockTillYouDrop.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 27/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Cinema

Bruxelles a Fumetti, tutta su Google Maps!

pin Fondazione Franco Fossati - photo Goria clickCon il compianto amico di tante avventure fumettistiche Franco Fossati, facevamo progetti, nel secolo scorso, per realizzare una serie di piccole e agili guide del tipo Bruxelles a Fumetti, Lyon a Fumetti, Parigi a Fumetti ecc., in cui riversare i nostri appunti di anni di viaggi fumettistici in modo che altri appassionati come noi potessero facilemente trovare, nelle varie città, i pricipali punti d'interesse: fumetterie, gallerie, negozietti zeppi di splendidi oggetti derivati ecc. Bruxelles a Fumetti su Google MapsFranco morì troppo presto, per portare a compimento questo e tanti altri progetti. Ma oggi mi è tornato in mente quello delle piccole guide, dopo aver visto su Google Maps quel che anche voi potete trovare, semplicemente facendo sull'immagine qui accanto. Ancora una volta Bruxelles brilla fra tutte e si merita davvero il titolo, da altre usurpato con colpevole leggerezza, di Città del Fumetto (beninteso, se su Google Maps ne trovate altre così, fatecelo sapere). Tutto quel che Franco e io avremmo messo in uno di quei libriccini, lo trovate sulla mappa, con tanto di foto, naturalmente. Se pensate a una gita fumettistica a Bruxelles, dateci prima un'occhiata. E se non ci andate, potete almeno divertirvi a sognare sulla mappa.

 Would you like to visit the Town of Comics, Bruxelles? Well, just give a look at this Google Map!

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 27/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Corriere dei Piccoli: in linea tutte le foto e i video
Grazia Nidasio Stefi StefutE' in linea anche l'ultimo blocco di video e foto della grande mostra sul Corriere dei Piccoli in corso a Milano (dove resta fino al 17 maggio 2009). Potete vedere il tutto in formato slideshow (in alternanza di foto e video che si completano a vicenda) facendo click qui. Oppure potete visionarlo in formato più leggero andando al relativo set facendo click qui e scegliendo le immagini e i filmati uno ad uno. Ancora Bonvi, Nidasio, Carnevali, Hugo Pratt, Altan e Giorgio Cavazzano, in aggiunta a tutto il resto. Buona visione!

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 27/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Foto

Il film di Tintin nel 2011, con 007

Tintin et la mer - photo Goria - clickLe indiscrezioni segnalateci ben per tempo dai nostri corrispondenti esteri circa la data di uscita del primo film su Tintin di Spielberg (il 22 maggio 2011, invece del 2010, e in Digitale 3D) e pubblicate su afNews il 15 gennaio scorso, sono confermate, accreditando le nostre fonti. Maggiori dettagli verrano annunciati durante il Festival di Angouleme, giovedì 29 gennaio alle 15:00, nella conferenza stampa di Nick Rodwell e Laurent de Froberville. Inoltre si segnala la presenza nel cast di Daniel Craig, il nuovo James Bond 007, insieme a Jamie Bell. Bell sarà Tintin e a Craig spetta il ruolo del cattivo Rackham il Rosso. Simon Pegg e Nick Frost saranno Dupont e Dupond, Andy Serkis sarà il Capitano Haddock. E ancora nel cast Toby Jones, Gad Elmaleh e Mackenzie Crook. Finito il primo episodio la palla passa al regista Peter Jackson per il secondo.

 "Long in the works, Steven Spielberg's big-screen adaptation of the vintage Tintin comic strips has begun filming, with "Defiance" co-stars Jamie Bell and Daniel Craig in lead roles..." Full article: reuters.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 27/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Tintin

Non dimenticare - il giorno della Memoria
Gli anni passano, i testimoni diretti dell'orrore nazi-fascista se ne vanno uno dopo l'altro, il negazionismo continua a farsi sentire, sia con la pubblicazioni di famosi falsi (ristampati con delinquente intenzione: i fasulissimi protocolli dei savi di Sion, di cui parla Will Eisner ne Il Complotto, escono ancora oggi dalle tipografie dei terroristi internazionali) sia con testimonial altolocati (giusto ieri stampa e TV hanno reso conto delle affermazioni del vescovo "generosamente reintegrato" dal Vaticano, giusto in tempo per il giorno della memoria, ma guarda un po'). Per questo è fondamentale mai abbassare la guardia, mai dimenticare. Mai "lasciar fare" ad altri. Tenersi stretta la democrazia diretta. Partecipare, esserci, mai far finta di niente. L'orrore è sempre dietro l'angolo.
Click!Click here to play the movie

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 27/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Pro-Memoria: In Italia sono tutti maschi!
In occasione della Giornata della Memoria Sara Colaone ci segnala il romanzo a fumetti In Italia sono tutti maschi (Kappa edizioni, 2008), che racconta il recupero della memoria su un fatto storico poco conosciuto: il confino degli omosessuali italiani durante il Fascismo. Le prossime tappe di presentazione del libro e incontro con gli autori sono: Ravenna, Galleria Mirada, venerdì 30 gennaio ore 18.30 Bologna, Libreria Modo Infoshop, mercoledì 4 febbraio ore 21.00 Roma, Circolo Mario Mieli, domenica 15 febbraio dalle ore 17.00. Click qui per il comunicato stampa.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 27/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Recensioni

2011: nuovo Batman, si dice

Nuovo Batman nel 2011? Dettagli nell'articolo qui di seguito.

 "... Uslan will be onboard as executive producer for the "Dark Knight" sequel, which he estimates will be theaters by 2011. As for the identity of the next round of Batman's supervillains and love interests, Uslan ..." Full article: CourierPost.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 26/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Cinema

Esopo e la Volpe in mostra
esopo at afnews - click per ingrandireL'iconografia delle favole dal IV secolo a.C. al XX secolo è in mostra al Museo della Figurina dal 30 gennaio al 13 aprile 2009. Ne trovate tutti i dettagli nel sito del Museo Virtuale dell'Illustrazione e ce lo segnala la nota esperta, la storica dell'arte Paola Pallottino. Potete trovare qui: le note introduttive alla mostra Esopo e la Volpe, il pacchetto stampa con immagini e testi della mostra Esopo e la Volpe (ce n'é di veramente interessanti). Qui accanto la locandina della mostra. Con l'occasione vi segnaliamo questo Museo della Figurina, non a caso situato a Modena, città natia della famosissima Panini, dvoe sono conservate anche della famose rarità come le mitiche "figurine Liebig". La mostra Esopo e la Volpe prevede anche dei laboratori per bambini e ragazzi curati da Sonia Fabbrocino e altre attività. Buon divertimento!

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 26/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Mostre

La Stella di Esther in Italia
Ne abbiamo parlato più volte su afNews. Ora, finalmente, è anche in italiano. "Fa una certa impressione leggere slogan come Ebrei nelle camere a gas nelle recenti manifestazioni olandesi contro la politica dello stato di Israele a Gaza. Non fosse altro che quelle parole usate con una leggerezza imperdonabile richiamano un passato che, a quanto pare non è ancora condiviso: la Shoah non è infatti una questione limitata alla comunità ebraica ma riguarda l’intera storia europea. Prima di essere ebrei, i deportati erano infatti italiani, francesi, tedeschi, cecoslovacchi, polacchi: prima di entrare nei campi di concentramento, sono stati spesso rastrellati dai loro stessi governi e traditi dai loro connazionali. È per ricordare che questo è stato che la Fondazione Casa di Anne Frank ha promosso la pubblicazione di un libro a fumetti come La stella di Esther di Eric Heuvel, Ruud van der Rol, Lies Schippers ed edito in Italia da De Agostini con il Patrocinio dell’UCEI - Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, in cui la vicenda della Shoah viene raccontata da ..." Articolo completo di Sergio Rossi: LaStampa.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 26/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Ecco gli archivi segreti di Monster Allergy
E' Francesco Artibani a segnalarci che Alessandro Barbucci, fiero del successo della serie animata Monster Allergy (seconda serie), ha deciso di aprire, nel suo blog gli "archivi supersegreti" con i materiali preparatori della suddetta serie per ragazzi. Li troverete, man mano che li inserirà, facendo click qui.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 26/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

MoisEditoriale - Sacconi sulla Democrazia
Sacconi sula Democrazia by Moise

Mentre il nostro 'divertentissimo' premier si lascia andare ad un simpatico cabaret raccontando la barzelletta dei soldati le donne belle e gli stupri, il rimarchevolissimo ministro Sacconi si concede la sua dose di Teatro dell'Assurdo prefigurando una 'democrazia' senza confronto, senza assemblee e senza dialogo...
Una cosetta così, come quel capolavoro di libertà e diritti umani che è la Cina! Complimentoni davvero, ministro...
Verrebbe davvero da dire: 'cognomen omen' giacché è proprio un bel soffocante 'saccone' quel che manca alla nostra povera democrazia!
Ciò che più mi preoccupa non sono tanto le vomitevoli 'boutades' del premier, quanto piuttosto queste continue, piccole e grandi martellate che l'attuale governo infligge quotidianamente alla democrazia, alla libertà e ai valori fondamentali dell'esistenza... Tante piccole crepe ad indebolire quell'enorme, indispensabile tesoro, faticosamente conquistato, che è la democrazia!
Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia
Tag: Sacconi, soffocamento, democrazia, libertà, dittatura, oppressione, monocrazia

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 26/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

I Cavazzano all'assalto dell'iPhone
cavazzanoiphone"Sviluppato da un team Italo-svizzero, AnimalPuz è un simpatico puzzle game dedicato ai "giovanissimi" utenti di iPhone e iPod touch... AnimalPuz è un'applicazione realizzata da Abacus Research, Sangallo, in collaborazione con Gabriele Cavazzano che ha curato la grafica e suo padre, il noto disegnatore Giorgio che ha realizzato le immagini e indirizzato ad un pubblico di bambini in età prescolare. Si tratta di un gioco..." Articolo completo: iPhonia.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 26/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Recensioni

Un logo per il Museo Herge'

logomuseehergeLo vedete qui accanto. E' il logo che caratterizzerà il Museo Hergé, che sorge a Louvain-la-Neuve, dalle parti di Bruxelles, in Belgio e verrà inaugurato il 22 maggio prossimo (ma aprirà al pubblico in giugno), museo realizzato dall'architetto Christian de Portzamparc, vincitore del Premio Pritzker. Il logo (che, visto il rilievo culturale e popolare dell'opera di Hergé nella francofonia, è già oggetto di polemiche accese) è stato presentato ufficialmente alla stampa da Moulinsart e rappresenta il museo mixando l'H di Hergé alla forma del Museo e alla testa stilizzata di Tintin con relativo ciuffo. La prima mostra temporanea ospitata dal Musée Hergé sarà dedicata all'amiciza tra Hergé e Chang, celebrando con l'occasione anche i 75 anni dell'avventura Il Loto Blu, nella quale Chang (Tchang Tchong Jen) appare come personaggio, oltre ad aver avuto un ruolo fondamentale nell'acculturamento specifico di Hergé sulla Cina.

 Here it comes, the official logo of the Museum Hergé. Learn more about it: just click the links in the Italian section of this article.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 25/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Tintin

Future Film Festival: Iwerks che creo' Topolino
Future Film FestivalSe ne parlerà al convegno sul maestro Ub Iwerks, la mano che creò il Topo e molto altro, al Future Film Festival. E ancora: "Bruno Bozzetto, Maurizio Nichetti, Iginio Straffi, Gregory Panaccione, Maurizio Forestieri, Giuseppe Lagana' saranno presenti al Festival per presentare le loro nuove serie tv: Psicovip, Teen Days, Huntik, I Gladiatori, Kim, Matt&Manson..." Tutti i dettagli nel sito del Future Film Festival di Bologna: FFF.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 25/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Cinema

Fumetti Classici, blog misterioso come la Fiamma di Loana
fumetticlassiciUn misterioso blogger (vabbe', non così misterioso, almeno per noi) aveva aperto uno spazio sul web intitolato Fumetti Classici, nel marzo 2008. Molto promettente, ma un sacco di impegni gli hanno a lungo impedito di condividere con i navigatori il patrimonio fumettistico che prometteva di svelare. Ma "...sento una vibrazione nella rete..." potrebbe aver detto un cavaliere Jedi del web, nel gennaio 2009. Infatti il blog riparte e potete andare a buttarci un occhio. Intere librerie si apriranno, man mano, ai vostri occhi. Buon divertimento!

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 25/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Mostra sul Corriere dei Piccoli: ancora video e foto
Grazia Nidasio - photo Goria - clickNuovo blocco di video e foto, come promesso, dalla grande mostra sul Corriere dei Piccoli in corso a Milano (dove resta fino al 17 maggio 2009). Potete vedere il tutto in CorrieredeiPiccoli2009_0009 - video Goria - clickformato slideshow (in alternanza di foto e video che si completano a vicenda) facendo click qui. Oppure potete visionarlo in formato più leggero andando al relativo set facendo click qui e scegliendo le immagini e i filmati uno ad uno. Trovete aggiunte opere di Grazia Nidasio, Dino Battaglia, Bonvi ecc. insieme ai Puffi, alle famose figurine da ritagliare ecc. Non manca nemmeno Rita Pavone in versione Gian Burrasca. Buona visione!

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 25/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Video

Concorso Strisce di Jazz: scadenza prorogata
Riceviamo: L’Associazione Piacenza Jazz Club, il Circolo ArciComics Il Senso delle Nuvole - Arcadia con il Patrocinio di Editoriale Libertà, presentano la seconda edizione del concorso Strisce di Jazz. Il concorso è gratuito e aperto a chiunque voglia cimentarsi nella creazione di una tavola illustrata o fumetto auto conclusivo a tecnica libera riguardante il tema della musica jazz. Gli elaborati dovranno essere spediti in originale entro e non oltre il 2 MARZO 2009. Primo premio € 600,00! In giuria: Giovanni Freghieri (disegnatore per Dylan Dog e Volto Nascosto), Paolo Bisi (disegnatore per Zagor e Mister No), Ivan Zoni (disegnatore per Jonathan Steele) e membri dell’Associazione Il Senso delle Nuvole – Arcadia. Per ulteriori informazioni sulla partecipazione al concorso scrivete a mezzo e-mail all’indirizzo: IlSensoDelleNuvole@gmail.com Referente: Christian Genocchi arcadiapc.megablog.it/ (online il bando completo) www.piacenzajazzfest.it

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 25/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Concorsi

La testata PIF Gadget in liquidazione

Pif Gadget, storica testata francese, nata sotto l'egida del locale Partito Comunista e che fu un vero e proprio fenomeno di massa, è in liquidazione, come potete leggere qui di seguito.

 "Le magazine mythique français Pif Gadget, fondé en 1969 sous l'égide du Parti communiste et véritable phénomène de presse des années 70-80, a été placée en liquidation judiciaire..." Articolo completo: Graphivore.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 25/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Disegni per Watchmen the movie
"Volete vedere come è stato progettato il costume del Gufo Notturno II in Watchmen? Ecco due immagini concettuali realizzate dai fumettisti John Cassaday e David Finch..." Articolo completo: BadTaste.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 25/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Cinema

Giancarlo Caracuzzo incontra i lettori a Roma
Riceviamo: "Sabato 31 gennaio 2009 alle 17.00 presso la fumetteria Comics Boulevard, la libreria della Scuola Romana dei Fumetti ospiterà il disegnatore Giancarlo Caracuzzo (Julia, Martin Mystère, Defex, Splatter, ESP) per un incontro con il pubblico."

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 25/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Conferenze

Il Louvre e il Fumetto

Le Louvre invite la bande dessinéeIl Louvre cerca di dimostrare (al mondo) che "museo" non è sinonimo di polvere e noia. Così, come avevamo annunciato su afNews molto per tempo, il Fumetto entra, dalla porta di servizio, nel Tempio dell'Arte e vi porta la sua capacità di comunicare in modo esplicito, diretto e persino divertente, a volte. Dalla porta di servizio, abbiamo detto: la collocazione non è certo quella esattamente corrispondente agli intenti dichiarati, giacché gli spazi espositivi per le mostre temporanee di opere posteriori al 1860, sono quel che sono. Va leggermente meglio per uno degli autori esposti, Yslaire, visto che la sua installazione è completamente digitale e presenta anche disegni in movimento, che attirano ovviamente lo sguardo. Frutto di una collaborazione in piedi da tempo con le edizioni Futuropolis, il tutto resta esposto fino al 13 aprile 2009; poi la mostra parte per altri lidi. Non passate da quelle parti? Click qui per buttare un occhio, dalla porta di servizio, e click qui per tutti i dettagli.

 "Le Louvre invite la bande dessinée Qui aurait pu imaginer qu'un jour le Louvre exposerait des planches de bande dessinée ? Depuis 2005, le musée du Louvre s’est associé avec les éditions Futuropolis pour créer une collection de bande dessinée. Le principe est de demander à un auteur de BD de choisir une oeuvre, une collection, une salle du Louvre et d'en faire un élément important de l'« histoire ». Cette collection de BD s’inscrit dans la démarche du Louvre d’inviter au musée l’art contemporain : du manga au comic, de la science-fiction à la chronique sociale, de la caricature au journal intime. Le temps d’une bande dessinée, une passerelle se crée et offre une vision nouvelle et contemporaine sur le musée. Chaque ..." Full article: Louvre.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 24/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Mostre

Tre scugnizzi nell'Italia in guerra
Il Piccolo Sceriffo, by Camillo ZuffiLa grande stagione di Cino e Franco e delle altre coppie di ardimentosi ragazzi italiani che negli anni Trenta ne rinnovavano le imprese in storie forse ben congegnate, ma intrise di patriottismo e retorica in camicia nera, o quasi, era ormai lontana. Ma alla fine degli anni Quaranta l’apparizione degli albi a striscia - una soluzione escogitata dagli editori per ovviare alla carenza di carta - rilanciò quel filone. Gli albetti erano piccoli e maneggevoli, anche per essere nascosti nelle tasche ed evitare i rimproveri di genitori e insegnanti, a quell’epoca nemici giurati dei fumetti. Questi piccoli albi avevano spesso piccoli protagonisti, che stimolavano fra i giovani lettori un senso di emulazione. Non mancavano, ovviamente, anche eroi adulti, come Tex nato negli albi a striscia e poi cresciuto in decine di altri formati e collane. Ma i ragazzi erano la sciuscia1.jpgmaggioranza, quasi tutti protagonisti di entusiasmanti avventure che si svolgevano per lo più nel lontano e mitico West americano. Uno dei primi è stato il Piccolo Sceriffo, ideato nel 1948 da Tristano Torrelli, che lo sceneggiava e lo pubblicava. Seguirono poi il ciclo di Sciuscià e altri piccoli eroi della “frontiera” come Capitan Miki, il Piccolo Ranger, Un Ragazzo nel Far West (che vide l’esordio di Sergio Bonelli, allora Guido Nolitta, come sceneggiatore) e altri. In mezzo a questi si distaccava nettamente Sciuscià per l’originalità della storia e la sua ambientazione. Apparve nelle edicole il 22 gennaio 1949 e vi restò fino a metà degli anni Cinquanta, malgrado il progressivo sfilacciamento delle storie. Ne era autore ancora Tristano Torrelli, spesso coadiuvato da Gianna Anguissola e le strisce erano realizzate da vari disegnatori, soprattutto Ferdinando Tacconi, Franco Paludetti e Lina Buffolente. sciuscia3.jpgNella Napoli liberata dagli americani, gli sciuscià erano gli scugnizzi, ovvero quei ragazzi rimasti spesso senza casa e senza famiglia, che si arrangiavano con umili lavoretti, magari con qualche furtarello oppure lustrando le scarpe ai militari americani. Sciuscià infatti è la deformazione napoletana delle parole inglesi shoe e shine, cioè lustra scarpe. Protagonisti di questa storia - vagamente ispirata al celebre film di De Sica - sono tre ragazzi di una dozzina di anni o poco più: Nico, che diverrà subito il piccolo capo del gruppo, Fiammetta, che se ne innamora, e il Pantera, che svolge un ruolo di spalla, con momenti umoristici alternati ad altri spericolati. Il capitano Wickers, un ufficiale dei servizi segreti americani, un giorno li sceglie per affidargli l’incarico di portare un messaggio ai partigiani in guerra nella Roma occupata dai tedeschi. Il viaggio che i tre compiono sciusciaII.jpgper andare da Napoli a Roma è irto di pericoli, devono attraversare il fronte ed evitare di cadere in mano nemica. Ovviamente ci riusciranno, come ci erano riusciti gli sciuscià di De Sica, che entrarono a Roma percorrendo in groppa a un cavallo via Veneto, non ancora palcoscenico della dolce vita. Dopo quella missione, Nico, Fiammetta e Pantera risaliranno la Penisola con le truppe alleate e saranno protagonisti di innumerevoli episodi di coraggio. Ormai catturati dallo spirito dell’avventura, i tre efettueranno una sorta di giro del mondo, con episodi collocati fra l’altro anche in Asia e in Africa. Ma l’originalità iniziale si è ormai persa, e queste storie non hanno lasciato segno, a differenza delle prime che invece hanno offerto un ritratto abbastanza realistico dell’Italia sconvolta dalla seconda guerra mondiale. E questo, per un semplice fumetto d’avventura per ragazzi, non è poco. [Carlo Scaringi]

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 24/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Scaringi

Obama-Spiderman. esaurito!

Obama con Spiderman: un successone. Prima stampa esaurita, avanti con la prossima, come potete leggere in dettaglio facendo click sull'immagine qui accanto.

 "The 5-page bonus featuring the 44th president sold out in record time. 'We've sold over 5 times as many on the second print alone as we do in a normal Spiderman month," says McGarry..." Full article: KPTHFOX44.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 23/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

DeAgostini: sito per Manga
La matita al tutorLa De Agostini ci segnala di aver aperto un social network dedicato agli appassionati del fumetto giapponese rivolto a chi vorrebbe diventare mangaka e agli appassionati di anime e manga. Il sito è www.disegnomanga.it ed è strutturato come community per "apprendere tutti i segreti del disegno e dell’animazione giapponese, pubblicare i propri lavori e fruire di tanti contenuti inediti, esclusivi e riservati sulla cultura giapponese". Il portale è, naturalmente, parte integrante del relativo corso a fascicoli proposto della DeAgostini in edicola. Sul sito tutti i dettagli.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 23/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Recensioni

Mino Milani, il Corrierino e la TV
Papini su Il GiornoMentre il comicdom si interroga sui limiti e sulle aspettative, la mostra della Fondazione Corriere della Sera sul Corriere dei Piccoli ha stimolato tutta una serie di articoli. Citiamo oggi, tra i tanti, quelli di Roberto Davide Papini, giornalista esperto di fumetto, pubblicati su Il Giorno il 21 gennaio 2009. In particolare l'intervista a Mino Milani, 81 anni, scrittore, giornalista e sceneggiatore di fumetti, amatissimo dai lettori del CdP e stimato da Gianni Rodari. Papini lo sollecita e Milani dice la sua: un giornale del genere, oggi, teme non sia più possibile farlo. Certo, va detto che Milani ha un rapporto particolare con le tecnologie di oggi: non guarda la tv e non sa nemmeno chi sia quel tal Bonolis che dovrebbe entrarci qualcosa col Festival di Sanremo. Che abbia ragione lui?

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 23/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

MoisEditoriale - che Maroni 'ste manifestazioni
ma che Maroni 'ste manifestazioni! by Moise
Il ministro Maroni prosegue con il suo sfoggio di genialità. Saranno quegli occhialetti 'fighi' tutti colorati che gli scombiccherano i neuroni in tale misura da provocargli una vera e propria psichedelia creativa? Non lo so, tuttavia ammetterete che l'ideona di vietare le manifestazioni in tuuutti quei posti dove possano 'dar fastidio' è una genialata! A quando gli scioperi solo nel deserto di Gobi, le proteste nelle steppe della Kamchatka e le folle dissenzienti esclusivamente nello sperduto outback australiano? Mi piace infine sottolineare una 'chicca': subito dopo il divieto di dissenso di fronte alle chiese vengono citati i centri commerciali ora più che mai vere cattedrali moderne del dio denaro unica Forza Superiore cui si inchina l'allegra combriccola di individui che dovrebbe lavorare per il bene della nazione! Buon vitello d'oro a tutti! Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia
Tag: Maroni, manifestazioni, proteste, dissenso, libertà, dittatura, oppressione, esilio, confino
INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 23/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Mostra Corriere dei Piccoli, altri commenti, foto e video
Travaso dei Piccoli - Bonaventura - photo Goria - clickLa mostra sul Corriere dei Piccoli è in corso a Milano (dove resta fino al 17 maggio 2009) e noi abbiamo, come promesso, nuovamente implementato sia lo slideshow, sia il set con il foto-video-reportage, con altre foto in sequenza e altro video. E continueremo fino a esaurimento del materiale raccolto l'altro ieri mattina. Potete vedere il tutto in formato slideshow (in alternanza di foto e video che si completano a vicenda) facendo click qui. Oppure potete visionarlo in formato più leggero andando al relativo set facendo click qui e scegliendo le immagini e i filmati uno ad uno. Nel frattempo la scelta dei materiali per l'esposizione (e il relativo catalogo) ha prevedibilmente scontentato autrici e autori che sono rimasti esclusi. Notiamo il commento piccato del poliedrico Carlo Peroni (una delle firme storiche del fumetto italiano, sempre in servizio ininterrottamente) che potete leggere a commento del video che trovate facendo click qui (dove è anche possibile rispondergli aggiungendo commenti al suo commento). sala Bonaventura e giochiE anche, a dirla tutta, i lettori degli anni ottanta e novanta, non hanno potuto ritrovare un granché, o nulla, di quel che era rimasto nei loro ricordi. Per il resto, come dicevamo, di materiale interessante ce n'è parecchio. da notare il raffronto tra la tavola di Outcault rimontata per il Corriere dei Piccoli del 1908 e la versione originale statunitense. Le "preziosità" d'annata di Rubino e gli altri grandi delle origini. I "dimenticati" come Gino Baldo e altri. E via via fino ai più noti (oggi) come Jacovitti, Nidasio, Toppi, Manara, Battaglia, Mattotti, Altan ecc. Ma, ci viene chiesto, e gli sceneggiatori? E i tanti autori non presenti? E... Nonostante gli sforzi della curatrice, l'elenco delle rimostranze dei professionisti del settore si va allungando. D'altronde le aspettative legate a questa occasione erano evidentemente molto alte. Se avremo notizia di chiarimenti specifici tra gli esponenti del comicdom italico, ne daremo conto. Intanto gustatevi i materiali fin qui prodotti.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 23/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Foto

Fumo di China 167: tutti nel buco!
FdC 167Noi ricordiamo ancora gli anni in cui Fumo di China era in bianco e nero e dicevamo "certo, sarebbe molto meglio se di fumetti si parlasse a colori...". Be', c'è voluto un bel po' di tempo, ma ora, come si sa, anche Fumo di China è a colori. E ci guadagna. Le copertine, quelle, il colore già ce l'avevano, ma visto che ci siamo, segnaliamo quella del numero 167, in edicola (la vedete qui accanto), realizzata dal bravo Bruno Cannucciari con ambientazione bucolica... insomma, con Lupo Alberto e tutti gli amici nel buco-casa di Enrico la talpa. Ma cosa c'è in questo numero? Di tutto, come al solito. Vi basta fare click qui per scoprirlo in dettaglio. Se invece fate click sulla copertina, andate dritti filati al sito della rivista, dove trovate anche degli estratti degli articoli. Buona lettura.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 23/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Recensioni

MoisEditoriale - La forza delle donne!

Mondine by Moise

Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia.
Ho letto questo bell'articolo sulla Resistenza delle donne e mi è tornato in mente un episodio che ho preparato per la storia della CGIL: un breve racconto sullo sciopero delle mondine nel Maggio del 1944. Spero vi piaccia leggerlo come a me è piaciuto moltissimo disegnarlo.
Tag: Donne, mondine, sciopero, rivolta, resistenza, coraggio, lotta, libertà, opposizione, dittatura, fascismo, nazismo, violenza

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 22/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Corriere dei Piccoli alla Rotonda: foto e video
Cocco Bill alla Rotonda - photo Goria - click per i dettagli100 anni per il Corriere dei Piccoli. Che però è finito prima di compierli. La grande mostra della Fondazione Corriere della Sera, curata da Giovanna Ginex, ne ripercorre la storia (che coincide con la Storia d'Italia) dal 1908 fino agli anni settanta. Restano fuori, purtroppo, gli anni ottanta e novanta che, per quanto "difficili e travagliati" tanto da portare infine alla chiusura, hanno comunque visto, nelle pagine delle ennesime incarnazioni della storica il costume di Bonaventura di Sergio Tofanotestata, autrici e autori di vaglia, che sarebbe stato bello vedere in mostra e nel relativo enorme catalogo. Il resto, però, ve lo potete godere tutto, chicche comprese, visitandola lentamente, soffermandovi sugli originali del giornale e delle tavole delle autrici e degli autori che hanno reso grande la sua storia editoriale. Notiamo in particolare le vetrine retro illuminate, nelle zone buie, che mettono nettamente in risalto i tratti, le note a mano ecc. In una saletta trovate un video con Topo Gigio, in un corridoio un Cocco Bill che vi segue (davvero). E giochi d'epoca, e il raffronto tra il giornalino e gli avvenimenti dell'epoca. E parecchio altro ancora. Ne abbiamo ricavato un foto-video-reportage (per incoraggiarvi ad andare di persona, o per consolarvi almeno un poco, se non potrete farlo) che stiamo pubblicando su Flickr. Potete vederlo in formato slideshow Giovanna Ginex risponde ad afNews - video Goria - click(in alternanza di foto e video che si completano a vicenda) facendo click qui. Oppure potete visionarlo in formato più leggero andando al relativo set facendo click qui e scegliendo le immagini e i filmati uno ad uno. L'inserimento dei materiali è ancora in corso, per cui verrà incrementato man mano nei prossimi giorni e implementato con le relative didascalie. Potete anche ascoltare Giovanna Ginex rispondere alla domanda di afNews, facendo click sul video che la ritrae, qui accanto.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 22/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Mostre

Claude Moliterni onorato ad Angouleme

Moliterni - photo Goria - clickIl mondo della BD renderà omaggio a Claude Moliterni, amico discreto, gentile e simpatico per tanti del comicdom internazionale (e titolare di una enorme quantità di riconoscimenti, dalla Legion d'Onore al Cavalierato delle Arti e delle Lettere, e di contributi fondanti ai più importanti festival del settore: click qui per l'elenco completo), il 1 febbraio 2009, nel corso della cerimonia di consegna dei premi del Festival di Angouleme, di cui è stato fondatore. Il Festival lo ricorda oggi con un articolo che potete leggere facendo click qui e che propone una sintetica storia del suo lungo lavoro a favore del Fumetto, partendo dagli anni sessanta, con la rivista di studi Phénix, la prima esposizione francese dedicata alla nona arte "Bande Dessinée et figuration narrative", alla sua costruttiva presenza alle origini del Festival di Lucca e della Convention di Parigi, alla creazione del Festival di Angouleme insieme a Francis Groux e Jean Mardikian. Storico, sceneggiatore, editore, organizzatore, divulgatore... probabilmente ci sarà da scrivere un libro sul ruolo, grande e diversificato, che Moliterni ha avuto nella diffusione della BD e del Fumetto, sia nella francofonia, sia a livello internazionale.

 Claude Moliterni has been a Big of the comicdom. The Festival of Angouleme will honour him on February 1, 2009, during the Awards ceremony. Learn more here: click.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 22/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-rip

MoisEditoriale - Teo-Maroni contro le manifestazioni

Che TeoMaroni! by Moise

(...) ROMA - Niente più manifestazioni davanti ai luoghi di culto. Lo ha deciso il ministro dell'Interno Roberto Maroni sulla scia delle polemiche seguite alla preghiera islamica in piazza Duomo a Milano (...) Ottima idea! Ma per essere davvero equi e completi, che ne direste di considerare - ad esempio - anche le esaltate processioni dei flagellanti, le orge fanatico-consumistiche alla caccia del santino di PadrePio, le invadenti ingerenze della chiesa nel libero pensiero laico, le mille superstizioni para-religiose? Ah già, dimenticavo, quelli 'strani' e quindi 'cattivi tout-court' sono sempre e solo 'gli altri'!
Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia
Tag: Maroni, chiesa, manifestazioni, islam, vaticano, palestina, Papa, fanatismi

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!


Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 21/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Claude Moliterni passed away

Claude Moliterni - photo Goria - clickLutto nel mondo del fumetto mondiale. Ci hanno appena comunicato che è morto oggi (nella notte tra il 20 e il 21) Claude Moliterni, a 76 anni, di morte naturale. Uno dei più famosi esperti del settore, se n'é andato proprio alla vigilia del Festival di Angouleme, che aveva creato e di cui non ha mai perso un'edizione. E' uno dei più importanti storici del fumetto (arcinoti i suoi numerosi volumoni enciclopedici). Ha diretto riviste su riviste, tra cui le fondamentali Pilote e Charlie Mensuel. E' stato uno dei fondatori delle edizioni Bagheera ed era direttore di redazione del famoso sito di informazione sul mondo del fumetto BDzoom. Era sceneggiatore di fumetti, ma anche scrittore di romanzi polizieschi e di spionaggio. Ci onorava della sua amicizia, cosa che ci rende più arduo stendere questa nota, e di solito era con noi a Torino, in occasione del festival Torino Comics. Ci piace ricordarlo col sorriso che vedete qui accanto, che gli era tanto congeniale.

 The worldwide known expert and comic art historian Claude Moliterni passed away today, at 76. Learn more at www.bdzoom.com, www.toutenbd.com, www.actuabd.com. He founded the renowed Festival of Angouleme and was director of important magazines like PIlote, Charlie Mensuel etc. He was also a friend, for us.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 21/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-rip

Mostra: Il Corriere dei Piccoli - 100 anni
Cocco Bill alla Rotonda per il Corriere dei Piccoli - clickHa avuto luogo stamane alle 12:00, per i giornalisti, la conferenza stampa di presentazione della mostra milanese dedicata al Corriere dei Piccoli, di cui abbiamo parlato, e stasera alle 18:00 la mostra è stata ufficialmente inaugurata. Il tempo di  montare foto e video e pubblicheremo qui su afNews il nostro reportage.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 21/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Mostre

Cella: Walt Disney Animation Studios Story
copertina del libro"I love animation because it’s the most collaborative art form there is. At its best, animation brings together the work of many people to create a single, unified whole – one that seems to have sprung into existence as a complete creation.". Con queste parole ha inizio l’introduzione di John Lasseter al libro Story, primo della The Archive Series dedicata ai Walt Disney Animation Studios, da poco uscito dalla casa editrice (neanche a dirlo) Disney Editions (272 pagine, 50,00 dollari, ma su Amazon è disponibile a 36,50). Nell'intenzione della casa di Burbank questa serie di libri mostrerà come pag072 - Snow White and the Seven Dwarfs – Artist unknownveniva e come viene realizzato un corto, un medio od un lungometraggio a disegni animati, e questo primo libro parte dall’inizio, ossia dagli storyboards, le serie di disegni preparatori realizzati per visualizzare le idee degli sceneggiatori, tecnica inventata proprio nei Disney Studios e poi fatta propria dagli altri studi hollywoodiani, anche per pellicole dal vero. Dopo le tre pagine di introduzione, nelle successive 250 ci sono solo immagini (“Molte delle quali inedite”, come scritto in pag100 – Sea Scouts – Carl Barksquarta di copertina), senza commenti, con le sole indicazioni dei disegni animati alle quali le stesse si riferiscono; in ordine cronologico da Steamboat Willie (1928) fino a Lilo & Stitch (2002) centinaia di riproduzioni mostrano l’evoluzione e le diverse possibilità di questo metodo di lavorazione, con semplici schizzi, disegni più elaborati e veri e propri quadri, in bianco e nero ed a colori. Sono presenti tutti i principali artisti che hanno realizzato queste opere, che in molti casi non è esagerato definire opere d’arte nel senso più “classico” del termine: Bill Peet, Marc pag152 – Susie, the Little Blue Coupe – Bill PeetDavis, Ferdinand Horvath, Gustaf Tenggren, Glen Keane, e tra questi appare anche Carl Barks. Nelle ultime pagine del libro, oltre ad ulteriori disegni e ad alcune fotografie che mostrano l’utilizzo pratico della tecnica dello storyboard, si trovano brevi riassunti dei cartoons dai quali sono tratte le immagini pubblicate, con l’indicazione, dove possibile, della composizione degli “story teams” di ciascuno, e quella dell’autore o degli autori delle opere pubblicate. Forse un po’ pag123 – The Art of Skiing – Artist unknowntroppo scarno di indicazioni, soprattutto dal punto di vista tecnico (ma volendo, per approfondire questo punto di vista, tempo fa la Hyperion pubblicò un altro bel tomo sull’argomento, Paper Dreams, a firma di John Canemaker, anche questo tutt’ora reperibile presso Amazon), questo libro è comunque a tratti una vera festa per gli occhi, e chi scrive lo consiglia non solo agli appassionati Disney, ma in generale a quelli di animazione e di disegno, professionisti o meno; e se il buongiorno si vede dal mattino, è auspicabile che questa serie di libri possa proseguire su questa strada. [Alessandro Cella]

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 20/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Recensioni

Marchesi che diede volto a Eva Kant
Eva Kant at afnewsRiceviamo: "Gino Marchesi, l’uomo che diede un volto a Eva Kant. Dopo due numeri dal tratto incerto, con il terzo numero, datato marzo 1963, la testata Diabolik inizia a spiccare il volo. L’albo in questione, L’arresto di Diabolik, è anche quello in cui esordisce la sua compagna Eva Kant. A operare un primo restyling del protagonista e creare la fisionomia di Lady Kant è il disegnatore Luigi Gino Marchesi, nato a Brembio, allora in provincia di Milano e oggi in provincia di Lodi. A settant’anni dalla sua nascita, l’amministrazione comunale di Brembio, in collaborazione con la casa editrice Astorina, con il patrocinio della Provincia di Lodi, ha il piacere e l’onore di presentare la più completa mostra dedicata all’opera di Marchesi. Per la prima volta dopo quasi cinquant’anni, sarà possibile ammirare le tavole originali dei primissimi, storici numeri di Diabolik. L’esposizione prosegue con gli albi originali di tutto ciò che Marchesi ha pubblicato dal 1959 al 1965, Diabolik by Magnus - photo Goria - clickcompresa la serie Dick il giustiziere, apparsa su Big Ben, la prima testata pubblicata dalla casa editrice Astorina. Il percorso si completa con un’ampia selezione delle opere di Marchesi come pittore e scultore. La mostra presenta un catalogo a distribuzione gratuita (64 pagine a colori) che non verrà in seguito messo in vendita, diventando quindi un pezzo unico e originale da collezione. Sarà inoltre attivo il 21 e il 22 un bookshop gestito dal Diabolik Club con diverse pubblicazioni dedicate al Re del Terrore, tra cui, fresca di stampa, la riedizione dell’esauritissimo libro “Le Regine del Terrore” di Davide Barzi con Tito Faraci. Gli eventi clou sono previsti nei giorni della Fiera di San Giuseppe, il 21 e il 22 marzo 2009. Oltre alla personale di Luigi Marchesi, saranno visitabili le mostre “Astorina – Una vita in nero” (dedicata alle sorelle Angela e Luciana Giussani, creatrici di Diabolik), “Storia di una storia” (sul percorso creativo che porta alla realizzazione degli albi a fumetti), “Diabolik tra scienza e fantascienza” (trucchi, invenzioni e marchingegni Eva Kant - photo Goria - clickdel Re del Terrore). Nelle due settimane che vanno dal 17 al 27 marzo, è possibile visitare su prenotazione la mostra e partecipare a workshop creativi gestiti da Davide Barzi e Beniamino Del Vecchio. La mostra è realizzata grazie alla collaborazione della Pro Loco di Brembio e del Gruppo Arcobaleno. Sabato 21 marzo, alle 10.30 la mostra verrà inaugurata alla presenza a di Mario Gomboli, Direttore Generale di Astorina, del Sindaco di Brembio Giuseppe Sozzi e dell’Assessore alla Cultura della Provincia di Lodi. Nel pomeriggio dello stesso giorno, alle 15.00, Davide Barzi presenterà la riedizione del suo libro “Le Regine del Terrore”, dedicato alle sorelle Giussani. “Gino Marchesi, l’uomo che diede un volto a Eva Kant”, Brembio, ex scuole elementari, ingresso da Piazza Matteotti. Mostra e catalogo a cura di Davide Barzi. Visitabile nei giorni sabato 21, domenica 22, sabato 28, domenica 29, dalle 9.00 alle 19.00. Visitabile per le scuole da martedì 17 a venerdì 27 solo su prenotazioni. Per informazioni e prenotazioni: ilvoltodievakant@gmail.com - 348/3463611. Diabolik © Astorina srl” – www.diabolik.it "

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 20/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Mostre

MoisEditoriale - Metano Marziano
Metano marziano by Moise

Emissioni stagionali di metano su Marte Così titola il nuovo 'post' del 'Disinformatico', il blog di Paolo Attivissimo, gustoso ricettacolo, oltre che di sbufalamenti e chicche internetiche, anche di miscellanee paraphernalia degne di una wunderkammer virtuale!
Metano da Marte, dunque?... Vuoi vedere che le suddette 'emissioni stagionali' corrispondono al periodo di massima maturazione dei famigerati Fagioli Bombardini marziani ?
A questo punto, i baccelloni dello storico B-Movie 'L'invasione degli ultracorpi verrebbero ad assumere una valenza invasiva ancor più inquietante!
Tutto questo ed altro ancora sul blog del mitico Paolo 'cognomen omen' Attivissimo!
Riferimento Disinformatico QUA
Tag: Astronomia, xenobiologia, chimica, metano, Marte, marziani scoreggioni, fagioli, meteore, meteoriti, meteorismo

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Martedì, 20/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Venceremos di Casini per Mosquito
Venceremos vignette page 1L'editore Mosquito ci segnala la nuova pubblicazione dell'italiano Sefano Casini nel suo catalogo francofono con Venceremos. Vi consigliamo di buttarci un occhio, facendo click sull'immagine qui accanto.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 20/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Recensioni

Mantova Comics
Editor Mantova Comics segnala il sito ufficiale della manifestazione, che avrà luogo dal 27 febbraio al 1 marzo 2009. Ci trovate tutto quel che serve per organizzarvi la visita, che siate appassionati, apprendisti fumettisti o professional. Lo potete visitare qui: www.mantovacomics.it.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 20/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Festival

Instant strips for Obama, today
"Obama Presidente. Nulla sarà più come prima." Testé letto in una strip. Anche i personaggi delle strisce statunitensi partecipano all'insediamento del Presidente, sentendo la Storia che c'é dietro, carica di aspettative e di responsabilità. Fate click qui per trovare, su ComicsDC, i link a una prima serie di strisce ambientate oggi a Washington DC.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 20/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

MoisEditoriale - BerLifting estremo

BerLifting estremo by Moise

La crisi e la legittima preoccupazione degli italiani di fronte alle paillettes mediatiche continuamente proposte da mr.B. cominciano a incrinare quel bel sorrisone da squalo che ha sempre caratterizzato le zanne dell'Arcorese. Basterà un bel lifting stira-sorriso per recuperare la fiducia delle persone?
Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia
Tag: Berlusconi, promesse, chiacchiere, crisi, calo consensi, nodi al pettine, preoccupazione

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 19/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Cathy Berberian suona le onomatopee delle strisce
E' il 10 dicembre 2007 quando, al Festival intitolato a Luigi Nono, viene nuovamente eseguita la composizione di Cathy Berberian, Stripsody. La potete ascoltare, e vedere, qui di seguito. C'entra coi fumetti? Eccome. Lo ricordava anche Umberto Eco (che con quell'opera musicale c'entra, eccome), nella sua Bustina di Minerva del 28 novembre scorso (click qui per leggerla), nuovamente citata recentemente sul web, in cui trattava dell'onomatopea nel fumetto, Diego Ceresa lettering samples - photo Goria - clickrecensendo il bel librone di Roman Gubern e Luis Gasca, Diccionario de onomatopyas del cómic (Madrid, Cattedra - ne potete vedere alcune pagine facendo click qui). Un'occasione per ricordare uno dei più geniali creatori di onomatopee fumettistiche in Italia, Benito Jacovitti, e gli artefici della loro migliore e più efficace rappresentazione grafica, i Letteristi.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 19/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Video

Ma quante belle mostre, Fondazione Leblanc!
Siccome forse non andate a Bruxelles tutti i momenti, vi riassumiamo, questa volta, le mostre in corso alla prestigiosa Fondation Raymond Lèblanc ("quel" Leblanc, eroe della resistenza belga, cui si deve la storica rivista Tintin e il recupero di Hergé dopo la guerra, e la casa editrice Lombard), così, se per caso vi capitasse di farci una gita... Fino al 20 marzo 2009 c'é la bella mostra sulle Eroine del Fumetto; fino al 25 settembre 2009 c'é quella sul grande René Goscinny, creatore di Asterix e molto, molto altro; poi, dal 30 settembre 2009 al 26 marzo 2010 ecco Bruxelles nel Fumetto che mostra... esattamente quel che promette. Altri dettagli facendo click sull'immagine di questo articolo.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 19/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Mostre

Scuola di Fumetto 64: ma ai bambini ci pensiamo?
Scuola di Fumetto 64 - photo Goria - click per scoprire di piu'Un salto in portineria ed ecco Scuola di Fumetto 64 (lo vedete qui accanto con diversi fumetti da "scoprire" sullo sfondo, in una delle nostre foto dalla collezione FumettoSuFumetto), stavolta interamente dedicato al fumetto per bambini, essenza e vita stessa della letteratura disegnata! L'occasione è, naturalmente, il centenario del defunto Corriere dei Piccoli e Laura Scarpa non manca di dire cose che condividiamo "Ma ai bambini ci pensiamo? Spesso sono considerati carne da macello, bevitori di qualisasi omogeneizzato, da seguire e spremere come piccoli e mostruosi consumatori." Ci troviamo ospiti importanti come Giorgio Rebuffi in occasione del suo ottantesimo compleanno (e sessanta di carriera)! Auguri e complimenti, con tanto affetto, Giorgio! Ci troviamo la simpaticissima Stefi di Grazia Nidasio, ora approdata alla televisione. Una intervista (da leggere assolutamente) al mitico Mino Milani (se non sapete chi è, andate subito in edicola, poffarre!). Una a Stefano Gorla, cui tocca lavorare al "rinascimento" de Il Giornalino. E non potevano mancare anche i Ronfi di Adriano Carnevali. E un istruttivo servizio di Luca Boschi sulle tante altre riviste di fumetti per bambini che c'erano una volta (in Italia) e or non ci sono più (in Italia). E, per la consolazione dei giovani autori di oggi (tra i quali sarebbe bello ci fossero anche nuovi autori per bambini), una selezione di disegni infantili di alcuni autori professionisti. Come la pensiamo noi sulla questione del fumetto per bambini in Italia è arcinoto da parecchi anni, ormai. Sarà quindi facile capire che questo numero di Scuola di Fumetto ci è graditissimo.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 19/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Recensioni

ComixComunity si evolve: 3.0
Claudio Sacchi distribuisce?... - photo Goria - clickComixComunity ci ha segnalato che, dalla data ufficiale dell'8 gennaio 2009, si è triplicata, sempre con l'obiettivo di "diffondere il medium Fumetto". L'attività dell'Associazione si suddivide così in 3 sezioni: 1) ComixComunity Studio con Cesare Buffagni come responsabile delle attività; 2) ComixComunity Eventi e Mostre, con la supervisione di Claudio Sacchi; 3) ComixComunity Pubblicazioni e Sito, sotto la responsabilità di Gianpaolo Bombara.  E questo è ora lo staff complessivo dell'associazione: Direttivo Claudio Sacchi - Presidente del Consiglio Direttivo Gianpaolo Bombara - VicePresidente del Consiglio Direttivo Cesare Buffagni - Segretario del Consiglio Direttivo Manuela Congiu - Tesoriere Consiglieri Donatella Barbieri Lorenzo Bassi Massimo Bonfatti Mirko Bonini Luca Bozzoli Errico Chiari Mauro Corradini Francesca Prampolini Stefano Voltolini. Info e ulteriori dettagli su attività, pubblicazioni, corsi ecc.: www.comixcomunity.com - imestieridelfumetto.blogspot.com  

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 19/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Boris Drucker passed away

Mike Lynch segnala la scomparsa, all'età di 88 anni, del vignettista Boris Ducker. I dettagli qui di seguito.

 "Gag cartoonist Boris Drucker died of a stroke on Thursday, January 15, 2009 at the Hahnemann University Hospital, in Philadelphia, PA. He was 88." Full article: MikeLynch.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 19/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-rip

Quanti premi letterari per il fumetto!

Prix Angouleme by Laurent Melikian at afnewsLa francofonia è una "zona" in cui la letteratura disegnata viene letta, da bambini e adulti, in abbondanza, per la gioia degli editori e degli autori (oltre che dei lettori, si capisce). Naturale che a questa "abbondanza" siano associati altrettanti premi letterari ad hoc. Manuel Picaud, dal suo blog, ci offre un primo, sintetico elenco dei premi che i nostri cugini d'oltralpe hanno a disposizione per "mettere in vista" i loro titoli preferiti, tenendo conto che poi gli editori si fanno un giusto vanto di quei premi, che diventano ambite fascette da apporre ai libri vincitori, così stimate dal pubblico da consentire ulteriori incrementi di vendita. Così si va dal grande e prestigiosissimo Festival international de la Bande Dessinée à Angoulême e al Prix Libération, a una quantità di altri: Prix France Info de la bande dessinée d’actualité et de reportage, Grand Prix RTL de la BD, Prix des Libraires de Bande Dessinée, Prix Jeune Talent de la BD, Prix Artémisia, Prix René Goscinny, Prix 2008 de la BD chrétienne, giusto per citare quelli degli ultimi due mesi. Trovate tutti i dettagli nell'articolo di Picaud facendo click qui.

 Best book Awards in France for comic art: how much! Learn more about it at Manuel Picaud blog: click here.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 19/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Ma che modo di esprimersi! Ci salvera' il fumetto.
Ducks & Fumetti - photo Goria - clickL'abuso delle parolacce in tv, radio, cinema ecc. e la tendenza alla rissa mediatica volgare e a prender fuoco in attimo (viene citato il caso del Ministro La Russa di fronte alle pacate dichiarazioni della direttrice Concita De Gregorio, ma volendo si potrebbe citare anche l'esplosione di Santoro con la giornalista Annunziata) impoveriscono gradualmente il linguaggio, rendendolo trito, volgare, banale, invece che liberatorio e moderno? Questo ci si comincia a chiedere, seriamente, in giro per il mondo (in Italia, chissà), come potete leggere in dettaglio facendo click qui. Forse, allora, sarà ancora il fumetto (là dove è ancora una lettura diffusa tra bambini e ragazzini) a dover salvare il linguaggio?

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 19/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Miyazaki non sopporta i cartoni moderni

Hayao MiyazakiTitolo ad effetto per The Straits Times, che riporta da Hong Kong una intervista, a seguito dell'uscita di Ponyo, al famoso regista Hayao Miyazaki il quale, in questa epoca di animazione digitali ed effetti computerizzati, si rivela un purista. "Non sopporto i film moderni", dice, sostenendo che siano troppo "eccentrici". Ma le sue motivazioni vanno più a fondo: "I giovani sono circondati da oggetti virtuali. Mancano di esperienza e vita reali e così perdono la loro immaginazione" e afferma che gli animatori devono prendere dalla propria esperienza personale di dolore, shock ed emozioni. Potete leggere il resto nell'articolo qui di seguito.

 "-I can't stand modern movies. The images are too weird and eccentric for me- Miyazaki told Hong Kong's Sunday Morning Post in an interview to promote his latest movie, Ponyo on the Cliff by the Sea. Miyazaki said his ..." Full article: TheStraitsTimes.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 19/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Cinema

La Principessa e la rana col Canto di Natale
Il sito di cinema Bad Taste propone, tra l'altro, belle immagini di prossime uscite. Segnaliamo i film Disney il Canto di natale (uscita Natale 2009) con Jim Carrey e La Principessa e la Rana (uscita 2009) in animazione 2D (del quale abbiamo parlato parecchio tempo fa su afNews). Fate click sulle immagini qui di seguito per andare alle schede e godervi gli ingrandimenti.
Canto di Natale  La Principessa e la Rana

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 18/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Cinema

MoisEditoriale - BerluSatira
BerluSatira by Moise

La trafila di 'esternazioni' prodotte ultimamente da Mr.B. sta aumentando in maniera esponenziale, quasi che il Supremo Statista di Arcore sia preda di fregolismo acuto.
Forse questa 'Satira' contro cui Silvio si scaglia a ugola spianata è l'unica figura femminile contro cui un vecchio satiro come lui non riesce ad esercitare le proprie mitiche arti seduttive ?
Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia. Tag: Berlusconi, satira, libertà, dittatura, coda di paglia, democrazia

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Domenica, 18/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

La Fondazione di Asimov al cinema!

AsimovOnThrone by Rowena - you can buy it - just click hereGiusto il tempo di buttare un occhio su una nuova foto promozionale da X-Men Originis: Wolverine (click qui, se vi interessa) ed ecco, invece, una vera notiziona: la Fondazione di Asimov potrebbe diventare un film! Non c'è autore di fantascienza (e non solo) che non conosca il ciclo della Fondazione, e l'ispirazione che ha fornito, alla letteratura, al cinema, al fumetto. Il nome legato a questo scoop (un sogno che si avvera, per molti ammiratori di Asimov, ma anche una immane responsabilità per chi deve renderla realtà) è quello di Roland Emmerich, come potete leggere in dettaglio su Variety.

 "Columbia won an auction late Thursday for screen rights to "Foundation," Isaac Asimov's ground breaking science fiction trilogy. The film will be developed as a directing vehicle for Roland Emmerich. Emmerich and his Centropolis partner Michael Wimer will produce the film. The deal was mid six-figures against low seven figures. Originally published as a series of eight short stories in Astounding Magazine beginning in 1942, "Foundation" is a complex saga about ..." Full article: Variety.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 18/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Cinema

Diritti di autore: Orphan Works Bill
Il tema del diritto di autore (che parrebbe così semplice nella sua enunciazione italiana che par volere significare "il diritto dell'autore") è sempre controverso e soggetto a continue rielaborazioni per "adattarlo ai tempi, alle tecnologie, al contesto". Serve per garantire vita decente agli autori? Serve per garantire reddito d'impresa agli editori? Serve alle multinazionali per garantirsi vita eterna? Attorno a questi quesiti girano molti interessi, ovviamente. Negli USA, per dire, in questo periodo è sotto tiro l'Orphan Works Bill e il dibattito conivolge tutti i sindacati locali, da quelli degli autori a quelli degli editori, oltre ai legislatori, naturalmente. Per saperne di più, potete fare click qui, dove troverete i link di riferimento.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 18/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-SILF

Intervista: Ziche adora Bretecher
Intervista, essenziale e molto illustrata, a Silvia Ziche su Collezioneggio. Potete leggerla facendo click qui.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 18/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Interviste

Capperi che lavoro per la cover di Doonesbury
Trudeau omaggia Enzo Baldoni per il suo compleanno con i personaggi di Doonesbury, 1998.Se pensate sia facile realizzare una copertina per una raccolta di strisce (che vi vorrà mai? Se ne prende una bella e si piazza lì, no?), allora andate a vedere (click sul disegno di Trudeau qui accanto, realizzato come omaggio per il compleanno del suo traduttore, Enzo Baldoni) il lavoro preparatorio della BlackVelvet, che deve uscire con la cronologica integrale di Doonesbury di Trudeau. Con l'occasione vogliamo ricordare anche Enzo Baldoni, che fu traduttore della serie in Italia, assassinato in Iraq nell'agosto del 2004, dov'era come freelance a testimoniare gli orrori dell'ennesima guerra, e lo facciamo con un'immagine gioiosa, conforme al suo stile.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 18/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Recensioni

Tempi duri! Scrive Staino: Arrivederci Emme!
M64 at afnews - click per ingrandireTempi duri, per i giornali italiani, nonché, va da sé, per la satira. Riceviamo il comunicato stampa di Sergio Staino sul supplemento dell'Unità EMME e volentieri pubblichiamoArrivederci emme. In un incontro che ho avuto in queste ore alla sede de l’Unità con il direttore Concita De Gregorio e con il nuovo amministratore delegato Antonio Saracino, sono stato informato, con mia grande sorpresa, che la proprietà del giornale considera tuttora valido e in vigore, per quanto riguarda il supplemento Emme, il contratto stipulato nel 2007 e la conseguente disdetta inviatami nell’Ottobre 2008. In altre parole, Emme, per la proprietà, chiude con l’ultimo numero di Gennaio, cioè con il prossimo. E gli accordi presi con il direttore per il proseguimento di Emme all’interno del giornale ad 8 pagine, affiancato da un mensile da vendersi come allegato ad acquisto facoltativo? Un bellissimo progetto che però non ha, per usare un linguaggio governativo, alcuna copertura finanziaria e quindi va considerato nullo. Insomma, sembra che Concita ed io abbiamo fatto i conti senza l’oste, cioè senza considerare la situazione economica e finanziaria dell’editoria italiana e de l’Unità in specifico. Oggi, per quasi tutti i consigli d’amministrazione, sembra che la riduzione dei costi sia il problema assolutamente prioritario e molti quotidiani, assai più agguerriti e forti della nostra Unità, stanno tagliando supplementi, decurtando pagine, collaboratori e stipendi di collaboratori. Quest’oggi tocca ad Emme e mi sembra che ci sia davvero ben poco su cui insistere o recriminare. Rimangono alcune speranze aperte, non certo di facile realizzazione: una forte e significativa impennata nelle vendite del quotidiano e il possibile inserimento di Emme in una rinnovata e fortificata presenza online de l’Unità. Vedremo. Per ora ci piace salutarvi con un arrivederci e, pur nel dispiacere della chiusura, gioire per questi due anni di vita che hanno riaperto le speranze di un giornale satirico in Italia, che ha messo insieme, in buona armonia, una discreta serie di cervelli satirici, molti dei quali davvero giovani e nuovi. Li ringrazio tutti, uno ad uno, così come ringrazio i lettori che ci sono stati vicini in questo non breve periodo. Ma un grazie ovviamente speciale lo rivolgo volentieri al direttore Padellaro e all’amministratore delegato Poidomani, che vollero darmi, nella primavera 2007, la possibilità di mettere in piedi questa bella scommessa e all’attuale direttrice De Gregorio, che ci ha dimostrato grande simpatia e fino all’ultimo ha tentato di farci sopravvivere sulle pagine del suo bel giornale. Speriamo di rivederci presto, Sergio Staino.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 18/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Beethoven a fumetti con Schroeder

click for the animationLa mostra al Museo Schulz dedicata Schroeder (il bambino col pianoforte che vedete qui accanto e che suona, davvero!, Beethoven nelle strisce dei Peanuts) si avvicina alla chiusura, il 26 gennaio 2009. Se passate da quelle parti... Altrimenti potete accontentarvi della chicca realizzata dal giornale PressDemocrat, che offre nel suo sito una simpatica animazione in Flash con tanto di esecuzione della musica suonata da Schroeder: click l'immagine qui accanto per accedervi.

 "Why Beethoven? Charles Schulz said that he chose Beethoven as Schroeder’s favorite composer because B-words are simply funnier—yet when asked, Schulz replied that Brahms was his favorite composer. Maybe Schulz was remembering when, as a young teenager, he would sit on the porch of best friend Shermy’s home and listen to Shermy’s mother play Beethoven pieces on the piano. Whatever the impetus, Schulz painstakingly copied musical scores, note by note, for ..." Full article and more: SchulzMuseum.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 18/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Mostre

Andrew Wyeth passed away
Il noto pittore statunitense Andrew Wyeth è morto il 16 gennaio 2009 all'età di 91 anni. Pur non avendo mai fatto fumetti (a quanto ci risulta) era molto apprezzato nell'ambiente della nona arte e citato spesso, con le sue opere (famosissimo il suo Christina's world) o col suo nome, come in questa striscia dei Peanuts.
image

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 17/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-rip

Supergulp! Perche' tutti meno Tintin e Tex?
Giancarlo Governi e Guido De Maria - photo Goria - clickAnnunciata a più riprese anche qui su afNews, ora ne vedete la pubblicità in televisione. I dvd di Supergulp!, mitica trasmissione RAI di Guido De Maria e Giancarlo Governi (che vedete nella foto qui accanto), che andò in onda con diverse incarnazioni dal 1972 al 1981, sono in edicola con la Gazzetta dello Sport e ripropongono quasi tutto il contenuto dell'epoca. Quasi. Non tutto. Già, perché per un paio di personaggi non proprio secondari, Tintin e Tex Willer, "sono stati negati i diritti". Perché? Forse a questa domanda non avremo risposta, chissà, magari per "evitare problemi". Sarebbe stato tuttavia interessante capire il perché di questa scelta, che rende parzialmente incompleta una bella operazione storico-culturale. Per il resto, chi lo vorrà, potrà godersi Nick Carter, Spider-Man, Fantastici 4, Thor, Alan Ford, Cocco Bill, Jak Mandolino, Jonny Logan, Corto Maltese, Sturmtruppen, Lupo Alberto, l'Uomo Mascherato, Mandrake, Cino e Franco, Rip Kirby e tanti altri.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 17/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Il Museo di Lucca omaggia Galileo e invita Stan Lee
Per gli eventi organizzati dal Museo del fumetto di Lucca in occasione dell'anno internazionale dell'astronomia indetto dall'Unesco, sono stati coinvolti gli autori Disney (in mostra anche originali di Don Rosa), Jack Kirby, Sidney Jordan (con un omaggio alla luna), Luca Boschi, Gradimir Smudja, Sergio Toppi e molti altri. Tra questi c'è anche Stan Lee, che dovrebbe essere a Lucca proprio nei giorni della mostra dedicata a Galileo Galilei e al tema "scienza e fumetti" (al Muf, dal 2 maggio al 5 novembre 2009). Della mostra e delle due pubblicazioni che saranno realizzate ad hoc in co-edizione col Museo del fumetto (una sarà affidata agli autori Disney, l'altra ad Angelo Nencetti, Smudja e Toppi) il responsabile del Muf, Nencetti, ha parlato in un'intervista pubblicata sul quotidiano on-line LoSchermo. Una chiaccherata nella quale si affronta anche la questione del rinnovo del suo incarico e il delicato tema dell'inserimento di volumi a fumetti fra i libri di testo scolastici. L'accordo col Ministero dell'istruzione dovrebbe concretizzarsi entro il 2009. Ma per saperne di più, fa click qui oppure sull'immagine per leggere l'intervista integrale.

Articolo di Gianluca Testa (se non altrimenti indicato) - Sabato, 17/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Interviste

Padri celebri per l’Agente X-9
Due settimane dopo le prime tavole di Gordon e di Jim della Giungla, Alex Raymond - uno dei maestri del fumetto americano, nato nel 1909 e morto nel 1956 - cominciò a pubblicare le prime strisce del suo terzo personaggio, nato il 22 gennaio di quel fortunato 1934. Si trattava di un poliziotto, all’inizio senza nome (apprenderemo in seguito che si chiamava Dan), ideato da Dashiell Hammett, grande scrittore di realistici romanzi polizieschi. La prima storia realizzata da questi due grandi autori si intitola “Il Dominatore” e racconta una vicenda abbastanza cruda, con il nostro eroe che fa sfoggio sia di forza fisica che di una mira precisa. Con questo personaggio - identificato a lungo come l’Agente Segreto X-9 - Raymond arricchì la sua personale gamma di eroi, affiancando un poliziotto a un eroe di fantascienza come Gordon e a un avventuriero impantanato nelle foreste del Sud-Est asiatico come Jim della Giungla. Durante le prime storie sono stati svelati alcuni misteri sull’identità di X-9: scopriremo, per esempio, che è diventato poliziotto per vendicare la morte della moglie e X-9 takes a no-nonsense approach. Artist: Alex Raymond.della bambina piccola, e che dopo una permanenza nella polizia, è passato nelle file del FBI, per meglio combattere la criminalità organizzata, ancora abbastanza diffusa negli Stati Uniti. L’agente X-9 ha uno sguardo deciso, la mascella robusta, indossa quasi sempre abiti eleganti, ma soprattutto ama infiltrarsi nelle bande criminali per combattere, e sconfiggere, la deluinquenza dall‘interno. Per molti aspetti sembra essere la versione disegnata di Sam Spade, l’investigatore protagonista dei romanzi di Hammett, reso poi celebre dalle interpretazioni cinematografiche di Humphrey Bogart. Dashiell Hammett sceneggiò solo alcune avventure di X-9, fino all’aprile 1935, quando preferì lavorare per il cinema. Fu sostituito per qualche tempo da un altro scrittore di gialli, Leslie Charteris, autore fra l’altro del fortunato ciclo del Santo. Ma anche Raymond non sarebbe rimasto a lungo fedele al suo “figlio”, che abbandò nel novembre del 1935, per dedicarsi meglio alla saga di Gordon. Privato dei suoi celebri padri, X-9 imboccò la strada di un lento seppur lungo declino, malgrado la presenza, spesso, di bravi disegnatori. Se me succedettero diversi, da Afonsky a Briggs, da Mel Graff a Bob Lubbers. Ciascuno di loro cercò di dare un’immagine Secret Agent Corrigan, by Al Williamsondiversa e forse originale al celebre poliziotto, che tuttavia perse spessore, anche a causa di anonime sceneggiature. Ma il mito di X-9 sarebbe resistito a lungo, fino agli anni Sessanta quando la serie fu presa in mano dallo sceneggiatore Archie Goodwin e dal disegnatore Al Williamson. La coppia ne rinnovò in parte l’immagine, e X-9 abbandonò le indagini tradizionali per dedicarsi alla lotta contro la criminalità del nostro tempo, combattendo trafficanti di droga e di armi, terroristi e banditi di ogni genere. Dal 1980 è stata disegnata da George Stevens, che accentuò il declino e l’anonimato di un personaggio nato sotto una buona stella e con due padri chiaramente importanti. [Carlo Scaringi]

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 17/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Scaringi

Tintin: festival, affreschi, museo, film etc!
(c) Herge-Moulinsart - click to www.tintin.comMentre si attende il famoso film su Tintin di Spielberg (esce nel 2010, o nel 2011? Forse si tratta solo di voci, quelle contraddittorie sulla data d'uscita, fatte circolare ad arte, per smuovere l'aria, chissà...), i festeggiamenti per gli 80 anni del giovane reporter vanno avanti. A Bruxelles un nuovo (ce n'era già, in altra stazione) grande affresco nella stazione di Bruxelles-Luxembourg, basato su un disegno del 1932 (rappresenta l'arrivo di San Nicola a Bruxelles, e venne pubblicato su Le Soir il 27 ottobre 1932), inaugurato alla presenza di Nick Rodwell, presidente della società per azioni Moulinsart (potete leggere tutti i dettagli e vedere le relative immagini nel sito ufficiale di Tintin, facendo click sull'immagine di questo articolo), mentre Namur dedica un Festival a Tintin (8-10 maggio 2009) e nella piazza grande di Bruxelles verrà distesa la più grande tavola di fumetti del mondo, tratta da una delle avventure di Tintin. E il Museo Hergé? I lavori vanno avanti, l'inaugurazione si avvicina (22 maggio, naturalmente) a Louvain-la-Neuve, sotto la direzione del famoso architetto Christian de Portzamparc, con le scenografie del noto fumettista Joost Swarte e la direzione di Laurent de Froberville, che è statto, guarda un po', responsabile dello sviluppo del castello di Cheverny, proprio quello cui si ispirò Hergé per creare la dimora avita del capitano Haddock, Moulinsart, e dove c'é (ne abbiamo parlato recentemente su afNews) un piccolo museo ad-hoc su Tintin e amici.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 16/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Tintin

Stefano Disegni: giardinaggio
disegnigiardinaggio Stefano Disegni vi elargisce i suoi consigli per il giardinaggio palestinese. Davvero? Ma davvero, davvero? Fate click sull'immagine qui accanto e scoprite di che si tratta.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 16/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Tesori Disney 1: Paperino ama Reginella!
Reginella - photo Goria - click per i dettagliNuovo corso alla Disney Italia? Forse. Chi ha trovato in edicola il numero 1 della nuova testata trimestrale Tesori Disney (lo vedete nella foto qui accanto, della serie FumettoSuFumetto, ingrandibile a piacere), potrebbe effettivamente ricavarne questa impressione. Volume monografico, interamente dedicato alle storie che raccontano dell'amore (sì, proprio così, senza dubbio alcuno) tra Paperino e la bella aliena Reginella, scritte da Rodolfo Cimino e disegnate da un godibilissimo Giorgio Cavazzano d'antan e da Anton Bancells Pujada, tra il 1972 e il 1994. E la promessa è di ulteriori volumi "monografici", sempre arricchiti dalle intelligenti e interessanti note di Luca Boschi e Alberto Becattini, col coordinamento di Lidia Cannatella. Una ennesima scommessa: il monografico con note filologiche piacerà più del minestrone un tanto al chilo? Per giunta sono volumi cartonati, che si prestano a fare bella figura in libreria, o far "pacco regalo", il che non guasta. Gli espertissimi super fan, ovviamente, non hanno mancato un colpo e hanno immediatamente rilevato tutte le piccole inesattezze, le inversioni, le pecche che, nonostante l'alto livello dei curatori citati, sono comunque scappate, come al solito. Ma c'è anche chi è disposto a perdonarle, purché dal numero 2 in redazione si faccia più attenzione, molta più attenzione ai minimi dettagli, tanto più in un libro da quasi 10 euro. Dettagli che, comunque (o, forse, purtoppo), sfuggiranno ai lettori "normali", giovanissimi e non, che si limiteranno ad apprezzare i racconti (qualcuno più dell'altro, naturalmente).

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 16/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Recensioni

Corriere dei Piccoli: arriva la grande mostra!

470 Pratt at afnewsLa grande mostra organizzata dalla Fondazione Corriere della Sera, curata da Giovanna Ginex, per onorare i 100 anni dal pirmo numero dello storico giornale per l'infanzia, il Corriere dei Piccoli, sta per aprire i battenti. L'inauguraizone avrà luogo mercoledì 21 gennaio 2009 alle ore 18:00 nella Rotonda di via Besana, a Milano. Come abbiamo annunciato a suo tempo, mesi fa su afNews, sarà una preziosa occasione per apprezzare oltre 300 opere in mostra, con i 458 Nidasio at afnewsmateriali originali degli autori: tavole, disegni, bozzetti, vignette (ne potete assaggiare un piccolo, meraviglioso campione, facendo click sulle immagini qui accanto): una sequenza di capolavori della letteratura disegnata dal 1908 in avanti. E ancora, un allestimento, curato da Franco Achilli, con oggetti d'epoca, giocattoli, burattini, marionette, pupazzi... Il conseguente ricco catalogo, edito da Skira, compoeterà l'offerta, insieme a laboratori per i bambini. Avremo ancora modo di parlarne, avvicinandoci all'apertura. Intanto cominciate a segnarvi le date. Click qui per vedere uno slideshow con una piccola selezione di quel che potrete vedere in mostra coi vostri occhi. Info: www.fondazionecorriere.it.

 The big exhibition dedicated to the 100 years from the first issue of the Italian kids magazine Corriere dei Piccoli will open on Jnauary 21, 2009. There will be comics by Sergio Toppi, Hugo Pratt, Grazia Nidasio, Dino Battaglia, Bruno Bozzetto, Jacovitti, Altan etc. Click here for a little slideshow about it.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 15/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Mostre

Patrick McGoohan - Ricardo Montalban: passed away
Edgar Pierre Jacobs, creatore della storica serie Blake et Mortimer, era un fedelissimo della serie televisiva The Prisoner (Il Prigioniero, della quale non perdeva un episodio, e spesso ripeteva la frase "voglio informazioni, informazioni, informazioni!", ripresa dalla serie, quando cercava documentazione per la sua serie a fumetti) di e con Patrick McGoohan, morto ieri, 14 gennaio 2009, all'età di 80 anni, nello stesso giorno in cui è morto Ricardo Montalban, anch'egli noto attore televisivo e cinematografico, all'età di 88 anni. 

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 15/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-rip

Disney Publishing: ora comanda Hernandez

Disney Oggi - photo Goria - clickDisney Publishing Worldwide ha nominato Robert W. Hernandez Senior Vice President e Direttore Generale Global Magazines, a far data dal 14 gennaio 2009. Così ha annunciato Russell Hampton, Presidente di Disney Publishing Worldwide. Hernandez (da New York e Hampton) avrà direttamente in carico tutto il settore del Global Children's Magazines per Disney Publishing e quindi anche il settore fumetto.

 "Disney Publishing Worldwide has named Robert W. Hernandez senior vice president & general manager, Global Magazines, effective January 14, 2009. The announcement was made by Russell Hampton, president, Disney Publishing Worldwide. Based in New York and reporting to Hampton, Hernandez will oversee all aspects of Disney Publishing’s global children’s magazine business..." Full article: BusinessWire.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 15/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Dati

Tintin: il film di Spielberg uscira' il...

Tintin, an old movie: oranges bleues - photo Goria - clickPer quel che valgono le indiscrezioni, in settori soggetti a tante variabili come il cinema, ecco una voce d'oltralpe ad affermare che il primo film con Tintin di Spielberg apparirà nelle sale il 22 maggio 2011. Chissà. Certo, è noto che il famoso regista ci tiene alla data del 22 maggio, legata com'é al suo mitico eroe, Indiana Jones, oltre a essere la data di nascita di Hergé, e quindi anche la data di inaugurazione, in questo 2009, del grande Museo a lui dedicato. E i tempi di lavorazione (soprattutto per la post-produzione) la rendono credibile. Diverse le date che si trovano in giro, per esempio su IMDB e ComingSoon, che danno l'uscita del primo Tintin nel 2010, del secondo nel 2011 e del terzo (del quale però pare non si parli più, al momento) nel 2012. Staremo a vedere se la nostra gola profonda ci ha azzeccato, o ha solo sbagliato anno: per mese e giorno, invece, potrebbe proprio avere ragione.

 So, someone says, the first Spielberg Tintin movie will be in the theaters in May 22, maybe 2011... or 2010? Who knows? Maybe we'll know more on May 22, 2009, at the opening of the great Hergé Museum... By the way, May 22 is important to Hergé, but also to Indiana Jones.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 15/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Tintin

Concorso Strisce di Jazz in scadenza
Riceviamo: L’Associazione Piacenza Jazz Club, il Circolo ArciComics Il Senso delle Nuvole - Arcadia con il Patrocinio di Editoriale Libertà, presentano la seconda edizione del concorso “Strisce di Jazz”. Il concorso è gratuito e aperto a chiunque voglia cimentarsi nella creazione di una tavola illustrata o fumetto auto conclusivo a tecnica libera riguardante il tema della musica jazz. Gli elaborati dovranno essere spediti in originale entro e non oltre il 2 febbraio 2009. Primo premio € 600,00. Per ulteriori informazioni sulla partecipazione al concorso scrivete a mezzo e-mail all’indirizzo: IlSensoDelleNuvole@gmail.com Referente: Christian Genocchi http://arcadiapc.megablog.it/ (online il bando completo) www.piacenzajazzfest.it - Circolo ArciComics Il Senso delle Nuvole - Arcadia.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 15/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Concorsi

Uderzo contro l'editore Hachette!?

pupazzi Asterix - photo Goria - clickMa Uderzo non era d'accordo? Non ha ceduto, come la figlia di Goscinny, la sua quota all'editore Hachette, per giunta con l'autorizzazione a fare nuove storie di Asterix anche dopo la sua morte, come riportato poco tempo fa su afNews? Sì, Albert Uderzo l'ha fatto, ma sua figlia Sylvie, che detiene ancora il 40% della società, no. E, come dice ella stessa, entra nella Resistenza, contro la "manipolazione" voluta dai biechi uomini "dell'industria e della finanza"! Chi vivrà...

 ""Aujourd'hui, j'entre en résistance. Pourquoi ? Parce qu'Astérix est mon frère de papier", écrit Sylvie Uderzo dans une tribune intitulée "Aux lecteurs d'Astérix", publiée mercredi dans le quotiddien français Le Monde..." Full article: AFP-YahooFrance.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 14/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

MoisEditoriale - Carità cristiana VS Danè padani
Carità cristiana VS carità padana by Moise

Anche se -come ricordano gli amici dell'UAAR - "probabilmente Dio non esiste" ci sono situazioni in cui proprio ci dispiace.
Proprio così, perchè ci farebbe piacere assai vedere il Grande Vecchio dell'Antico Testamento, il dio iracondo e terribile tutto diluvi e roveti ardenti, scagliare una belle folgore sulla capoccia dei vertici leghisti!
Questi simpaticoni che, quando fa loro comodo, sbraitano e sbavano a proposito di 'radici cristiane' e, quando si tratterebbe di mostrare un po' di quella stessa carità insegnata dal famoso extracomunitario nazareno, se ne strafregano e vànno avanti con le loro abominevoli iniziative!
"Ehi,hai sentito lassù? Se ci sei batti un colpo! Una folgorina... un fulminuccio... anche solo uno ZOT che trasformi Maroni in una statua di sale! Niente nèh? Vabbèh! Mi sa che hanno proprio ragione quegli scetticoni dell'UAAR!"
Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia
Tag: Maroni, Lega Nord, CEI, carità, extracomunitari, tassa di soggiorno, razzismo, crisi, sfruttamento, poveri cristi

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 14/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Chiude azienda italiana che lavorava per Disney
Alice in Wonderland by Florence for Disney - click for more"Ha chiuso definitivamente a Casole d'Elsa (Siena) la Florence, un'azienda che produceva statuine in maniera artigianale [ne potete vedere una qui accanto e, facendoci click sopra, diverse altre. NdR] e che per anni ha avuto commesse in esclusiva dalla Walt Disney americana..." Articolo completo: AGI.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 14/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-SILF

Arriva Supergulp con la Gazzetta dello Sport
Supergulp 2003 - photo Goria - click"Da venerdì in edicola c'è Supergulp!: in una straordinaria collana di dvd ritorna il mitico programma di cartoni animati degli anni 70. Con tutti i suoi più grandi eroi Nick Carter, uno dei protagonisti di Supergulp! da venerdì in edicola. Mentre sugli anni 70 calavano le prime ombre della sera... Nick Carter e Spider-Man, i Fantastici 4 e Alan Ford, Corto Maltese e Mandrake e tanti altri, supereroi e detective, combinaguai e avventurieri filosofi, furono riuniti per la prima volta in uno straordinario, geniale programma che riscrisse la storia della televisione: Supergulp! I fumetti in tv..." Articolo completo: Gazzetta.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 14/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Recensioni

Un sito per Alberto Giolitti
Alberto GiolittiAlberto Giolitti, uno dei nomi storici del fumetto italiano, ha ora un sito a lui dedicato, con una bibliografia dettagliata, una voce dedicata agli originali (in preparazione al momento), una ricca biografia e altro ancora. Se ne occupa il suo amico e collega Angelo R. Todaro. Lo si trova all'url www.albertogiolitti.com.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 14/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Galileo Galilei a fumetti

Nell'ambito dei festeggiamenti per l'anno internazionale dell'astronomia, a quattrocento anni dall'utilizzo del cannocchiale per fini astronomici avviato da Galileo Galieli, ci viene segnalato da Mauro Bianchini (Redattore Toscana Notizie Agenzia di Informazione della Giunta Regionale Toscana) che ci sarà anche un fumetto ad hoc. Per presentare il programma di iniziative è stata organizzata una conferenza stampa a Roma, nella sala della Stampa Estera, giovedì 15 gennaio 2009 alle ore 12.30.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 14/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Scoop: Taniguchi adora Vittorio Giardino tanto da...

La notizia sta facendo rapidamente il giro del web. L'osannato autore giapponese Jiro Taniguchi, uno dei grandi del manga, si può dire adorasse talmente l'opera del nostro Vittorio Giardino da dedicarsi con cura maniacale a copiare, anzi, a rendere omaggio all'autore italiano, riproducendo vignette su vignette tratte dalla serie Sam Pezzo, nel suo fumetto Le chien Blanco. Il blooper è stato "catturato" dal blog Danslabulle e lo potete vedere facendo click qui. Le ipotesi, nella francofonia, si sprecano, ma noi sappiamo per certo che Giardino, che non usa copiare da fotografie per il suo lavoro (per cui è scartata quella che i due autori avessero usato le stesse fonti iconografiche), è sicuramente l'autore originario di tutti quei disegni (le vignette copiate - pardòn, omaggiate - fin qui rilevate sono alle pagine 80, 93, 95, 125, 126, 127, 151, 152, 153, 155, 177, del volume 1 dell'edizione Casterman). Le avventure di Sam Pezzo terminano nel 1982, mentre l'albo giapponese di Taniguchi è stato realizzato nel 1990. Era comunque noto che Taniguchi avesse una enorme ammirazione per il fumetto europeo, che, secondo le fonti, ha studiato e approfondito. Ma la "scoperta" di Danslabulle evidenzia un apprezzamento particolare per il bravissimo Giardino e la cosa non può che farci piacere.

 In the blog Dans la bulle by Elouarn Blade, you can discover that the great mangaka Taniguchi loved so much Sam Pezzo by the Italian creator Vittorio Giardino, to... well, go there, just click here, and see with your eyes. The novel by Taniguchi, Le chien Blanco, was created in 1990. Sam Pezzo by Vittorio Giardino started in 1979 and lasted in 1982 and is not based on photos.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 13/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Blob

GBaby si rinnova con i Cuccioli et al.

Gbaby con i Cuccioli - click per ingrandire"GBaby, il mensile dei Periodici San Paolo rivolto ai piccoli in età prescolare, si rinnova totalmente con il nuovo anno. Pur mantenendo le sue caratteristiche di leggerezza e fruibilità adatte a questa delicata fascia di lettori, ha deciso nuovi ingressi di personaggi e argomenti che ne facciano sempre più strumento di un serio ma divertente progetto educativo utile ai genitori, agli insegnanti, a quanti operano a contatto con i bimbi dai 3 ai 6 anni." Così l'incipit del comunicato stampa con cui i Periodici San Paolo annunciano alla stampa il "nuovo corso" della testata cattolica. "Con il nuovo G Baby ripresentiamo un progetto educativo forte e divertente", dice Stefano Gorla, direttore del mensile e dell'intera area ragazzi dei Periodici San Paolo. "Al nuovo GBaby abbiamo chiamato a collaborare professionisti affermati, come i fratelli Francesco e Sergio Manfio del Gruppo Alcuni, e giovani collaboratori, che condividono con noi l'ambizione di un progetto che, proprio perchè si rivolge a una fascia di pubblico così particolare come i bambini in età prescolare, ha bisogno di grande fantasia e grande competenza". Gorla è ben noto nel comicdom italiano che salutò con speranza il suo avvento alla direzione de Il Giornalino. Ora mette mano, come suo compito, anche alla testata rivolta ai più piccoli e i segnali che offre sono interessanti. Segnaliamo in particolare la collaborazione con il Gruppo Alcuni e i loro Cuccioli. "Il coniglio Cilindro, la papera Diva, Olly la gattina, il pulcino Senzanome, Pio il ranocchio e il cane Portatile, protagonisti della serie di successo del gruppo Alcuni, compaiono per la prima volta a fumetti, disegnati appositamente per GBaby. Saranno presenti in ogni numero con 4 pagine di fumetti e in altre pagine di giochi." Inoltre una serie di nuovi fumetti come con Kino la talpa, Camilla la gallina viaggiatrice che girando il mondo scopre diversi animali e li presenta ai lettori, cui seguiranno l'asino Gaetano e Bruno il maialino vietnamita. "A realizzarli appositamente per GBaby sono stati chiamati noti disegnatori e sceneggiatori italiani: Antonio Vincenti, Mirella Mariani, Luca Usai, Sergio Rossi, Antonella Pandini e Fabrizio Lo Bianco." Proseguiranno le storie di Topo Gigio disegnate da Clod e torneranno i Puffi. oltre a una quantità di rubriche di vario genere, per genitori e figli. Info: ufficiostampa@stpauls.it - www.stpauls.it/gbaby/

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 13/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Recensioni

Vignette AntiBufala - Google Tea party
GoogleTea party by Moise
Un Fisico di Boston dice: due Googlate inquinano come farsi un bollitore di té!
Altro bell'esempio di viscidume mediatico-informatico nonchè di 'bufala' comunicativa...
Un bel senso di colpa pseudo-ecologista per chiunque usi Google: attenzione chè ogni 'googolata' consuma tanto CO2 quanto un bollitore elettrico per il tè!!!
E con questo sublime terrorismo 'passa' il messaggio: 'ma perchè ti affanni a informarti, documentarti, curiosare nel mondo, caro figliuolo? Contentati delle verità rivelate che ti arrivano dall'alto, seppellisci la tua iniziativa e il libero pensiero... così salverai l'ambiente!
Bella roba! peccato che, come replica il nostro Detective AntiBufala anche solo respirando, produciamo ogni giorno tanta CO2 quanto un centinaio di Googolate!
E poi, che cavolo di unità di paragone è 'un bollitore elettrico per il tè'? Comunque, cari internauti, le soluzioni ci sono: A) bere solo caffè! B) Googolare in apnea C)Scaldare il tè poggiando il bollitore sul monitor del computer!
Cin Cin! Moise
Riferimento AntiBufala QUA
Tag: AntiBufala, tè, Google, bollitore, ecologia, informazione

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Martedì, 13/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Il mestiere del colorista: intervista a Valentina Grassini

mani di colorista - Barbara Canepa photo di gianfrancogoria"In Francia molti lavorano ancora così e i clienti comprano questi fumetti per avere una opera d’arte. In Italia invece si usa collezionare, avere più numeri e meno qualità. Photoshop sta mandando in soffitta i barattoli di colore, anche perché per colorare una tavola oggi le case editrici pagano meno di 120 euro. E così tutti gli ..." Articolo completo: Panorama.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 13/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Dati

MoisEditoriale - Ateismo... al pesto!

Ateismo al pesto! by Moise
Notevolissima iniziativa nella mia città natale!Il.
Chissà se Bagnascus e Ratzinga hanno già preparato il curriculum per l'ufficio di collocamento? Un applauso ai rimarchevoli membri dell'UAAR per il coraggio con cui si battono a favore del libero pensiero!
Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia
Tag: UAAR, ateismo, Genova, libero pensiero, autobus, scienza, libertà, religione, credulità, fanatismo

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Martedì, 13/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Monster Allergy: ancora animazione italiana
L'articolo di Scaringi sull'animazione italiana ha stimolato la segnalazione di una piccola anteprima reperibile su Youtube. Si tratta della nuova serie di Monster Allergy, apparsa in Francia poco prima di Natale e su Disney Channel Asia (il canale copre Giappone, Corea,Filippine e Singapore). Qui di seguito la sigla francese e la sigla inglese (ma cercando su Youtube ci sono anche 3/4 puntate della nuova serie). I 26 episodi di Monster Allergy 2 arriveranno in Italia in autunno, su Rai 2 (anche questa è una produzione Rainbow e sarà la terza del 2009, dopo Huntik
e Winx Club 4).

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 12/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Cinema

Un futuro per il cinema d'animazione italiano
locandina film at afnewsIn una recente intervista, Bruno Bozzetto - 70 anni pieni di vitalità e creatività - ha detto che il cinema d’animazione non deve essere riservato solo ai giovanissimi, ma può essere anche e soprattutto un efficace strumento di divulgazione. Quasi a conferma di queste giuste osservazioni, è arrivata l’assegnazione del Golden Globe - quasi un’anteprima degli Oscar - al film animato Valzer con Bashir dell’israeliano Ari Folman, che narra un aspetto della guerra in Libano dei primi anni Ottanta. Il film è uscito anche in Italia e la sua versione a fumetti è stata pubblicata dalla Rizzoli-Lizard. Scorrendo gli incassi del periodo delle ultime festività, si scopre che al secondo posto, dietro il solito cinepanettone disimpegnato, c’è Madagascar 2, mentre in ottava posizione figura Spirit, che Frank Miller ha tratto dalle storie disegnate da Will Eisner. Con un po’ d’ottimismo, si potrebbe dire che si sta aprendo un periodo positivo per il cinema legato all'animazione e ai fumetti, come dimostrano del resto i molti kolossal americani dedicati ai vari supereroi. Ma anche in Italia qualcosa si sta muovendo, pur se l’animazione resta sempre un prodotto di nicchia, spesso ghettizzato in orari assurdi, o quasi, da tutte le televisioni e I Cuccioli - (c) Gruppo Alcuni - click per vederne un altro!trascurato dai circuiti cinematografici. Ma l’impegno, le fatiche e il coraggio di pochi gruppi quasi artigianali permettono di guardare con fiducia al futuro. Dopo il successo della Gabbianella e il gatto, Enzo D'Alò sta lavorando a una serie TV con protagonisti gli animali del bosco (Pipì, Pupù E Rosmarina, in onda prossimamente su Rai Tre) e a un film (Pinocchio con i disegni di Lorenzo Mattotti e musiche di Lucio Dalla), i fratelli Manfio saranno presenti nel mercato natalizio del 2009 con i Cuccioli, film in 3-D per grandi e piccoli, mentre Igino Straffi, dopo il successo di Winx, propone una serie dedicata ai maschietti, intitolata Huntix e ambientata nel mondo dell’archeologia. Se Bruno Bozzetto vuole far rinascere i suoi antichi personaggi Supervip e Minivip, Romano Garofalo - sceneggiatore di lungo corso, ideatore negli anni Settanta di Jonny Logan e poi di Mostralfonso - sta realizzando, con Marzio Lucchesi e altri Jonny Logan a Supergulp - photo Goria - clickdisegnatori, come Franco Luini e Angelo Beretta, un gruppo di cortometraggi che in pochi minuti raccontano tra l’altro le storie di un vecchio quartiere di periferia dove s’incontrano il Bidone della spazzatura, il Segnale stradale, il Lampione, la Scopa, un Vecchio Albero, il Semaforo e così via, che si scontrano poi con Mr. Smog che cerca di avvolgere il quartiere con la sua nera cappa. L’assunto ecologico si unisce con disegni semplici e talora caricaturali, analoghi a quelli di altri cicli dedicati, dagli stessi autori, a personaggi di oggi - dal tifoso al prete, al vigile ecc. - e ad altri chiaramente umoristici, da Sauro il dinosauro al Barone von Strip, il tutto sempre raccontato con un pizzico di comicità e anche con ironia. [Carlo Scaringi]

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 12/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Scaringi

Ottant'anni di pugni e spinaci
Popeye su Linus - photo Goria - clickBraccio di Ferro è nato, già anziano e arrabbiato, giovedì 17 gennaio 1929 sulle pagine del New York Evening Standard, e ha avuto il potere di far arricchire il padre (l’umorista e disegnatore americano Elzie Crisler Segar) e quanti successivamente ne hanno narrato le avventure sulla carta stampata e in decine di cortometraggi animati. Ma quelli che più gli sono stati riconoscenti, sono stati i produttori di spinaci, che gli hanno eretto un monumento - non metaforico: a Crystal City nel Texas esiste davvero [eretta il 26 marzo 1937, NdR] - in segno di sincera gratitudine per l’impulso dato alla vendita di questo ortaggio, indispensabile per rafforzare i muscoli di questo eroe di carta. Sono ormai decenni che Popeye (questo il suo nome originale) riempie di pugni quanti gli fanno saltare la mosca al naso, un lungo arco di tempo che ormai pesa, non solo anagraficamente, sulla qualità delle sue avventure che dopo la scomparsa del suo autore, morto ancora giovane nel 1938, si sono commercializzate perché l’erede di Segar, quel Bud Sagendorf che ha Popeye nei francobolli - USA 1995 - photo Goria - click continuato la striscia, non aveva la fantasia e l’inventiva del primo, per cui le storie, divenute più prevedibili, hanno perso molto della carica polemica e Popeye è diventato un marinaio sempre più astioso e rissoso, privo di quella carica di umanità e di ribellione contro tutto il mondo che aveva nei primi anni Trenta, quando si scontrava con i nemici di sempre, da Brutus (o Bluto, secondo la versione originale), la Strega dei Mari o le dispettose Arpie. Sia nelle strisce che nei cortometraggi animati, prodotti per lo dai fratelli Fleischer, a quell’epoca rivali e concorrenti di Walt Disney, Braccio di Ferro non è mai solo: lo accompagnano, lo aiutano, spesso lo ostacolano o lo infastidiscono, Olivia, segaligna e insopportabile, eterna fidanzata e simbolo esasperato del Olive Oyl in una pubblicità - photo Goria - clickmatriarcato americano, Poldo, parassita sbafatore, ingordo personaggio negativo, messo lì per far meglio risaltare le qualità positive di Popeye, e il padre del nostro eroe, Braccio di Legno, 99 anni, rozzo e selvaggio, simbolo vivente del passato e della “vecchia frontiera”. Sono tre personaggi di contorno (ma ce ne sono altri, come il piccolo Pisellino o il Gip, strano quadrupede con magici poteri, fra cui quello dell’invisibilità e di dire sempre la verità) che danno alle storie una dimensione completa e costituiscono una sorta di piedistallo su cui si assiede trionfante Braccio di Ferro, che forse ha spesso combattuto contro i mulini a vento, ma anche contro i fantasmi della “grande depressione” del 1929. [Carlo Scaringi]

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 12/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Scaringi

Professionisti del fumetto all'appello!
Dizionario 2009La redazione del Dizionario del Fumetto ci invia un nuovo appello, rivolto ai professionisti del comicdom italiano: "Il Dizionario del Nuovo Fumetto Italiano raccoglie e indicizza la biografia (completa di foto e vignetta) di sceneggiatori, disegnatori, matitisti, coloristi, letteristi, capo redattori, editori di comics del passato e del presente di ogni area professionale; dal fumetto d'autore a quello popolare; le autoproduzioni; gli autori che pubblicano solo online e i bloggisti che dibattono di comics sui vari forum. L'obiettivo è stivare nella prima edizione almeno 2500 voci. L'invito a segnalarsi presso la redazione è ancora valido, anzi, affrettatevi: se avete almeno una pubblicazione nel curriculum, sia nel circuito indipendente che in quello ufficiale, scrivete una mail a dizionario@coniglioeditore.it fornendoci: - nome, cognome, eventuale nome d'arte con cui firmate i vostri lavori, luogo e data di nascita - un breve cenno sugli esordi - un breve elenco di pubblicazioni (almeno 5 titoli, specificando sempre anno di pubblicazione, editore, testata) - una vostra foto jpg a 300 dpi, bianco e nero o colore, di almeno 10 cm di lato, in cui sia ben visibile il vostro volto (evitare foto prima infanzia, trucchi Photoshop, maschere, bambini e partners di corredo) - una vignetta o tavola già pubblicata, formato jpg a 300 dpi, di almeno 10 cm di lato, specificandone i riferimenti di pubblicazione."

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 12/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Silvio Berlusconi diventa un Manga?
(c) Marcello ToninelliI lettori stagionati di afNews ricorderanno la storia della vita di Silvio Berlusconi realizzata, qualche anno fa, in perfetto stile Linea Chiara dal bravo Marcello Toninelli, resconto attento, documentato e tagliente degli eventi topici dell'attuale Presidente del Consiglio. Ora ci viene segnalata una nuova iniziativa, stavolta in stile "manga": Caro babbo Natale... mi consenta! "Nasce per gioco da un idea di Enrico Tuttocartoni disegnato dalla magica matita di berlumangaMr. Ouji. Un pò di sana satira per rendero omaggio all'uomo che nel bene o nel male ha scritto la storia degli ultimi 30 anni italiani. Silvio Berlusconi è come la Juventus o si ama o si odia nessuno può dire di non conoscerlo, vi chiederete, perchè un manga? Semplice! Lui ha contribuito con le sue reti televisivi a creare la generazione manga. Questo vuole essere un manga interattivo fatto in rete con l'aiuto della rete. Vedete quella vignetta nera? aiutateci a riempirla mandandoci in chiave satirica scherzosa un' avventura del nostro Cavaliere che vorreste che lui raccontasse. Volete aiutarci a scrivere questa lettera per Babbo Natale? inviateci la vostra storia tramite e-mail!" Trovate immagini e dettagli facendo click qui

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 12/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

MoisEditoriale - Brunettocrazia
Brunettocrazia by Moise
L'ineffabile ministro Brunetta ha deciso che vuole una burocrazia 'come la Ferrari'... E poi sostiene che con il ferrarino si tirerà l'Italia fuori dal pantano della crisi! Ora, io non sono un esperto di auto... distinguo a malapena un volante da uno spinterogeno ma, dovendo tirar fuori qualcuno dalle sabbie mobili, non mi affiderei ad un bolide iperveloce, sberluccicante ultra-fighetto e costosissimo, bensì ad un mezzo più 'plebeo', magari un po' 'rustico' ma capace di movimenti lenti, graduali, possenti... qualcosa che non dia micidiali strattoni a rischio di spezzare in due i poveracci sepolti nel pantano... ma forse anch'io parlo da perfido sindacalista?
Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Domenica, 11/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Raffaelli: 80 anni anche per Braccio di Ferro
Popeye - photo Goria - click per i dettagli"Il 17 gennaio del '29 un personaggio orbo e sdentato ma con due avambracci portentosi apparve con un ruolo minore nella striscia "The Thimble Theater" di Elzie Crisler Segar. Pochi mesi dopo l'esordio, grazie alle pressanti richieste dei lettori Popey assunse il ruolo di protagonista. Per certi tratti quella di Popeye, Braccio di Ferro da noi, assomiglia alla storia di Cenerentola. Perché insegna in modo esemplare come ..." Articolo completo di Luca Raffaelli: Repubblica.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 11/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Fate un bel viaggio con Tintin!
I cultori italiani di Tintin si godono il momento felice (altri ne verranno): si parla del loro fumetto preferito un po' dappertutto, nonostante ben pochi italici compatrioti ne abbiano letto le avventure (non è un caso isolato: tutti in Italia sanno chi sia Corto Maltese, ma quanti ne hanno letta almeno una, delle sue storie?). Bisogna approfittare dell'occasione, tanto più che il personaggio consente collegamenti e richiami di ogni tipo. Ecco, infatti, su La Stampa, l'interessante intervento di Rosalba Graglia nella sezione Viaggi del quotidiano. Vi propone un bel viaggio per visitare il Castello di Moulinsart, quello dove abita il capitano Haddock, compagno di tante avventure di Tintin. O meglio, il castello vero è quello di Cheverny, in Francia, e venne usato come modello da Hergé per realizzare quello che gli sarebbe servito nella storia in cui il capitano scopre, per l'appunto, il castello avito. Nel castello (quello di Cheverny) c'è ora anche un divertente piccolo  museo dedicato alla dimora del capitano e questo inserisce la Loira nel turismo fumettistico. Volete saperne di più? Fate click qui e leggete l'articolo su La Stampa!

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 11/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Tintin

Tintin su l'Unita': e viva il bambino eroico!
Tintin et la mer - photo Goria - clikNon è mancata al suo compito nemmeno l'Unità che, con un bell'articolo di Renato Pallavicini, su due pagine ampiamente illustrate (nella versione cartacea), racconta Tintin e Hergé, e mette alla berlina l'uso scriteriato (spesso interessato) di appioppare stereotipi ai personaggi dei fumetti. Un'altra voce per gli 80 anni di un personaggio che, per quanto poco frequentato nell'Italia del bidé, ha una serie di sostenitori importanti (senza sciocche distinzioni politiche), che anche dalle sue avventure hanno appreso alcuni valori fondanti, come l'amicizia, il sostegno ai più deboli, la lotta all'ingiustizia. Potete leggere l'intervento di Pallavicini facendo click qui.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 10/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Tintin

Herge' - Chronologie numero 6!

(c) Hergé - MoulinsartInvidia, invidia nera, potrebbero provare i fumettisti cui non sono stati dedicati tanti e tali volumi quanti ne sono stati fatti per Hergé! In uscita nel mese di marzo arriva il prossimo, il sesto volume (anzi, volumone: 420 pagine in 5 colori con più di 720 illustrazioni con colori originali, su carta spessa e patinata, centimetri 30x30 per 5 di spessore) della serie Hergé - Chronologie d'une oeuvre, curata dal super esperto Philippe Goddin, in cui viene narrata, con la citata dovizia di immagini oltre che di testi, il periodo di Hergé e della sua opera che va dal 1950 al 1957. Il settimo e ultimo volumone uscirà nell'ottobre del 2010. Un vero e proprio "Museo di Carta", come viene descritto dall'editrice Moulinsart. Un must per i cultori della serie e per gli studiosi del fumetto mondiale.

 "C‘est au mois de mars que paraîtra le sixième volume de Hergé, Chronologie d‘une Oeuvre, le monumental « musée de papier », prévu en sept tomes, par Philippe Goddin..." Full article: Moulinsart.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 10/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Tintin

Palle Huld, predecessore di Tintin

Palle Huld - 1928A chi dicesse che è assurdo pensare a un ragazzino che venga inviato da un giornale in giro per il mondo, pensando così di rendere "improbabile" la trovata con cui parte la prima delle avventure di Tintin nel 1929, ecco l'evidenza dei fatti. Palle Huld, nel 1928 (un anno prima di Tintin) venne inviato da un giornale, il quotidiano danese Politiken, a fare il giro del mondo in 44 giorni, alla Jules Verne, con berretto in testa e in pantaloni da golf (come Tintin, e come molti all'epoca), a soli 15 anni. Oggi ha 96 e se lo ricorda ancora, come potete leggere nell'articolo qui di seguito, anche se Palle non ha mai letto fumetti in vita sua (dice) e quindi non ha visto poi se stesso in Tintin.

 "A 96 ans, le Danois Palle Huld, se souvient comment, en 1928, en culotte de golf et casquette sur la tête, il effectuait seul, à 15 ans, un tour du monde qui allait inspirer au dessinateur Hergé les aventures du plus célèbre héros de la bande dessinée, Tintin. Moins d'un an après le périple de Palle, il y a exactement 80 ans, le 10 janvier 1929, le reporter à la houppe faisait sa première apparition -en route pour l'URSS via Berlin- dans Le petit Vingtième, le supplément hebdomadaire d'un quotidien bruxellois. Le site officiel de Tintin rend hommage à Palle comme "l'ancêtre" du personnage d'Hergé, faisant référence entre autres à une photo de l'adolescent danois sur la Place Rouge en 1928, "portant une large casquette, un ample manteau et des pantalons de golf": le portrait craché de Tintin..." Full article: AFP.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 10/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Tintin

Lunga vita ad Asterix

Asterix nella serie di foto FumettoSuFumettoMentre Tintin festeggia i suoi 80 anni senza avere ancora (per ora) la possibilità di vivere nuove avventure, Asterix, come i suoi colleghi Blake e Mortimer, Lucky Luke, Topolino e soci, potrà continuare a vivere anche dopo la scomparsa del suo papà Uderzo. Così ha deciso il disegnatore, così ha deciso anche l'erede dello sceneggiatore Goscinny. Lunga vita ad Asterix, allora!

 "Albert Uderzo, le dessinateur d'Astérix aujourd'hui âgé de 81 ans, a cédé au groupe Hachette Livre l'autorisation de poursuivre après sa disparition la série des aventures du célèbre guerrier gaulois, a-t-on appris vendredi auprès des éditions Albert-René..." Full article: AFP.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 10/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Tintin: oggi 80 anni di successo ininterotto

le avventure di TintinCe l'ha fatta. 80 anni di ininterrotto successo (nonostante il blocco alla realizzazione di nuove storie da parte di chi ne gestisce i diritti di autore) per il giovanissimo Tintin, conditi, in questo 2009, non solo dai numerosi festeggiamenti per la veneranda età raggiunta, ma anche dal film in preparazione diretto da Spielberg, che lo porterà nell'Olimpo di Holywood, e dal Museo, faraonico, realizzato da uno dei più famosi architetti francesi, dedicato al suo creatore Hergé. Ottanta anni che hanno procurato anche, inevitabilmente, invidie, polemiche e accuse (più o meno motivate) di vario genere, a partire dal primo Tintin e Milou sulla Lunadopoguerra, accompagnandone costantemente il sempre crescente successo mondiale (la parziale ignoranza del pubblico italiano, invece, ha le sue specifiche motivazioni storiche) e la sua maturazione. Così come non manca la regolare e periodica uscita di sciocchezze su di lui, il cui solo scopo evidente appare quello di cavalcare l'enorme popolarità del personaggio. Oggi sui giornali generalisti troverete naturalmente citati i milioni di milioni di euro che la serie di 24 avventure, di cui una incompiuta (e l'infinità di prodotti collaterali), ha prodotto (e continua a produrre). Ma qui su afNews mi posso permettere di non considerare i soldi che la serie produce e mettere in evidenza, invece, il valore letterario, che è decisamente maggiore. Quando nel 1929 quel volpone dell'Abate Wallez convinse il ventuduenne Georges Remi (in arte Hergé) a trasformare il suo precedente personaggio creato per i boy scout, Totor, in un giornalista appena adolescente (per facilitare Hergé De Moor Martin ecc.l'immedesimazione dei giovanissimi lettori de Le Petit Vingtiéme, che lo avrebbero conosciuto in partenza per la sua prima avventura il 10 gennaio dello stesso anno), Tintin, mai si sarebbe potuto immaginare che quella sarebbe diventata un'opera letteraria di portata mondiale. Già l'apprezzamento crescente delle sue storie ha lasciato perplesso e incredulo Hergé per anni. Eppure è andata così. Di come quest'opera avesse uno spessore inimmaginabile mi sono reso conto personalmente (pur essendo considerato, nel mio una infinitesimale frazione della saggistica prodotta su Tintinpiccolo, un "esperto di Hergé e Tintin"), quando ho affrontato la nuova traduzione di alcuni albi della serie. Frase per frase, vignetta per vignetta, un mare di cose su cose, riferimenti letterari storici culturali antropologici, elementi grafici e narrativi, collegamenti incrociati, particolarità linguistiche persino in quel che a prima vista poteva sembrare una banale trovata umoristica, tutto e di più veniva alla luce man mano che passavo da una pagina all'altra, pagine che avevo già letto, per puro piacere personale, un mare di volte. E chissà quanto altro piccolissimo frammento del mare di volumi scritti su Hergé e Tintinaltro ancora mi è sfuggito e salterà fuori nei miei prossimi passaggi su quelle storie. Una invidiabile, straripante quantità di saggi sul suo lavoro (tanto da far dire che nemmeno su Disney è stato scritto altrettanto) è stata riversata nelle librerie e nelle Università, da illustri professori ed eminenti studiosi (non solo della francofonia) che ne hanno esaminato (e non hanno certo finito di farlo) persino singole vignette, singole frasi, singole parole e immagini, con un lavoro certosino che trova confronto solo immagini usate per la conferenza su Hergé - click per vederlenelle dotte analisi che vengono normalmente fatte sui capolavori della letteratura mondiale come la Divina Commedia. Il tutto condito da un successo apparentemente senza fine, che vede le avventure di Tintin tramandate di generazione in generazione, senza interruzione, lette, nella francofonia (e non solo) più di quanto Pinocchio lo sia da noi. Successo mondiale, culturale e popolare insieme, di un'opera per bambini. E a fumetti, per giunta!

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 10/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Tintin

Potete seguire Angouleme via webTV

Una webTV segue il Festival di Angouleme, passo passo. Così da dare, anche a chi non può esserci fisicamente, la possibilità di seguire gli eventi, le interviste ecc. Ah, fosse così per ogni festival fumettistico! Vabbe', c'é chi ci arriva e chi no. Intanto ci godiamo questa webTV facendo click qui. La manifestazione non è ancora cominciata, ma già ci sono diversi video da vedere: interviste a Dupuy e Berberian e altri autori e la presentazione del programma 2009. Poi arriveranno gli eventi del festival ele fotografie, dvoe potrete cercare amici, autori, conoscenti, o voi stessi (se siete da quelle parti. Buona visione!

 Are you at the Angouleme festival? No? Don't worry, you can follow it via webTV! Just click here and have fun.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 10/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Festival

MoisEditoriale - La Lega tassa gli ExtraRiccastri
La lega tassa gli extra'riccastri' by Moise
Ora sì che possiamo stare tranquilli! La Lega Nord ha scoperto il modo per superare la famigerata crisi e far piovere nelle casse dello stato (oppure della Mitica Nazione Padana???) fior di quattrini! Come? Ma è elementare, Watson! Imponendo un bel pizzo per il soggiorno a tutta quella pletora, quella legione, quella masnada di riccastri extracomunitari che, con il classico snobismo dei super-miliardari, si ostinano ad ostentare uno stile 'grunge' e a fingere di essere un mucchio di poveracci al limite della sopravvivenza!
Ma quali poveracci! E' notorio - da tutti i fumetti d'avventura -che l'Africa è patria esclusiva di califfi, visir, sultani e petrolieri, l'Europa dell'Est pullula esclusivamente di granduchi, signorotti, conti-vampiri e zarevich e l'Asia è la tana salgariana di mandarini alla Fu-Manchu, signorotti in stile James Brooke e potentissimi Bramini dell'Assam... per non parlare dei fazenderos e degli imperatori Maya dell'america latina...
Massì! fanno proprio bene, i Valorosi Padani a propugnare la tassazione di cotale accozzaglia di milardari debosciati! Meno male che, a governarci, abbiamo queste Menti Superiori!
Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia Tag: Lega Nord, extracomunitari, tassa, razzismo, sopraffazione, crisi, 50 Euro

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Sabato, 10/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Vignetta AntiBufala - Miracoli dello scotch
i miracoli dello scotch by Moise
La Vignetta AntiBufala, di oggi non si riferisce ad una vera e propria Bufala DOC, bensì ad un'applicazione ipertecnologica che si è rivelata indiiesa di fronte ad un vecchissimo trucco...
Roba che già usavano il buon James '007' Bond, il terrore in calzamaglia Diabolik giù giù fino alla sfigatissima Banda Bassotti e allo scalcinatissimo Gruppo TNT ! Insomma, mercè l'occhio acuto dell'immarcescibile Paolo Attivissimo possiamo dire: Tecnologia 0 - Arte di arrangiarsi 1 !
Riferimento 'DisInformatico' QUA

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 9/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Tintin in prima pagina sull'Osservatore Romano

Osservatore Romano e TintinDa La Stampa con Tiberga (che chiude il suo intervento con buon senso "Ci mancava solo Tintin. Non è un insulto ["gay", NdR], per carità, ma che senso ha?", all'Osservatore Romano. La storica testata del Vaticano, oggi, come vedete qui accanto (click per ingrandire), con un articolo di Monica Mondo, interviene sulla vicenda "lanciata" dal Times e la definisce, con altrettanto buon senso, una "insulsa polemica" (potete leggere una sintesi dell'articolo facendo click qui, mentre trovate il testo completo facendo click qui). Decisamente inutile e futile, nel caso specifico, in effetti, come quando si cerca di appiccicare a forza una qualsivoglia etichetta politica a Tex Willer, per dire. Con l'occasione il giovanissimo reporter creato da Hergé ha l'onore della prima pagina. Come dicevamo su afNews, per via degli 80 anni di Tintin, della prossima inaugurazione del museo dedicato a Hergé e della lavorazione del film di Spielberg tratto dalle sue avventure, potrebbero non mancare altre uscite di vario genere, a cavalcare l'onda del successo e della "pubblicità derivata". Ma chi conosce il personaggio nella sua "maturità fumettistica", semplicemente farà spallucce.

 Tintin is in the first page of the Osservatore Romano, the Vatican newspaper, as you can see.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 9/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Tintin

Intervista a Milo Manara: la biennale del fumetto
Ferraris, Mollica e Manara - photo Goria - click"Milo Manara "Oltre alle donne sogno la biennale del fumetto" È un mito e non solo del fumetto, Milo Manara, magistrale inventore di graphic novel sospese tra immaginario e realtà lancia il suo ultimo sogno: dare vita alla Biennale del Fumetto a Venezia, città che proprio in questi giorni ospita la sua mostra «Nuovi sogni»..." Articolo completo: ilTempo.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 9/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Interviste

Un libro pericoloso

Santo Alligo Antonio Rubino, i libri illustrati – Torino, Little Nemo Editore, 2008. Cartonato, 240 pagine in nero e a colori.
Questo è un libro bellissimo e pericoloso. È edito dallo Studio Bibliografico Little Nemo di Torino (un marchio che è un programma), ma è opera esclusiva – come dichiara perentoriamente una nota nella pagina davanti al frontespizio – Rubino i libri illustrati - coverdi Santo Alligo. Ciò significa che l’autore, come nella meravigliosa serie dei Pittori di Carta, che ho già segnalato a suo tempo e che ha riscosso un ampio e meritato successo di pubblico e di critica, ha curato il testo, la scelta delle immagini, la stessa impaginazione del volume. Cominciamo da quest’ultima: come si potrebbe fare di meglio? Tutto è impostato alla raffinatezza, dalla carta alle sguardie figurate, alla stampa. Anche la semplice sensazione tattile, sfogliando le pagine in carta patinata pesante, ma non troppo lucida, regala un godimento. La “gabbia” è raffinata ma semplice, senza i virtuosismi inutili, oggi tanto di moda, che vanno sempre a discapito della leggibilità delle illustrazioni; la resa tipografica, sia del nero che della quadricromia, è perfetta. Ma quel che conta di più è il contenuto. Il voluRubino interno 1me è aperto da una bella e a tratti commovente biografia di Antonio Rubino. Seguono saggi sulla fortuna critica del grande illustratore ligure, sulla sua collaborazione al leggendario “Corriere dei Piccoli”, e varie altre interessanti sezioni. Infine un capitolo firmato da Paola Pallottino introduce il corpo centrale del volume, ovvero la bibliografia completa dei libri illustrati da Rubino, da “L’albatro” di Alberto Colantuoni (1905) a “Fiorella” dello stesso Rubino, della fine degli anni Cinquanta: 116 magnifiche ed esaurienti schede, illustratissime (anche con opere inedite) e tutte a colori.Rubino interno 2 Perché Antonio Rubino – i libri illustrati è un volume pericoloso? Perché è un’istigazione a ricercare sul mercato antiquariale tutti questi preziosi libri, in cui il Liberty – stemperato nel Déco – si intreccia ad alcune suggestioni del Futurismo, come nel caso dei libri-oggetto che tanto ricordano Fortunato Depero. Un modo straordinariamente appagante per liberarsi del proprio denaro, comunque. E, volendo, si può cominciare proprio acquistando la preziosissima edizione in soli trenta esemplari numerati e firmati dall’autore, in un cofanetto arricchito oltre misura da una china originale di Antonio Rubino!

Articolo di Leonardo Gori (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 9/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-FdT

Tintin gay. Ne parla La Stampa.
Sull'argomento interviene, con arguzia e ulteriori informazioni sulla questione, Guido Tiberga (giornalista esperto di letteratura disegnata) su La Stampa, come potete leggere in dettaglio facendo click qui.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 9/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Tintin

MoisEditoriale - CAI! CAI! CAI!
CAI! CAI! CAI! by Moise
Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia Tag:CAI, air france. lufthansa, bossi, berlusconi, lite, disaccordo, conflitto interessi

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 8/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Tintin: gossip hollywoodiano?

Tintin au pays des SovietsTintin gay? Se questa ennesima trovata artata non l'avesse pubblicata il Times (che potete leggere di seguito), nessun giornale se ne sarebbe occupato. Invece ora (complice il film di Spielberg in preparazione, con protagonista il giovanissimo reporter creato da Hergé, e l'ennesimo anniversario) la "notizia" (meglio, il gossip, manco si parlasse di esseri in carne e ossa, e non di personaggi dei fumetti) fa il giro della carta stampata e arriva tranquillamente anche in Italia, che, pure, Tintin lo frequenta davvero poco (per motivi storici su cui non staremo a dissertare qui, oggi). Come fu per Batman e Robin, per Blake e Mortimer e altri personaggi di carta. Stessa cosa avrebbe potuto dirsi per tutti i Tintin au Congopersonaggi dei fumetti italiani, nati prima della guerra o poco dopo, quando i giornali per bambini evitavano accuratamente di mettere donne nelle storie (di solito d'avventura) e non solo i periodici confessionali (cattolici, nello specifico italiano). Questa è nuova, a dire il vero, ma di trovate del genere su Tintin ne escono con regolarità, da quando Spielberg ha detto che avrebbe fatto ben tre film con Tintin. E tre sono le avventure di Tintin che, fin troppo naturalmente inserite nel complesso contesto storico di quegli anni, hanno prestato il fianco ad accuse di vario genere, sia pure moltissimi anni dopo: (Tintin nel paese dei Soviet, stampato in albo nel 1930, Tintin è Tintin en Amériqueanticomunista; Tintin in Congo, in albo nel 1931, Tintin è colonialista; Tintin in America, in albo nel 1932, Tintin è antiamericano, anzi, meglio, anticapitalista). Non a caso sono le tre avventure realizzate quando Hergé era solo un ragazzotto, e lavorava sotto la direzione e l'influenza diretta dell'Abate Wallez (esponente importante, in Belgio, di un cattolicesimo ultra-conservatore, a voler essere gentili con gli aggettivi), il cui scopo dichiarato era proprio quello di indottrinare i giovanissimi lettori de Le Petit Vingtième e di farlo attraverso i disegni accattivanti del giovane ex boy scout Georges Remi (in arte Hergé). Non appena Hergé riesce a Tintin au Tibetliberarsi dell'ingombrante influenza dell'Abate, le storie cambiamo radicalmente tono, come ben sanno tutti i suoi lettori nella francofonia, e iniziano a esprimere i valori personali di Hergé (oltre che una ben maggiore verve narrativa). Valori che si evolvono, logicamente, insieme all'autore, nel corso degli anni, fino ad arrivare ad abbandonare completamente l'influenza cattolica per portarsi decisamente altrove, mantendo inalterati quelli dell'amicizia, del rispetto, della doverosa lotta contro l'ingiustizia ecc. Ma resta un certo elemento narrativo (identico, come si diceva, a quello dei coevi fumetti italiani e non solo) che non prevedeva, nelle storie d'avventura per bambini, Tintin et l'Alp Artpresenze femminili di rilievo. Oggi le cose vanno diversamente, e anche Hergé, se avesse potuto continuare la sua opera, avrebbe sicuramente fatto evolvere anche la serie, con naturalezza, come già si intravide nell'ultima avventura, incompiuta, Tintin et l'Alph Art. Tutto il resto, compresa questa ultima, sono solo "trovate" che non hanno nulla a che vedere con una seria analisi dell'opera di Hergé, e, anzi, hanno di solito motivazioni molto più banalmente "mediatiche". Da far scorrere con un sorriso e via, come potremmo immaginare avrebbe fatto, sportivamente, Tintin.

 "Of course Tintin's gay. Ask Snowy His adventures have sold more than 200 million copies and been translated into 50 languages, and this weekend he celebrates his 80th birthday. But how well do we really know Tintin? One thing's for certain... " Full article: Timesonline.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 8/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Tintin

L'infanzia di Asterix e Obelix su cartonato

L'album Comment Obélix est tombé dans la marmite du druide quand il était petit: nouvelle édition, nouvelle couvertureCome mai Obelix è incredibilmente forte, ma non ha bisogno di bere la pozione del druido, ad ifferenza di tutti gli altri abitanti del villaggio di Asterix? Lo sanno tutti: perché è caduto nella marmitta della pozione quando era bambino. Il racconto di quell'episodio topico della saga francese più famosa al mondo, era stato svelato qualche anno fa, in un volumetto dal titolo chiarificatore: Comment Obélix est tombé dans la marmite du druide quand il était petit. In tre tavole, nel lontano 20 maggio 1965, su Pilote 291, René Goscinny e Albert Uderzo avevano raccontato in estrema sintesi, il fatto, poi sviluppato con maggior cura nel 1989, da Uderzo, nel volumetto citato, con bellissimi acquerelli. A venti anni di distanza, Uderzo ripropone l'albo, con una nuova bellissima copertina che illustra l'attimo prima della storica caduta e altre chicche (come la matita della scena), che potete trovare descritte in un apposito piccolo sito, facendo click sulla copertina qui accanto. Buon divertimento!

 "Le plus grand mystère de l'univers d'Astérix est révélé : Albert Uderzo offre à Comment Obélix est tombé dans la marmite du druide quand il était petit une nouvelle couverture qui fera date!..." Full article: asterix.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 8/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Recensioni

Concorso: San Paolo a tua immagine
Locandina-concorso-Fumetto at afnewsRiceviamo: "Il Centro Culturale San Paolo Onlus di Vicenza, in collaborazione con la Dalì Comics School e con la straordinaria partecipazione di Claudio Villa e del Direttore del Giornalino come Presidenti di Giuria, bandiscono il 1° Concorso Nazionale  di Fumetto e Grafica "San Paolo a tua immagine", per avvicinare i ragazzi alla figura di San Paolo attraverso il linguaggio del Fumetto. Il Bando con la descrizione dei premi è scaricabile dal sito www.dalicomics.it"

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 8/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Concorsi

Jim Capobianco spiega come si fa un cartoon

Jim CapobiancoCartoonBrew segnala una serie di preziosi interventi dell'animatore Jim Capobianco della Pixar, in cui racconta della produzione di leonardo, un suo corto. Le sue note sono approfondite e interessanti per chiunque lavori nel settore, oltre che, naturalmente, per chi sia curioso di scoprire di più del percorso produttivo e creativo di un cartone animato. Click l'immagine qui accanto per andare al blog di Capobianco, dove troverete gli articoli indicati dal titolo "10 things I've learned in making a short film".

 "Jim Capobianco, Pixar story artist and director of the short Your Friend the Rat, is nearing the end of production on Leonardo, a personal short of his own. He’s been documenting the production on a production blog at leoanimation.blogspot.com. Last week Jim started a series of blog posts called 10 things I’ve learned in making a short film..." Full article: CartoonBrew.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 8/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

P. Craig Russel su PRC-TV

click for the videoSu PRC-TV P. Craig Russel spiega il racconto grafico e l'arte sequenziale. In video, naturalmente. Click l'immagine qui accanto per vederlo.

 "The first in an all-new series with acclaimed illustrator P. Craig Russell discussing graphic storytelling and sequential art. In the debut installment, he looks at the opening page of his comics adaptation of Pelléas & Mélisande..." Full article and video: lurid.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 8/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Video

Edd Cartier passed away

Edd Cartier - click for the interview at Illustrators Future"L'artista statunitense Edd Cartier, uno dei piu' grandi illustratori nella storia della fantascienza, e' morto nella sua casa di Ramsey, nel New Jersey, all'eta' di 94 anni. L'annuncio della scomparsa, avvenuta il giorno di Natale, e' stato dato oggi dal figlio Dean al ''New York Times''. A lungo pilastro del pulp magazine ''The Shadow'', Cartier e' stato uno dei disegnatori preferiti da insigni autori della fantascienza come Ron Hubbard, Isaac Asimov, Theodore Sturgeon e Robert A. Heinlein, che spesso sono ..." Articolo completo: IlTempo.

 "Edward D. Cartier, whose illustrations graced "The Shadow" and numerous other science fiction and mystery publications in a career that spanned several decades, has died at 94..." Full article: NJ.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 8/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-rip

Algozzino legge De André a Genova
Fabriuzio De André by Sergio Algozzino at afnewsTra le tante inziative per il decennale della scomparsa di Fabrizio De André... Andrea Piccardo ci segnala che venerdì 9 Gennaio 2009, alle ore 21:00 (al Teatro Altrove, Piazzetta Cambiaso, Genova) il CIV della Maddalena organizza un reading del fumetto a lui dedicato da Sergio Algozzino. "Durante il Reading, Fabrizio Ugas, Federico Bagnasco e Daviano Rotella accompagneranno il Maestro con brani a tema. L'iniziativa proseguirà Sabato 10, in un momento di Dedicaces nella Fumetteria di Via Fiasella, Comics Corner alle 15.30". Info: ilbellodellamaddalena.blogspot.com  

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 8/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Un film con Hugo Pratt e i suoi disegni?
Corto Maltese - photo Goria - clickHugo Pratt attore, a colori, giovane e bello. Insomma, grosso modo. Ma in che film? E ci sono anche dei disegni suoi, nel film? Interpreta la parte di un anarchico durante il fascismo. Storia e sceneggiatura sono di Oreste del Buono (fu direttore di Linus, ai tempi d'oro della testata, ricordate?). C'è Paolo Villaggio. Volete saperne di più, e magari scoprire come vederlo? Fate click qui e Luca Boschi nel suo blog vi racconterà tutto per filo e per segno.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 8/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Concorso INAIL per fumettiste: in scadenza
Il concorso INAIL per donne fumettiste è in scadenza. "Le opere dovranno essere presentate entro il 20 gennaio 2009, presso la Sede Inali di Perugia, via Pontani 12. Promotori della manifestazione sono l’Inail, l’Anmil, la Provincia di Perugia e di Terni, le Consigliere provinciali di Parità di Perugia e Terni, il Comune di Perugia e di Terni, l’Universita’ degli Studi di Perugia, Facoltà di Scienze della Formazione, la Biblioteca delle Nuvole di Perugia. 6000 euro di montepremi. Le vincitrici del concorso, per entrambe le sezioni, riceveranno in premio un assegno rispettivamente di: 1500 euro per il primo premio, 1000 euro per il secondo premio, 500 euro per il terzo premio. Le opere delle vincitrici e quelle ritenute idonee dalla Commissione verranno, inoltre, pubblicate a cura dell’Inail e diffuse tramite i canali istituzionali dei soggetti organizzatori. Le vincitrici saranno avvisate telefonicamente, con comunicazione personale del risultato ottenuto, e potranno ritirare il premio il giorno della premiazione o successivamente presso gli uffici INAIL, a Perugia, via Pontani 12." Info: www.donneelavoro.itwww.inail.it/umbria

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 8/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Concorsi

Ballata per Fabrizio De Andre'
Tra le tante iniziative legate al decennale dalla scomparsa del poeta Fabrizio De André, Fumetti in Tv ci segnala l'iniziativa Ballata per Fabrizio De Andrè. Un ricordo per Faber in forma di musica, parole e disegni che ha luogo venerdì 9 gennaio 2009 alle 22:00 (Eden Café, via 15 Luglio, Treviso). I "Les Artoys" suonano De Andrè e "BeccoGiallo" rilegge De Andrè. "Una serata a base di musica, parole e disegni, un evento dedicato a De Andrè in occasione della pubblicazione del libro Ballata per Fabrizio De Andrè di Sergio Algozzino (BeccoGiallo). Nel corso della serata si potrà acquistare il libro a fumetti con il 40% di sconto". Info: www.fumettintv.com - www.beccogiallo.it - www.myspace.com/edencaf  

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 8/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Mostra: La Costituzione Illustrata a Bologna
"Ecco la formazione che scenderà in campo il 9 gennaio a Bologna: Lorenzo Mattotti, Tanino Liberatore, Vittorio Giardino, Giuseppe Palumbo, Carlo Ambrosini, Davide Fabbri, Guido Scarambottolo, Paolo Bacilieri, Gabriella Giandelli, Alberto Pagliaro, Michele Benevento, Sergio Ponchione, Daniele Caluri e Marco Corona. Non è la formazione di una squadra di calcio, ma sono i noti disegnatori ed illustratori italiani che hanno preso parte al progetto La Costituzione illustrata, una mostra che ..." Articolo completo: ComicsBlog.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 8/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Mostre

Mercato Fumettistico Italia: ecco i dati parziali

Torre di libriIl 29 dicembre 2008 abbiamo pubblicato su afNews i dati del mercato fumettistico 2008 in Francia. Ora siamo in grado di darvi conto di alcuni dati del mercato fumettistico in Italia, non tanto per fare un impietoso confronto, quanto per fare il punto della situazione. I dati in nostro possesso, per ora, arrivano solo fino al 2005, 2006 e 2007, a seconda dei casi, ma non si dovrebbero discostare un granché quelli fino al 2008. Quanti libri a fumetti sono stati prodotti, anno per anno, dal 2000 in poi (esclusi i non molti fumetti per bambini)? 206 nel 2000, 174 nel 2001, 169 nel 2002, 189 nel 2003, 201 nel 2004, 230 nel 2005 (mentre in Francia ne uscivano circa 4.500 - 4742 nel 2008). Il numero di copie vendute, però, è costantemente sceso, dalle 1.962.000 del 2000 fino alle 959.000 del 2005. Volendo fare un confronto con la produzione libraria per adulti non libria fumetti, nel 2005 sono usciti 49.767 libri per 182.246.000 copie. Insomma, al 2005, i libri a fumetti erano solo lo 0,46% del mercato come titoli, lo 0,53% come copie. Pochino, eh? Come dicevamo nel nostro precedente articolo, in Francia 1 libro comprato su 8 è un fumetto, 1 libro su 5 nelle biblioteche è un fumetto. E' evidente che la distanza con l'Italia è davvero ancora notevole. Pure, da qualche anno, il settore sta cercando di evolvere anche da noi. Il 25 febbraio 2003 uscì il primo del Classici del Fumetto di Repubblica (Una ballata del mare salato di Hugo Pratt): 800.000 copie andarono a ruba. Da allora è uscito di tutto nel formato "serie collaterali" (cioé allegati a quotidiani e periodici), fino alla recentissima libriserie dedicata a Carl Barks, ma le vendite sono naturalmente scese (almeno fino a 80/100.000 copie a titolo, nel 2006/2007). Panini Comics (coi suoi 20 milioni di copie vendute) aveva persino esportato il format all'estero (Belgio, Brasile, Francia, Germania, Grecia, Portogallo e Serbia). Dalle serie generaliste, con autori e generi misti, il settore dei collaterali si è nel frattempo specializzato, come abbiamo visto, cercando di migliorare e perfezionare l'offerta. E man mano diversi titoli a fumetti sono entrati anche nelle classifiche dei titoli più venduti in libreria (Persepolis di Satrapi, Maus di Spiegelman, accanto al sempreverde Schulz coi suoi Peanuts), ma anche in questo libricaso la distanza con la Francia è abissale (Titeuf di Zep con le sue 1.832.000 copie, Blake et Mortimer di Yves Sente e André Juillard con 600.000, Lucky Luke di Laurent Gerra e Achdé con 535.000, Largo Winch di Jean Van Hamme e Philippe Francq con 490.000 ecc.). A supportare il settore in Italia, continuano i collaterali in edicola, che avevano visto 139 uscite nel 2006, in fase di aumento costante. Per il settore delle librerie, ormai i "grandi editori" sono praticamente tutti coinvolti anche nella produzione fumettistica: Guanda, Baldini & Castoldi, Rizzoli, Einaudi, Mondadori, Sperling & Kupfler ecc., a spartisi un mercato che, nel 2005, valeva circa 11 milioni di euro. Per quanto riguarda i "piccoli editori specializzati", questi erano in cima alla classifica, attorno al libri2007: Free Books, Alessandro, BD, Kappa Edizioni, Grifo Edizioni, FlashBook, Lizard (recentemente acquista da Rizzoli), Coconino Press, Hazard, Pavesio, Tunué, Black Velvet, Becco Giallo. Ma con cataloghi che nel 2006 non superavano in nessun caso i 300 titoli (267 era il massimo, 52 il minimo), con un massimo di novità nell'anno tra 47 e 1 e un prezzo medio a titolo tra i 9,90 euro e i 20,60. E non staremo qui a fare confronti con l'editoria fumettistica d'oltralpe, almeno per questa volta. Tutto ciò detto basandoci sul prezioso Rapporto sullo stato dell'editoria in Italia, 2008, curato dall'Ufficio Studi dell'AIE (Associazione Italiana Editori).

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 7/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Dati

Valzer con Bashir - film e fumetto: ne parla Ari Folman
VALZERconBASHIRcover - click per ingrandireIntervista ad Ari Folman, regista del film in animazione Valzer con Bashir (di cui abbiamo recentemente parlato su afNews) e autore dell'omonimo fumetto insieme a David PolonskyHai dato inizio a questo progetto avendo già in mente di realizzare un documentario animato? Sì, certo. Ho sempre pensato a VALZER CON BASHIR come ad un documentario da realizzare in animazione. Per alcuni anni ho avuto in mente l’idea base del film ma non ero affatto contento all’idea di realizzarlo come un documentario in real life. Cosa ne sarebbe venuto fuori? Un uomo di mezza età intervistato davanti ad uno sfondo scuro, che racconta storie accadute 25 anni fa, senza immagini di archivio a documentarle. Sarebbe stato noiossisimo! Allora mi è venuto in mente che avrebbe dovuto essere prodotto esclusivamente con l’animazione, usando disegni di fantasia. La guerra è molto surreale e la memoria gioca talmente tanti scherzi che ho ritenuto fosse meglio mostrare il viaggio della memoria con l’aiuto di grandi illustratori. Cosa è venuto prima, il desiderio di fare un documentario o il desiderio di fare un film in animazione? E’ sempre stata mia intenzione fare un documentario animato. Dato che avevo già girato molti documentari era davvero stimolante l’idea di farne uno in animazione. Ho fatto un esperimento nella mia serie di documentari per la televisione THE MATERIAL THAT LOVE IS MADE OF. Ciascun episodio si apriva con una sequenza animata di tre minuti che introduceva alcuni scienziati che discutevano di “scienza dell’amore”. scheda_bashir_Pagina_1 di afnewsErano semplici animazioni in Flash, ma la cosa ha funzionato talmente bene da convincermi che in fondo anche un lungometraggio animato poteva funzionare. Che puoi dirci delle tecniche di animazione usate nel film? VALZER CON BASHIR è stato realizzato prima in real video sulla base di una sceneggiatura di 90 pagine. E’ stato girato in un teatro di posa e montato come un film di 90 minuti. E’ stato poi trasformato in uno storyboard, e quindi disegnato utilizzando 2300 illustrazioni che in seguito sono state animate. La tecnica di animazione è stata inventata dal nostro studio “Bridgit Folman Film Gang”, dal direttore dell’animazione Yoni Goodman. E’ una combinazione di animazione in Flash, animazione tradizionale e 3D. E’ importante per me chiarire che questo film non è stato assolutamente realizzato in rotoscopio, cioè che non abbiamo disegnato o dipinto sulla pellicola girata dal vivo. L’abbiamo ridisegnato da capo, grazie al grande talento dell’art director David Polonsky e dei suoi tre assistenti. Il film si basa su reali esperienze personali? scheda_bashir_Pagina_2 di afnewsLa storia narra la mia esperienza. Racconta quello che ho passato dal momento in cui mi sono reso conto che alcune grosse parti della mia vita erano completamente sparite dalla mia memoria. Ho affrontato un grosso sconvolgimento psicologico durante i quattro anni in cui ho lavorato a VALZER CON BASHIR. Ho scoperto molte cose importanti del mio passato proprio mentre, durante quel periodo, mia moglie ed io mettevamo al mondo tre bambini. Questo ti fa riflettere, ti fa pensare che forse lo stai facendo per i tuoi figli. Quando saranno cresciuti guardare il film potrebbe aiutarli a prendere le decisioni giuste, ossia a non prendere parte a nessuna guerra, di nessun genere. La realizzazione di VALZER CON BASHIR è stata terapeutica per te? Un viaggio per cercare di ricostruire un avvenimento traumatico del passato è come un impegno ad affrontare una lunga terapia. La mia terapia è durata quanto la produzione di VALZER CON BASHIR: quattro anni. La cupa depressione derivante dalle cose scoperte si è poi trasformata in euforia per il fatto che il film venisse finalmente prodotto con un sistema complesso di animazione, e realizzato dalla squadra ad un ritmo più veloce del previsto. Se fossi il tipo che crede al culto della psicoterapia, giurerei che il film ha operato dei miracoli sulla mia personalità. Ma visto quello che ho passato, direi che la parte relativa alla realizzazione del film è stata bella, mentre l’aspetto terapeutico è stato terribile. locandina_film di afnewsTutti gli intervistati sono persone reali che interpretano loro stesse? Sette dei nove intervistati sono persone reali. Sono state intervistate e filmate in un teatro di posa. Per ragioni personali, Boaz (l’amico che sognava i cani) e Carmi (l’amico che vive in Olanda) non hanno voluto apparire nel film, perciò sono stati interpretati da attori. Ma le loro testimonianze sono vere. Altri hanno avuto esperienze analoghe alla tua? Certo. Non sono il solo. Credo che ci siano migliaia di ex soldati israeliani che hanno tenuto i loro ricordi ben sepolti nella memoria. Potrebbero vivere per il resto della vita così, senza che succeda nulla. Ma potrebbe anche accadere che un giorno improvvisamente dentro di loro tutto esploda, e allora potrebbe succedere chissà che cosa. In questo consistono i disordini da stress post-traumatico. Cosa pensi oggi del massacro di Sabra e Shatila? Quello che ho sempre pensato: è la cosa peggiore che un uomo possa fare ad un altro uomo. Quello che è certo è che la milizia cristiana falangista è stata pienamente responsabile del massacro. I soldati israeliani non c’entrano. Per quanto riguarda il governo israeliano, solo chi ne faceva parte sa fino a che punto arrivi la sua responsabilità. Solo loro sanno se erano stati informati o meno in anticipo della violenta vendetta che si stava preparando. Cosa pensi della guerra? Avendo realizzato VALZER CON BASHIR dal punto di vista di un semplice soldato, sono giunto ad una conclusione: la guerra è talmente inutile da non crederci. Non ha niente a che vedere con quello che si vede nei film americani. Niente fascino, niente gloria. Solo dei ragazzi giovanissimi che non vanno da nessuna parte, che sparano a gente che non conoscono, che si fanno sparare da gente che non conoscono, e poi tornano a casa e cercano di dimenticare. Qualche volta ci riescono. Ma la maggior parte delle volte no. [Intervista via RCS/FM: courtesy Lucky Red]

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 7/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Interviste

MoisEditoriale - Tregua a Gaza... Speriamo!

Tregua a Gaza - Speriamo! by Moise
Lo so, non c'è da gridare al miracolo! Ma in fondo in fondo la Pace si fa avanti a piccoli passi e tre ore senza missili e bombe che piovono dal cielo sono sempre meglio che tre ore di morte e distruzione... Forse sono troppo ottimista, tuttavia è anche vero che la morte, l'odio e la distruzione si nutrono di pessimismo, qualunquismo e rassegnazione, per cui cerchiamo di non dare ulteriore cibo ai quattro cavalieri dell'apocalisse, che ne dite?
Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia Tag:Gaza, tregua, speranza, diplomazia

INFO: Ciccate sulla vignetta per ingrandirla!

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Mercoledì, 7/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

MoisEditoriale - Buona Befana!
Buona Befana a tutti by Moise

Il MoisEditoriale di oggi si riferisce al fatto che è la festa della Befana.
Quest'anno mi fa particolarmente piacere parlare della simpatica vecchiaccia, con il suo sacco di carbon dolce, le scarpe tutte rotte e, soprattutto, la proverbiale ramazza!
Se ci pensate bene la Befana è vecchia, brutta, malvestita e rattoppata eppure - perbacco! - è portatrice di una grandissima magia! La Befana non si arrende alle apparenze che la vorrebbero strega e quindi cattiva, non soggiace all'estetica buonista e consumistica di Babbo Natale!
La sua festa è un 'natale in minuscolo' senza regaloni ipertecnologici o cenoni pantagruelici.
E' una festa vera, fatta di calzerotti appesi, risate in famiglia e con gli amici, poche aspettative miracolistiche ma tanta allegria!
Per questo amo così tanto la Befana, perchè è una metafora perfetta della crisi vista come opportunità di cambiamento, di quel coraggio con cui prendiamo coscienza delle difficoltà, delle toppe, delle magagne e del look tutt' altro che perfetto e, invece di piangere e disperarci, ci si rimbocca le maniche e si comincia a ramazzare via un po' di sporcizia, cenere, polvere e marciume...
Per questo amo la Befana, perchè non si limita ad usare la scopa per svolazzare qua e là (quello sa farlo qualunque streghetta) ma la impugna con fermezza e comincia a dar di saggina contro le ragantele del razzismo, i grumi dell'odio, le opache macchie della paura... sempre più a fondo, sempre più energica, fino a raschiar via la crosta cancerosa dell'ignoranza e il soffocante pulviscolo del qualunquismo!
Buona Befana a tutti!

Tag: Befana, Epifania, ramazza, repulisti, rinnovamento, crisi, cambiamento

INFO: Cliccate sul disegno per ingrandirlo

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Martedì, 6/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

Tintin il film: ecco chi interpreta Dupont e Dupond

Tim und Struppi - photo Goria - click per i dettagliNuove indiscrezioni sul cast del Tintin di Spielberg. Saranno Simon Pegg e Nick Frost a interpretare il ruolo dei due buffi poliziotti Dupont e Dupond. Li vedete qui accanto (i Dupondt, non gli attori) in questa foto della collezione FumettoSuFumetto. Click per ingrandirla e scoprire di più, su questa imamgine e su quella, ben diversa, che appare sotto di essa.

 "...It is reported that 'Shaun of the Dead' and 'Hot Fuzz' stars Simon Pegg and Nick Frost have been cast in director Steven Spielberg's upcoming 'Tintin' film..." Full article: RTE.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 6/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Tintin

Tintin e Palle Hult: che rapporto?

Chi era Palle Hult e quale è stato (se c'è stato) il suo rapporto con Tintin? Di quell'adolescente danese, inviato come "reporter" in giro per il mondo dalla rivista Politiken, e del quale si vede, nel volume di Luc Revillon, una foto sulla Piazza Rossa nel 1928 che ricorda molto l'analoga situazione di Tintin (nel 1929), si sapeva poco o nulla. E' forse servito d'esempio a Hergé (o al suo mentore) per creare Tintin? Qualche elemento si trova forse nel volume qui accanto? Nel frattempo potete sentire dalla viva voce di Hergé alcune risposte su diversi aspetti del famoso fumetto di cui Spielberg sta preparando il film: vi basterà far click qui per accedere a una serie di video interviste d'epoca.

 Who was Palle Hult? What about him and Tintin? More about this new-old mystery in the book by Luc Revillon, Carnet de voyages d'un reporter du Petit Vingtième. Just click the image.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 6/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Recensioni

Quando Tintin andò nella Russia dei Soviet

Disegno di Herge per Armstrong inviatogli nel 1969 - (c) Studios Herge
Il fumetto francofono ha sempre sviluppato il filone umoristico, con storie e personaggi che prendono in giro situazioni di luoghi ed epoche remote, dal mondo dell’antica Roma, messo amabilmente alla berlina nella saga di Asterix a quello del classico West di Lucky Luke. Il primo esponente di questo filone è stato il belga Georges Rèmy, che si nascondeva dietro lo pseudonimo di Hergè, e che giusto 80 anni fa ideò quel simpatico e sbarazzino giornalista giramondo, universalmente conosciuto come Tintin. Il suo giovane eroe nacque il 10 gennaio del 1929 sulle pagine del Un giovane Herge - da Tintin and Isupplemento per ragazzi del “Vingtième Siècle”, un quotidiano cattolico di Bruxelles dove Remy, allora giovane, lavorava. Nel corso dei decenni successivi Tintin ha compiuto un vero e proprio giro del mondo, quasi sempre accompagnato dal fido cagnetto Milù. E’ stato perfino sulla Luna (in una storia iniziata sul giornale Tintin il 30 marzo 1950 e terminata sulla rivista nel 1952, la cui prima parte uscì poi in albo nel 1953, quattro anni prima dello Sputnik, e il cui secondo volume, quello con lo sbarco sulla Luna, venne pubblicato in albo nel 1954, 15 anni prima dello storico volo dell'Apollo 11 di Armstrong - NdR). Un giovane Herge col suo giovanissimo Tintin - da Tintin and IIn ogni avventura ha portato sempre un pizzico di buonumore, qualche momento di tensione (il taglio poliziesco, l’intrigo politico o spionistico sono costantemente presenti), e anche, ogni tanto, qualche goccia di sano nazionalismo che secondo qualcuno è forse sfociato, negli anni della seconda guerra mondiale, in una forma di adesione alle teorie naziste. In realtà, scrivendo e disegnando le avventure di Tintin, Hergè ha sempre evitato precise connotazioni politiche, esprimendo invece un netta condanna di tutte le dittature. La storia più politicizzata è stata senza dubbio la prima, che vede il simpatico giornalista partire alla scoperta dell’Unione Sovietica. Raccolta in volume l’anno successivo, Tintin au pays des SovietsTintin nel Paese dei Soviet” non ha mai avuto il successo che avrebbe meritato, con tirature e diffusione sempre limitate. Questa storia, vecchia di ottant’anni, non è solo fonte di divertimento, ma è anche istruttiva sul piano ideologico e storico. Non c’è ancora nessuno dei personaggi fissi che accompagnano Tintin (i poliziotti Dupont e Dupond, il professore Girasole, la soprano Castafiore, ecc.), ma c’è già il cagnetto, che svolge quasi una funzione di “coro” o di voce della coscienza. Qui troviamo Tintin in viaggio alla scoperta del “paradiso” sovietico, e subito braccato dalla Ghepeù e altre polizie, che vogliono impedirgli di raggiungere Mosca e raccontare la verità. Caos, Versions originales des albums Tintin : Les Cigares de pharaon (1932) - Le Lotus bleu (1934) - L'Oreille cassée (1935)file, fame, miseria, repressione, in una parola la dittatura: è quanto incontra quasi ad ogni vignetta il nostro ancora ingenuo eroe, in un viaggio dove non mancano pericoli ed emozioni, accompagnati da pungenti frecciate al regime, che oggi appaiono veritiere e profetiche. La condanna del totalitarismo è netta, come sempre netta è stata, in altre storie ambientate talora in Paesi di fantasia, quella per ogni forma di militarismo, di autoritarismo, di violenza. Tintin, al di là delle riserve ideologiche che possono sussistere sul suo autore, è un moderato – sia quando deve occuparsi dei gioielli della Castafiore o dei militari corrotti di certe repubbliche sudamericane -, un uomo tranquillo, anche se spesso finisce in situazioni movimentate, amante di una vita avventurosa, ma serena e senza scosse, che non gli viene certamente garantita dalla dittatura. [Carlo Scaringi]

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Martedì, 6/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Scaringi

Grandi Mostre e presitigiose inaugurazioni a Bruxelles

Modello del Musée Hergé © Atelier de Portzamparc - clickMentre in Francia si avvicina il Festival di Angouleme, il Belgio parte coi festeggiamenti per il 2009, Anno del Fumetto. Ne parleremo a più riprese. Per ora ricordiamo a chi volesse prenotare per tempo la propria partecipazione, alcuni eventi. Il 22 maggio 2009 si inaugura l'atteso e assai mediatizzato Museo Hergé, a Louvain-laNeuve, in Vallonia. concepito dall'architetto francese Christian Thierry Groensteen di Laurent Melikian - clickde Portzamparc, vedrà diverse sale per la preziosa collezione permanente delle opere di Hergé e altre per le mostre temporanee. La scenografia del museo è stata affidata a un trio d'eccezione: l'esponente della linea chiara Joost Swarte, il super esperto di BD Thierry Groensteen (già direttore del museo del fumetto di Angouleme) e Philippe Goddin, super esperto di Tintin e Hergé. Altri eventi fumettistici avranno luogo a Bruxelles, tra cui: la mostra François Avril à Bruxelles dall'8 maggio al 7 giugno - la mostra L´épopée bruxelloise de Willy Vandersteen al Municipio dal 24 giugno al 27 settembre - l'esposizione Rétrospective Vandersteen dal 16 giugno al 15 novembre alla Maison de la bande dessinée. Del resto (ce n'è ancora un bel po') parleremo più avanti, con la complicità dell'Anonima Fumetti.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 5/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Mostre

Papini su Toffolo e GiPi
GipiToffolo-150.jpgRoberto Davide Papini ha pubblicato ieri sul gruppo QN (La Nazione, Il Giorno, Il Resto del Carlino) un paio di interessanti articoli (che vedete qui accanto) su un paio di autori italiani che fanno parlare di sé anche fuori dei piccoli confini del comicdom nostrano, Davide Toffolo, noto anche per le sue scorribande musicali, e GiPi, recentemente "rilanciato" dalla televisione grazie a Daria Bignardi. Articoli consigliati; click i link per scoprire qualcosina in più.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 5/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Interviste

Blake e Mortimer: la maledizione dei 30 denari

Click per leggere un articolo su questo nuovo episodioQuella creata tanti anni fa da Edgar Pierre Jacobs, la serie di Blake e Mortimer, è un esempio di successo costante, rinnovato a ogni uscita. Almeno per quanto riguarda le vendite, giacché ogni albo rappresenta un vero e proprio "evento" nella francofonia, come sarebbe sicuramente stato anche per Tintin, se gli eredi di Hergé avessero concesso la continuazione della serie con altri autori. Costante il successo di mercato (l'ultimo episodio è uscito, in prima edizione, in 600.000 copie); incostante, per forza, I giornali della francofonia ne parlano da tempo - click per ingrandirequello artistico-letterario, giacché gli autori cambiano e sono umani. Osannati L'Affare Francis Blake e La Macchinazione Voronov, non molto apprezzati i due volumi dei Sarcofagi del Sesto Continente, una via di mezzo per gli altri, i lettori attendono l'uscita de La Maledizione dei Trenta Denari ("quei" trenta denari, proprio quelli, che, in qualche modo, arrivano in Grecia...), sia perché dovrebbe segnare il ritorno alla tradizione fanta-archeologica della serie originale, sia perché il disegnatore (bravissimo, ma poco conosciuto fuori del comicdom), René Sterne è tragicamente morto anzitempo, lasciando in sospeso quindici o venti tavole che sono state terminate, non senza difficoltà, da sua moglie (e colorista) Chantal de Spiegeleer, sia perché i testi sono di uno dei più famosi e apprezzati rene e chantal nell'isola in cui vivevanosceneggiatori della francofonia, Jean Van Hamme, che scrisse anche il tanto apprezzato episodio L'Affare Francis Blake e cui si devono un sacco di titoli di grande successo, veri e propri best-seller (Thorgal, XIII, Largo Winch...). Fin troppo facile profetizzare l'ennesimo enorme successo di vendita. Cosa fumetto teatralizzato - Blake e Mortimer alla Fiera del Libro di Torino - photo Goria - click per i dettagliarriverà poi? Con l'improvvisa scomparsa del talentuoso Sterne nel 2006, il prossimo disegnatore cui verrà affidato l'arduo incarico di proseguire l'opera iniziata da Jacobs nel lontano 1946 (e la seconda parte dell'episodio dei trenta denari) sarà un tal Aubin Fréchon, su cui si sa ancora poco, a parte la sua collaborazione Disney per Winnie the Pooh e altre produzioni BD di scarso rilievo. Ma, vista l'importanza strategica della serie per l'editore Dargaud, possiamo immaginare che sarà sicuramente all'altezza del compito.

 "La Malédiction des Trente Deniers. Vous n'en avez sans doute pas encore entendu parler, mais ce sera l'un des albums évènement de l'année BD 2009..." Full article: LePost.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 5/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-BM

Il Fumettologo e le Dolomiti
Comasine, mia mamma e mia figlia - parte della documentazione utilizzata per la storia a fumetti su Matteotti, scritta da Goria, disegnata da Tisselli - click per i dettagliNon è un segreto (è tutto in linea): sono nato a Brunico - Bruneck in Val Pusteria e mia mamma ha un cognome che non lascia dubbi, Trentini, ed è di Comasine (come la famiglia di Giacomo Matteotti), in Val di Pejo. In qualunque città italiana noi si abbia abitato in tanti anni, e sono state diverse, ogni estate (e spesso anche d'inverno) si era tra quelle montagne, come fosse una ineludibile necessità fisica. Per questo mi ha fatto particolarmente piacere trovarmi (il 3 gennaio 2009 su carta e il 4 nell'edizione web) su Trentino Corriere delle Alpi (Gruppo l'Espresso) in un articolo (Il Fumettologo e le Dolomiti) del giornalista Carlo Martinelli. Lo ringrazio perché, vivendo da molti anni nell'altro arco delle Alpi, a Torino, anche solo questo richiamo giornalistico tridentino (destinato a parlare di fumetto e della nostra piccola agenzia quotidiana afnews.info, come potete leggere voi stessi facendo click qui) mi fa piacevolmente sentire un po' più presente nei miei luoghi natii, tra le mie montagne avite. Grazie, Martinelli, e buon lavoro!

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Lunedì, 5/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-afnews

Intervista a Mattotti, in mostra a Roma e Milano
Lorenzo Mattotti e i suoi colori - photo Goria - click"Lorenzo Mattotti, uno dei più grandi illustratori contemporanei, è in mostra a Roma, presso la Galleria Tricromia fino al 15 gennaio, e a Milano da Nuages fino al 7 febbraio. Espone una nuova serie di immagini dedicate al paesaggio. Lo abbiamo incontrato per una breve intervista..." Articolo completo di Domenico Rosa: Sole24ore.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 4/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Interviste

BilBOlbul vi offre le sue mostre

BilBOlbul ci seegnala che sono ora visitabili le sezioni del sito dedicate a Sergio Toppi e a tutte le altre mostre del Festival: "una mostra antologica, presso il Museo Civico Archeologico, e un convegno in Accademia di Belle Arti, dedicati a un grande maestro del fumetto italiano e internazionale: Sergio Toppi; un'esposizione di tavole tratte dai romanzi a fumetti di Altan (come Franz, Colombo, Casanova...) presso il Museo della Musica; una grande mostra allestita nella Pinacoteca Nazionale dedicata a Charles Burns, tra i grandi maestri del fumetto contemporaneo internazionale; un percorso tra cinema e fumetto, tra vizi e manie dell'essere umano, nell'interpretazione horror e grottesca di Thomas Ott... e molto altro ancora." L'elenco ufficiale delle mostre, con una scheda di presentazione per ogni esposizione, lo trovate su www.bilbolbul.net.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 4/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Mostre

Canicola al premio Ossigeno Italiano
Il progetto Canicola ci segnala di essere tra i finalisti del premio Ossigeno Italiano: "Con il numero speciale della rivista Abitare 45 + 1 Ossigeno Italiano propone un premio all’inventiva in Italia. Un premio che ogni anno promuova le Idee e le soluzioni innovative nei campi dell’architettura, del design, delle arti, della condizione urbana. Canicola, progetto dell’Associazione culturale omonima, è l’unico nell’ambito del fumetto. La prima edizione del premio, che avverrà sulla base dei 45 progetti selezionati nel 2008, prevede un voto che esprima la preferenza sulle pagine virtuali del sito della rivista Abitare: www.abitare.it."  Per chi volesse votare, è possibile fino alle fine del mese di febbraio 2009.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 4/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Va bene: cuneesi al rhum di nuovo a Topolino
uomodimondo.jpgPace fatta tra Topolino (anzi, sostanzialmente, tra lo sceneggiatore Vitaliano che ha recentemente dichiarato, su TargatoCN, "Mi scuso se quella battuta ha offeso qualcuno..." avendo ricevuto notizia del fatto mentre era in vacanza a Praga) e Cuneo, dopo la "gaffe" rilanciata in prima pagina dal TG3 a suo tempo, circa le "Vacanze a Cuneo 2"? Ma certo, ai cuneesi, si sa, non manca lo spirito e il Sindaco di Cuneo, Alberto Valmaggia, ha spiritosamente invitato gli autori della storia Disney "incriminata" a farsi una vacanza a Cuneo, per ammirare i pregi della città e dei suoi abitanti, e in quella occasione (la famosa Adunata degli Uomini di Mondo) consegnerà loro la tessera onoraria di Uomini di Mondo. Mica male, no? Per dinci e poi perbacco!

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 4/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Nuovi Musei del Fumetto in Italia?
Luciano Bottaro al Museo del Fumetto di Angouleme, 2001Italia, Paese dei Musei. Persino di quelli del fumetto. Quando, ormai tanti anni fa, l'Anonima Fumetti di allora si intestardì nel volere almeno un vero grande museo del fumetto in Italia (anche se lo scopo della nota associazione era essenzialmente quello di dare visibilità e riconoscimento culturale agli Autori e al loro lavoro), chi avrebbe pensato che poi ce ne sarebbe stato più d'uno? Che poi siano adeguati, consoni, rispondenti alle esigenze del settore ecc. ecc. ecc. è, ovviamente, un'altra e Franco Fossati al Museo del Fumetto di Angouleme, 1995ben più complessa questione, ma, intanto, l'idea stessa di "Museo del Fumetto" ha preso piede. Forse, però, non è chiaro (agli Amministratori Pubblici, in particolare, ma non solo) di cosa si tratti, cosa dovrebbero essere, a cosa dovrebbero servire, quanto costano, quanto possono rendere se si è investito in qualità, quanti soldi sono buttati via se si è investito solo in apparenza ecc. La spinta, di solito, viene dagli appassionati, da chi opera nel comicdom, com'è naturale che sia. Così, pochi giorni fa ecco le parole del Presidente della Provincia di Roma che, stimolato da una mostra della Scuola Romana del Fumetto, si sarebbe sbilanciato dicendo di voler ospitare una mostra di fumetto nella sede della Provincia, per poi affermare, riportano le fonti giornalistiche, "Vogliamo aprire un Museo del Museo del Fumetto di Angouleme, 2001Fumetto". Sicuramente gli è nota la differenza fra una Galleria e un Museo. Peraltro a Roma, di fare un Museo del Fumetto ne parla da tempo immemore una delle figure storiche del comicdom italico, Rinaldo Traini, ma per ora ancora nulla. Sarà davvero la volta buona per la Capitale e dintorni? Chissà? Intanto ecco che Salerno non vuole certo essere da meno. Ne dà notizia Luca Boschi nel suo blog. Anche in questo caso la richiesta parte dal comicdom locale: gli autori della scuola Museo del Fumetto di Angouleme, 2001salernitana del fumetto spingono per avere un loro Museo, ma chiariscono subito che non pretendono una struttura come quella di Angouleme (che, al momento, in Italia nessun amministratore pubblico sarebbe disposto a concedere, trattandosi di invenstimenti di svariati milioni di euro - anche se, questo tipo di investimento ben fatto, i soldi li potrebbe portare a casa). Si acconterebbero di un "archivio" a memoria e testimonianza del loro lavoro. Verrà loro concesso? Chissà. Ulteriori dettagli li trovate facendo click qui.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Domenica, 4/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

MoisEditoriale - Sillogismo economico-cromatico
Sillogismo economico-cromatico by Moise

Il MoisEditoriale di oggi si riferisce a questa notizia Tag:Tremonti, conti pubblici, rosso, comunisti
INFO: Cliccate sull’immagine per ingrandirla

Articolo di Paolo Moisello (se non altrimenti indicato) - Sabato, 3/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Editoriali

80 anni per Tintin!
06_tintinandi di afnews Tintin di Hergé compie i suoi 80 anni il 10 gennaio, essendo apparso nella sua prima avventura (Tintin nel paese dei Soviet) il 10 gennaio 1929 sulle pagine de Le Petit Vingtième, supplemento per bambini del Vingtième Siècle, giornale ultra-cattolico di Bruxelles. Il famoso personaggio, però, appare già il 4 gennaio 1929, in una vignetta singola che ne preannuncia l'arrivo. Per cui numerosissimi fan di Tintin si trovano a "far festa" due giorni. L'ottantennale assume un significato particolare: Steven Spielberg è al lavoro con la produzione del suo primo film dedicato al fumetto belga e in maggio verrà inaugurato il Museo Hergé, nella cornice dei festeggiamenti dell'Anno del Fumetto a Bruxelles e in Vallonia. Ancora grandi festeggiamenti, quindi, in questo 2009 per Tintin e il suo creatore.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Sabato, 3/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Tintin

1969: 40 anni - e torna Selena di Milani e Battaglia!
Tintin e Milou sulla Luna - photo Goria - click per i dettagliNel 1969 l'Uomo mette piede sulla Luna (ok, come vedete nella foto qui accanto, c'era arrivato prima Tintin coi suoi amici - la storia inizia il 30 marzo 1950 - ma quella era solo narrativa disegnata - peraltro, si sa che Selena di Mino Milani e Dino Battagliaseguendo i sogni si può arrivare lontano...). Nel 1962 i Grandi Mino Milani e Dino Battaglia immaginano una umanità proiettata nello Spazio e danno vita (sempre a fumetti, come vedete qui a sinistra) alla bella avventura spaziale dell'astronave Selena. Quell'avventura è nuovamente disponibile, gratis, sul blog dedicato al Corrierino e potete leggervela tutta, in grande formato e in tutto il suo splendore (grazie al curatore del blog), facendo click qui. Potrete festeggiare così i 40 anni dell'Apollo 11 e apprezzare il finale del racconto, purtroppo ancora del tutto tristemente attuale.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 2/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Gratis le Grandi Strisce della UFS sul web!
comicscom.jpg"Il 2008 chiude con una notizia bomba per la scena delle comic strip. La United Feature Syndicate offre in rete tutto il contenuto degli archivi liberamente. Sino ad ora si potevano vedere gratis solo gli ultimi mesi a distanza di qualche tempo dalla prima uscita sui giornali. Per potere accedere a tutte le strisce occorreva sottoscrivere un abbonamento. La scelta è tra ben 90 serie, tra le quali gioielli classici come B.C., Wizard of Id, Dilbert, Andy Capp, Liberty Meadows, antichità come Li'l Abner (si risale sino al 1934), stelle attuali come Pearls Before Swine. Ubriacante il caso dei Peanuts: ci sono tutti i 50 anni disegnati da Schulz, il che significa 21.010 tavole. Da farsi ..." Da leggere assolutamente in versione completa su: BalloonsBlog.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 2/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Gli anniversari del 2009: 2 - Da Paperino a Mandrake.
francobolli a fumetti - photo Goria - click per i dettagliCome già detto, il 1934 fu una grande stagione per i fumetti, soprattutto americani, con una fioritura di autori e personaggi che toccavano tutti i generi. Ce n’è per tutti i gusti. Chi ama l’ironia può divertirsi con Li’l Abner, il ragazzone scarpe grosse e cervello fino, figlio della tipica provincia contadina americana, inventato da Al Capp che attraverso le vicende degli abitanti di Dogpatch ha narrato la modesta e tranquilla vita degli americani anonimi, talora coinvolti anche in vicende, comprese quelle politiche, più grandi di loro. Chi invece preferisce l’avventura può apprezzare le storie di Mandrake, ideato da Lee Falk e francobolli fumetti 1995 USA - photo Goria - click per i dettagliaffidato al disegno di Phil Davis. Sono racconti che, almeno all’inizio, sembrano sconfinare nell’horror, con il mago in marsina e cilindro alle prese con gorilla, mummie viventi e altri incredibili esseri spesso evocati dal maggior nemico di Mandrake, il Cobra. L’elenco degli eroi di carta nati 75 anni fa è ancora lungo: molti sono ancora in buona salute come Paperino (che ha esordito il 9 giugno di quel felice anno in un cortometrggio animato prima di approdare nei fumetti), altri sono quasi dimenticati come Little King, ovvero il Piccolo Re di Otto Soglow, oppure abilmente sfruttati dall’industria della francobolli a fumetti - photo Goria - click per i dettaglimoda e dal consumismo come Betty Boop, passata dagli stuzzicanti balletti nei film dei fratelli Fleischer alla staticità dei fumetti, prima di sparire nel 1939 uccisa dagli ostacoli a ripetizione dei moralisti da strapazzo. Altri hanno vissuto solo poche stagioni, come il drappello di Radiopattuglia o l’Ispettore Wade che Lyman Anderson aveva tratto dai romanzi di Edgar Wallace, e così via. In questa carrellata incompleta di anniversari, non si possono ignorare altri compleanni, per esempio i 70 anni di Batman, il secondo supereroe della storia, nato un anno dopo Superman, nel maggio del 1939, o gli 80 anni di Tintin, il simpatico giornalista giramondo creato all’inizio del gennaio 1929 da Hergè, o quello di Popeye che Segar cominciò a disegnare stabilmente dal 1929. Non possiamo nemmeno dimenticare i 75 anni della lunga saga di Terry e i pirati che Milton Caniff - altro padre del fumetto americano - ha fatto iniziare come un Moise il Pioniere - photo Goria - click epr i dettagligioco (la ricerca di un tesoro nascosto in Cina) e che nel corso degli anni è diventata quasi una cronaca degli eventi bellici in Oriente. Tra tanti compleanni, diciamo così, stranieri, non mancano quelli italiani, dai 70 anni delle saghe di Virus e di Cuore garibaldino, a quelli di Bobo - il personaggio quasi fisso delle vignette di Staino - e di Pigy, il simpatico angioletto disegnato da Paolo Del Vaglio, risposta cattolica a certe irriverenze della satira di casa nostra. Sessant’anni fa nascevano due personaggi da tempo scomparsi, ma che ebbero un notevole successo, ovvero Pecos Bill, pericoloso concorrente di Tex, e il ciclo di Sciuscià che raccontò a fumetti alcune vicende dell’Italia in guerra viste con gli occhi di un gruppo di scugnizzi Topolino 1949 - photo Goria - click per i dettaglinapoletani. Prima di concludere, torniamo al 1934 per sottolineare come in quell’anno vennero pubblicati in Italia numerosi settimanali, non tutti dalla vita lunga. I più famosi sono stati l’Audace di Lotario Vecchi e l’Avventuroso di Nerbini, che ospitavano il meglio dei fumetti americani. Ma un certo successo ebbero anche il Giovedì dei Ragazzi, Bombolo e Modellina, rivolto soprattutto alle piccole lettrici. Sessant’anni fa, infine, uscirono il Pioniere [che vedete nella foto qui sopra. NdR], ovvero la risposta della sinistra ai tanti settimanali d’ispirazione cattolica e, nel mese di aprile, il primo numero di Topolino nella versione tascabile o a libretto [che vedete nella foto qui accanto, con, sullo sfondo, un altro albo del 1949 di uno dei Grandi del Fumetto Italiano. NdR], che conserva tuttora, con un successo di durata pari solo a quello di Tex, un altro “monumento” del fumetto italiano. [Carlo Scaringi]

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 2/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Scaringi

Si vota per le Migliori Storie di Topolino: in linea!

topovota.jpgSu www.topolino.it si vota per le 5 storie Disney più belle di sempre, tra quelle pubblicate sul settimanale Topolino in questi 60 anni. Un "Comitato di Super Esperti" ne ha selezionate 60, che vengono proposte sul sito 5 a settimana, seguendo la cronologia del settimanale, una per anno. E se non le avete mai lette, come fare a dare il vostro voto? Semplice: leggetele! Sono disponibili in linea, gratis ovviamente. Approfittate della ghiotta occasione per tuffarmi in piccoli gioielli della letteratura disegnata targata Disney. Per leggere le storie dal 1949 al 1953, fate click qui. E se volete che la vostra preferita (valutando con attenzione sceneggiatura e disegni, ma soprattutto le emozioni che vi suscita) entri nella rosa delle 5 migliori, votatela. Il concorso non è riservato ai bambini.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 2/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Concorso: Moving Pixel
"Moving PIXEL - Giovani in concorso! a cura di flashfumetto.it. Scadenza: 2 febbraio 2009. Dopo il successo di "30 minuti in 2000 pixel", l'Ufficio Giovani del Comune di Bologna invita i giovani creativi a partecipare al concorso "Moving PIXEL" promosso da www.flasfumetto.it, in collaborazione con Hamelin Associazione Culturale, con lo scopo di valorizzare la creatività giovanile, offrire visibilità ai giovani e far emergere il talento delle nuove generazioni di artisti. A chi si rivolge: Il concorso, di ambito nazionale, si rivolge ai giovani dai 15 ai 35 anni. Sono ammesse... " Articolo completo: flashfumetto

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Venerdì, 2/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Concorsi

Buon 2009!
Valentina - Linus gennaio 1969 da te.
Questa era la copertina del mensile Linus nel gennaio 1969, 40 anni fa. Una splendida Valentina di Guido Crepax e un delizioso Snoopy, dai Peanuts di Charles M. Schulz. In questa mia foto Linus riposa su una base fornita dal notevole volumone curato da Ulrich Merkel, il Complete Dreams of the Rarebit Fiend del geniale Winsor McCay. Della serie FumettoSuFumetto. Se ci fate click sopra, vi trovate nella sua pagina su Flickr e potete scaricarvi l'ingrandimento massimo, se vi va. Per inziare bene l'anno nuovo. Che ce n'é davvero bisogno. Auguri!

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 1/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-afnews

Corriere dei Piccoli, omaggi, festeggiamenti, letture
Corriere dei Piccoli - 100 anniSergio Algozzino ha aperto un blog per ricordare il Corriere dei Piccoli, raccogliendo gli omaggi di professionisti del comicdom e semplici ammiratori della storica testata giornalistico-fumettistica per bambini e ragazzi. Lo trovate facendo click qui. Nel frattempo è in preparazione la grande mostra milanese curata da Giovanna Ginex per la Fondazione Corriere della Sera, che aprirà il 22 gennaio 2009 (click qui per saperne di più). E se voelte leggervi qualcuna delle belle storie pubblicate sul Corriere dei Piccoli nei tempi andati, fate click qui e ne trovere un bel po'. Nella foto qui accanto, invece, il volumone antologico di cui abbiamo recentemente parlato su afNews. Tornando al blog degli omaggi, Algozzino invita tutti, professionisti e non, a inviare il proprio. Buon divertimento e bando alla nostalgia!

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 1/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Notizie

Novita' Disney per il 2009
"Il 2009 porta in edicola (e in libreria) molte novità legate al Fumetto e ai Disegni Animati (i media più frequentati da Cartoonist Globale). La prima novità reca la data del 3 gennaio, ma in varie edicole dello Stivale è già disponibile da un paio di giorni. Si tratta di Disney Story, una collezione di 60 pezzi pubblicata da De Agostini che farà la felicità degli appassionati di film animati e del mondo Disney più in generale. Probabilmente non solo dei fans italiani, poiché questa iniziativa è inedita in tutto il mondo e anche all'estero c'è sicuramente vorrà possedere le locandine metalliche dei cortometraggi principali di quello che fu definito "il Mago di Burbank" riprodotte in modo conforme alle originali americane..." Articolo completo: LucaBoschi.

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 1/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Recensioni

Gli anniversari del 2009: 1 - Arriva l’avventura
Raymond di Tom Roberts - coverDi solito si celebrano gli anniversari decennali, ma questa volta bisogna fare un’eccezione perché è impossibile dimenticare che nel 1934 settantacinque anni fa, appunto - ci fu una vera fioritura di autori e personaggi che hanno lasciato un segno indelebile nella storia delle nuvolette. Il 7 gennaio del 1934, per esempio, Alex Raymond - uno dei maestri del fumetto - iniziò le storie di Flash Gordon e di Jim della Giungla, cui seguirono, due settimane dopo, le prime indagini dell’Agente Segreto X-9, con disegni dello stesso Raymond e testi, all’inizio, di Dashiell Hammett, uno dei maggiori autori di romanzi polizieschi. Ma l’avventura nei fumetti era arrivata già prima, esattamente cinque anni prima, dal 7 gennaio del 1929 quando apparvero le prime storie di Tarzan e di Buck Rogers. Il popolare uomo-scimmia giunse nei fumetti sulla scia dei successi letterari e cinematografici, con le prime strisce disegnate da Hal Foster, che nel 1937 lo abbandonò per dare vita alla saga di Valiant, coraggioso principe della Tavola Rotonda di Re Artù. Il migliore tra i tanti disegnatori che proseguirono il ciclo fu Burne Hogarth, che ne fece una versione estremamente efficace anche sul piano dell’anatomia, raggiungendo vette michelangiolesche, con voli plastici e membra muscolose. Buck Rogers è decisamente meno noto, almeno in Italia, di Tarzan, forse perchè il personaggio disegnato da Richard Calkins viveva vicende poco verosimili ambientate in un’America del 2429 dominata dai Mongoli. Gli Stati Uniti vivevano già in un clima di accerchiamento, con un pericolo – giallo, nero, rosso – sempre dietro l’angolo, e pertanto quello evocato nelle battaglie di Buck Rogers in un’America devastata dalle bombe (in una striscia dell’aprile 1929 c’è una potente esplosione che sembra anticipare la bomba di Hiroshima) sembrava indicare quello che gli americani avrebbero vissuto qualche anno dopo. L’avventura, nei fumetti, sarebbe poi proseguita con Dick Tracy nel 1931 e con altri personaggi, per poi riprendere alla grande con le storie di Alex Raymond, con Jim della Giungla, per esempio, immerso in mondi esotici, asiatici per lo più, tra foreste infestate da banditi vari e mari (del Sud, ovviamente) solcati da feroci pirati. Se in Jim si respira un’aria di antico colonialismo, in Flash Gordon siamo nel pieno dell’epopea spaziale, proiettata in un futuro chiaramente fantascientico, con quello scontro tra Gordon e il giallo Ming, spietato imperatore di Mongo che vuole conquistare la Terra. Ritorna, quindi, almeno in parte, il tema dell’accerchiamento, una paura che sarà spezzata solo dal coraggio di Gordon che sbaraglierà il perfido Ming, prima di tornare sulla Terra per aiutare gli americani e il mondo libero a sconfiggere il nazismo. [Carlo Scaringi]

Articolo di afnews (se non altrimenti indicato) - Giovedì, 1/1/2009
© copyright afNews/Goria/Autore - http://www.afnews.info ISSN 1971-1824 - cod-Scaringi


www.afnews.info